Vincenzo Cimino: pronto a incatenarmi per difendere il lavoro dei giornalisti

235 3

Il consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Vincenzo Cimino, ha inviato a tutti i colleghi molisani per evidenziare lo stato di difficoltà che vive l’editoria in Molise. Ed annuncia la sua decisione, se troverà conforto dall’adesione di altri giornalisti molisani alla sua iniziativa, di incatenarsi davanti a uno dei simboli delle istituzioni per rendere pubblico il disagio dell’intera categoria.

Vincenzo Cimino, consigliere nazionale Ordine giornalisti

Gentili colleghi,

avverto la necessità di rubarvi due minuti di attenzione. Ho bisogno del vostro apporto per tentare di mobilitare le coscienze, per avviare un percorso di condivisione di uno stato di crisi per la categoria, per tentare di scuotere una categoria, la nostra, che non può più permettersi di subire continue prevaricazioni e vessazioni di ogni tipo. Editori da una parte, la crisi del mercato pubblicitario e delle vendite, lo scettro maldestro della politica e la sfiducia della gente dall’altra, stanno mettendo a nudo una realtà che non riesco a tollerare. Guardiamoci attorno: nella nostra realtà molisana abbiamo uffici stampa con colleghi che hanno contratti di collaborazione, spesso nei gruppi regionali abbiamo contratti di segreteria con giornalisti costretti a vivere in clandestinità. Vogliamo parlare di quello che accade nelle radio? Vogliamo parlare del caos che regna nei telematici? Fermiamoci un attimo e ricordiamo gli ultimi due anni: quotidiani che nascono e muoiono, tv che chiudono le redazioni a Campobasso, Isernia e Termoli, quotidiani che chiudono redazioni e licenziano decine di colleghi, i quali si sono trovati, seppur malpagati e sfruttati, in mezzo ad una strada dall’oggi al domani. Vogliamo parlare della molisanità presente nel Tg regionale? Vogliamo parlare dei concorsi banditi e  bloccati, del bacino dei disoccupati? Vogliamo stendere il discorso ai telecineoperatori, ai tanti colleghi giornalisti che si improvvisano grafici, fotografi, titolisti ed impaginatori?

Andiamo avanti. Riflettiamo sui quotidiani regionali. Non c’è giorno in cui non mi si sottopongano questioni su ritardi nei pagamenti, contratti non corrispondenti ai compiti redazionali dei colleghi, vertenze lunghe ed estenuanti, tagli nella foliazione, tagli nei già magri stipendi, il tutto senza prospettive, senza garanzie e senza un minimo di tutela per giornalisti ormai ultratrentenni se non quarantenni. Accanto a questa situazione vi risparmio le incertezze sui periodici e le tv che hanno visto tagliato anche il fondo nazionale. Ebbene, in questo quadro desolante, raccapricciante e paurosamente incerto, vi chiedo una mobilitazione dandovi il mio apporto pieno e pronto per una manifestazione di sensibilizzazione istituzionale. Pertanto vi chiedo un parere circa un mio simbolico incatenamento davanti la Giunta regionale, il Consiglio, la Prefettura, l’Ordine stesso (ovunque mi diciate voi). Una manifestazione collettiva da organizzare insieme ma gradirei sapere cosa ne pensiate. Anche perché senza di voi, sinceramente non avrebbe senso. Aspetto vostre repliche.

Vi confermo l’adesione del collega consigliere Cosimo Santimone

Vincenzo Cimino

Consigliere nazionale Odg

I fatti del nuovo molise 

There are 3 comments

  1. avete messo la penna al servizio del potere? come dei mercenari? e perchè non ne volete pagare le conseguenze? mentre il retso dei cittadini le sta pagandopesantemente?

    ordine dei giornalisti?
    per come fate informazione a me sembrerebbero più dei giornalai!!!!!?????

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi