Venti giorni tra veleni e cabaret. Va in onda la campagna elettorale più surreale della storia politica molisana

di PASQUALE DI BELLO

Più si avvicina la data delle elezioni regionali, più aumentano gli episodi carichi di comicità e veleni. Al centro di una accesa polemica, la vicenda che riguarda il movimento Rialzati Molise la cui guida è stata recentemente affidata ad un triunvirato: Pietracupa, Tamburro e Bizzarro. Ai tre, indiscrezioni sempre più frequenti attribuiscono l’accordo con il centrosinistra per una poltrona sicura nel governo e nel sottogoverno regionale.

Cominciamo dal cabaret, così ci mettiamo di buonumore. Una notizia che ci è sfuggita nei giorni scorsi, è la seguente: “Pietracupa guida Rialzati Molise”. Fa riferimento alla nomina a coordinatore regionale del movimento di Mario Pietracupa, presidente uscente del Consiglio regionale, passato con armi (poche) e bagagli (molti) dal centrodestra al centrosinistra. Suoi vice: Riccardo Tamburro, coordinatore di Rialzati Molise in provincia di Campobasso, e Vincenzo Bizzarro in quello di Isernia. Gli incarichi, sono da considerarsi (testuale): “pro tempore sino alla celebrazione del primo congresso”. Ora, a parte la fase congressuale, che supponiamo si terrà in una cabina telefonica, non è forse degna del miglior cabaret, da Zelig al Bagaglino, la foto di gruppo dei tre neo coordinatori? Pietracupa, Tamburro e Bizzarro: a udire questi nomi, non giungono forse echi risorgimentali? Non vi pare di sentire i nomi di Mazzini, Armellini e Saffi, quelli dello storico triunvirato messo a capo della Repubblica romana? A questo siamo, al cabaret politico contrabbandato per immolazione alla Patria. Sentite il commento del presidente del movimento, Francesco Lucenteforte: “Esprimo vivo compiacimento per la convinta e sentita adesione dei tre importanti esponenti politici. Hanno dimostrato con i fatti che si può fare politica senza avere la mente rivolta alla ormai più che consueta prassi della corsa alle poltrone”. Ci pare di vederli, Pietracupa, Tamburro e Bizzarro, arditi e meditabondi, con gli occhi rossi di pianto e il volto commosso tra le mani, mentre aderiscono in maniera“convinta e sentita” a Rialzati Molise; e ci pare di vederli mentre incrociano due legnetti e, in un loro personalissimo esorcismo, urlano al demoniaccio fatto di una base e uno schienale, due braccioli e quattro gambe: “Vade retro poltrona!”.

E adesso, passiamo ai veleni. Dietro all’operazione Pietracupa-Tamburro-Bizzarro circolano da giorni pozioni letali messe più o meno ad arte nei bicchieri dei commentatori politici. Una di queste è quella che vorrebbe i triunviri tutti destinati ad una di quelle poltrone che, a sentire Lucenteforte, i tre invece aborrono. A Pietracupa spetterebbe quella di assessore esterno in una eventuale giunta Frattura, a Tamburro quella di direttore generale dell’Asrem e a Bizzarro la presidenza di un ente sub regionale. Bingo! Tombola! Sette e mezzo! Sarebbe questo l’arcano che si cela dietro al repentino accordo fra i tre e il centrosinistra, un accordo che più che a rialzare il Molise cerca di rialzare gli interessati caduti in palese disgrazia. A rivelare l’indiscrezione è stato nei giorni scorsi il collegaGiovanni Minicozzi, che ha si l’aria del buon padre di famiglia ma che, giornalisticamente parlando, è una specie di doberman, un Tom Ponzi della notizia capace di scovare e svelare i retroscena più reconditi del sottobosco politico. A fare il resto c’ha pensato radio fante che, nel fine settimana, ha rullato i tamburi, anzi ha rullato Taburro, battendo la notizia secondo la quale, effettivamente, l’onorevole bellicapelli sarebbe in viaggio per l’Asrem pronto a sostituire Angelo Percopo, attuale direttore generale, anche lui bellicapelli e col baffo alla David Crosby.

Bene. Chi ha passato il fine settimana a casa, tra le nebbie del sabato sera e le nevicate della domenica mattina, avrà trovato certo il tempo di fare un giro su Facebook. Chi lo avesse fatto, tra un piatto di lasagne e uno d’arrosto, avrà notato lo scompiglio gettato dalla notizia. Chi ci crede, chi non ci crede, chi, come al solito, inorridisce e se la prende con i giornalisti (che raccontano i fatti, le notizie e i fatti che potrebbero diventare notizie: cioè le indiscrezioni). Chi, come Paolo Frattura, si è precipitato asmentire tutto. Delle due l’una: o la notizia è falsa, e allora Frattura ha fatto bene a smentire, o, se è vera, ha fatto bene due volte a nasconderla. E che doveva fare, viene da chiedersi: confermarla? Detto questo, basterebbe una parola chiara degli interessati a dissipare nebbie e veleni: basterebbe chePietracupa, Tamburro e Bizzarro dicessero che non sono candidati a nulla e che quindi, oltre alla Regione, rinunciano a qualsiasi tipo di poltrona. Ciò li consegnerebbe alla Storia. Diversamente, sono destinati a restare alla cronaca come triunviri, più del sabato sera che del Risorgimento. Non vi paiono forse i Bee Gees e la canzone che cantano, non vi pare forse  “Tragedy”?

fonte:http://www.ilgiornaledelmolise.it/?p=11414

Mostra altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Close

Hai qualche plugin installato che blocca il sistema pubblicitario del sito

Per visualizzare il sito disabilitalo, grazie
X