Venuto:Andiamo al voto per voltare pagina

    2
    353

    Le elezioni comunali del 26 e 27 maggio prossimi rappresentano una grande occasione di cambiamento per la città e, soprattutto, una grande occasione per i cittadini, democratica per rilanciare il quarto centro del Molise mortificata da eventi e personaggi che per anni hanno imperato sulla scena pubblica cittadina. In sostanza è quanto sostiene nel suo contributo Giovanni Venuto, persona di cultura e manager che vive a Venafro da alcuni anni. Venuto non perde occasione o dibattitto per cercare di smuovere le coscienze e far aprire gli occhi a tutti sul futuro di Venafro. “Assistiamo scrive Venuto a pochi giorni dalla presentazione delle Liste per le prossime Elezioni Comunali, ad una serie di riunioni semisegrete e a tanti titoli sui media che ogni giorno scoprono dei sindaci in pectore proposti dai vari schieramenti • Molti anziani che conoscono bene Venafro e i suoi abitanti prosegue il noto manager, sorridono quando leggono questi nomi, per loro come sempre saranno gli ultimi 3 giorni o 3 ore dell’ultimo giorno che verranno decise le liste; ergo molti avranno avuto la carica di Sindaco sulla carta, mentre sara’ l’elettorato a decidere chi sara’ realmente il primo cittadino. Immaginiamo conclude Giovanni Venuto, invece, ottimisticamente che i tanti Capi si mettessero intorno ad un tavolo istituzionale e decidessero di remare tutti insieme nella stessa direzione, molto probabilmente la città di Venafro potrebbe iniziare a vedere l’alba di un Nuovo Giorno, fatta di cose concrete da fare e da distribuire a favore dell’intera popolazione, senza distinzioni e favoritismi di parte; ormai questo modo antico di fare, ormai è noto a tutti e i risultati prodotti sono uguali allo zero, insistere vorrebbe significare che il popolo venafrano sarebbe peggiore del piu’ grave dei masochisti, io personalmente ritengo che la grandissima maggioranza dei miei concittadini sono persone intelligenti e appassionati della loro terra natia, per cui spero in quella inversione ad “U” per un domani migliore.” Insomma in città c’è fermento in vista delle prossime elezioni comunali. Basta girare per le strade della città e accorgersi che in tanti, come le lucertole, sono ritornati in mezzo alla gente dopo un lungo letargo. Una domanmodo antico di fare, ormai è noto a tutti e i risultati prodotti sono uguali allo zero, insistere vorrebbe significare che il popolo venafrano sarebbe peggiore del piu’ grave dei masochisti, io personalmente ritengo che la grandissima maggioranza dei miei concittadini sono persone intelligenti e appassionati della loro terra natia. per cui spero in quella inversione ad “U” per un domani migliore.” Insomma in città c’è fermento in vista delle prossime elezioni comunali. Basta girare per le strade della città e accorgersi che in tanti, come le lucertole, sono ritornati in mezzo alla gente dopo un lungo letargo. Una domanda sorge spontanea ed è sulla bocca di tanti venafrani: lo fanno per il bene della città oppure solo per interessi personali? Siamo sicuri che i cittadini elettori di Venafro non tradiranno la loro intelligenza nel trovare la risposta giusta, nel chiuso delle urne.

    2 commenti

    1. Scusatemi, ma chi sarebbe questo sig. Venuto?
      Quel sagnalungo che spesso passeggia per Venafro?

    2. sis, proprio quel sagnalungo ke mette lingua su tutto. ma da dove arriva?!? e poi, perchè si addrizzano tutti qua?

    Rispondi

    Please enter your comment!
    Please enter your name here