Venafro: il Liceo Giordano e l’intera collettività hanno necessità della nuova struttura polifunzionale

247 3

Si era sperato  e mai speranza fu più vana , che entro la fine dell’anno scolastico appena concluso, o al massimo per l’inizio del prossimo, potesse essere inaugurata la nuova struttura polivalente del liceo classico “Giordano” di via Del Carmine…..mettendola a disposizione sia del mondo scolastico che di quello extrascolastico alla luce delle obiettive necessità della città, letteralmente “a corto” di strutture e servizi dove proporre e fare cultura, come concerti, mostre, teatro, dibattiti, conferenze e via discorrendo. Ebbene ogni illusione è miseramente naufragata, fallita a seguito del rinvenimento di reperti storico/archeologici nell’area prescelta per la nuova realizzazione, ossia lo spazio verde antistante il “Giordano”, una volta avviati gli scavi per gettare le fondamenta del nuovo attesissimo impianto. Venuti alla luce reperti e testimonianze della Venafro che fu ogni cosa è stata bloccata, della realizzanda struttura polivalente non se n’è fatta più parola, liceali e venafrani in genere sono rimasti per l’ennesima volta privi di un moderno servizio unanimemente atteso ed oggi nell’area in questione sono tornati al lavoro operai ed esperti per il recupero di reperti e strutture archeologiche. In parole povere, la nuova struttura polivalente del “Giordano” appare allo stato completamente affossata e messa da parte ! Va bene così ? La collettività cittadina, la classe studentesca costrette loro malgrado ad abbassare per l’ennesima volta la testa, rinunciando per forza di cose a crescere e progredire ? “Assolutamente no -replica duramente la gente comune, che aveva accolto finanziamento dell’opera ed avvio dei lavori con grandissima soddisfazione- non possiamo consentire che i nostri studenti restino privo dell’indispensabile come una moderna struttura polivalente e che tutte le altre classi sociali cittadine facciano altrettanto. E’ un diritto degli alunni e dei cittadini di Venafro disporre di un servizio moderno e funzionale, nel quale promuovere quanto necessario alla giusta crescita delle nuove generazioni ed utile a tutti gli altri che intendono impegnarsi nell’ambito artistico e culturale”. Quale proposta allora da avanzare perché venga realizzato il moderno impianto polifunzionale del classico “Giordano”, del quale l’intera città potrà eventualmente fruire ? “Alla luce dei reperti rinvenuti -ribattono gl’interlocutori- va individuata un’altra area su cui costruire. Del resto il “Giordano” dispone di ampi spazi liberi esterni, su cui vanno effettuati sondaggi per evitare altri “inconvenienti”. L’augurio è che non ci si imbatta in altre testimonianze del passato, in modo da poter procedere. Oppure si individui un’altra zona, non importa se distante dal “Giordano”, perché agli allievi dell’indirizzo umanistico ed ai venafrani in genere sta decisamente a cuore il nuovo servizio, che quindi “s’ha da fare” nell’interesse di tutta la città”. Evidente, a margine della vicenda, la “fame” o voglia di arte e cultura che giovani e adulti venafrani manifestano, una domanda senz’altro da soddisfare nell’immediato senza “se” e senza “ma”.

fonte : www.informamolise.com

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi