Venafro località di fascino dell’Adriatico

2
797

VENAFRO. “Siamo sicuri che dopo questo importantissimo attestato, il sindaco farà di tutto per ottenere anche il riconoscimento della bandiera blu…”.
10539217_10203429877440720_1096251821_n
E’ come al solito caustico il capogruppo di minoranza Alfonso Cantone che, nel commentare la dichiarazione di “Venafro località di fascino dell’Adriatico”, ha inteso riportare il discorso su questioni a suo modo di vedere più serie e concrete. Al consigliere, insomma, è apparso fuori luogo l’entusiasmo del primo cittadino, che ha divulgato la notizia attraverso la propria pagina Facebook. Tra l’altro, nell’attestato c’è un clamoroso errore, formale ma anche ‘sostanziale’ allo stesso tempo: la città indicata non è Venafro ma “Venfaro”. Non si sofferma però su questo Cantone, che preferisce puntare al cuore del problema: “La città ha mille problemi, buche nelle strade ovunque, conti disastrati, zero lavoro, attività in crisi, disperazione… e il sindaco pensa a cullarsi perché ora siamo ‘località di fascino dell’Adriatico’ e tutto è risolto!”. Il capogruppo di minoranza, quindi, continua a lanciare bordare, sempre in modo sarcastico, come nel suo stile: “Una volta ottenuta anche la bandiera blu verrà organizzato lo slalom gigante sul corso, così Sorbo potrà avviare le pratiche per vedere Venafro essere riconosciuta località di fascino delle Alpi e potrà scriverlo e annunciarlo ai quattro venti sulla sua pagina Facebook”. Ironia a parte, comunque, per Cantone sarebbe importante che l’amministrazione badasse più alle cose concrete che alle iniziative sì apprezzabili ma che non mutano più di tanto, al di là della formalità, il corso dell’ente e della comunità. “Sicuramente è una buona trovata promozionale dal punto di vista turistico – ammette Alfonso Cantone – ma è evidente che se non vengono prima risolti i problemi, tutto il resto è forma ed è destinato a rimanere solo forma. Il sindaco dovrebbe scendere più tra la popolazione per capire che i venafrani di queste operazioni di facciata fini a se stesse non sanno che farsene…”.

2 commenti

  1. Alfò, ma 2/3 anni fa stavamo peggio di adesso e tu pensavi ad abbellire gli ingressi della città, barattando concessioni pubblicitarie da 25 anni. Ma di cosa parliamo?!?!

  2. Gentilissimo Andrea, parliamo del fatto che le concessioni erano per soli 3-5 anni ( documenti in comune)…. e parliamo delle lavori dal sottoscritto effettuati per rendere più dignitosa questa città ( area mscurigl, ponte della stazione di via colonia Giulia, scalette del mercato , ingressi lato Napoli e lato Cassino ( via Maria Pia e via quinto Orazio Flacco lavori appaltati dal 2012 e mai partiti) queste misere opere sono e resteranno le uniche effettuate da almeno 20 anni per questa città .

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here