“Una città dai nuovi connotati”

403 0

Sulle tasse paghiamo lo scotto di un disavanzo di 740 mila euro
“In soli sei mesi abbiamo trasformato la città: dalla città del disordine quello di via Colonia Giulia come è nell’immaginario di tutti, alla città dell’arte, della cultura, dell’intraprendenza e senza pesare sulle casse comunali”.
E’ questo uno dei passi più significativi della relazione del sindaco Antonio Sorbo che ieri pomeriggio ha tenuto al cospetto di tutta la stampa regionale.

Non è mancata la stoccata al suo predecessore:” In trent’anni non è mai capitato, è capitato solo nel 2011 sotto l’Amministrazione di Nicandro Cotugno, di chiudere in disavanzo con l’esercizio finanziario di 740 mila euro. Noi siamo stati costretti a fronteggiare cioè un buco di quasi 800 mila euro.

” E per fronteggiare questa emergenza l’Amministrazione ha tagliato in tutti i settori, eliminando tutti gli sprechi nella macchina amministrativ a cominciare dalle risorse per straordinari ai dipendenti. E sulle tasse Sorbo ha ribadito.”

Per la Tares abbiamo tutti le  mani legate su un provvedimento preso dalla Commissaria Ferri. I cittadini devono sapere che il nostro comune è classificato ente strutturalmente deficitario, e la legge obbliga alla copertura di tutti i servizi a domanda individuale di oltre 80%. Si è passati cioè da una copertura del 50% a una copertura dell’ 80%.
” Quindi il disavanzo azzerato con l’ultimo atto di bilancio e il capitolo servizio idrico le due sofferenze per i conti del comune. “Abbiamo un aumento della tassa dell’acqua perché c’è un danno arrecato all’Ente che risale alla gestione Neptun, ben nota a tutti, con un debito certificato da Molise Acque di 4 milione e 800 mila per il pregresso ai quali si sono aggiunti altri le 650 mila etto per gli anni 2010, 2011 e 2012.

Noi siamo riusciti a saldare il 2010, entro la prossima primavera salderemo il 2011 e entro il 2014 il 2012. Ora dopo due anni i cittadini cominceranno a pagare l’acqua. Una situazione di massima emergen za che abbiamo ereditato e che stiamo sanando con grande senso di responsabilità”.
E sempre sul capitolo acqua , grazie al lavoro dell’assessore al bilancio Dario Ottaviano, oggi si riesce a sapere,  in tempo reale, il consumo di acqua potabile  zona per zona e si riesce a capire anche se si è  di fronte a delle perdite e allacci abusivi.
I furbetti saranno tutti stanati con questa tecnologia che consente già oggi al comune di Venafro di risparmiare circa 25 litri a secondo,  per un risparmio annuo che si aggirerà intorno ai 200 mila euro. Il primo cittadino ha  messo in evidenza un gioco di  squadra che ha portato risultati straordinari in ogni settore.Opere pubbliche che saranno realizzate con certezza, a comiciare dalla palazzina liberty, alla scuola di via maiella con il risanamento sismico di tutta la struttura di ceppagna e con il Pisu si riusciranno a portare a termine interventi pensati dall’Amministrazione Sorbo attorno alla biblioteca comunale. Riapre l’ufficio all’agricoltura presso i locali del comune,  al primo pinao, così come riaprirà a giorni anche l’ufficio delle entrate chiuso da oltre due anni.
E con il bando nazionale “Valore Paese” l’amministrazione Sorbo conta di recuperare anche l’ala del Palazzo San Francesco che sta letteralmente cadendo a pezzi.
Capitolo raccolta differenziata: una rettifica rispetto al pezzi di ieri. A interessarsi di questo capitolo non è la presidente del consiglio Di Clemente ma il vice sindaco che ha annunciato che partirà la raccolta a breve e che all’interno del pisu c’e’ un’altra iniziativa su questo fronte che porterà a un centro raccolta intercomunale mentre sarà perferzionato l’iter anche per l’isola ecologica che sorgerà nei pressi del depuratore comunale.

Tante altre novità ha annunciato il primo cittadino. Ritorneremo sull’argomento nei prossimi giorni.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi