“Un altro avvocato che li difenda al Consiglio di Stato..attesa per il Tar..pronti alla mobilitazione popolare”- tutte le scelte del Comitato ” SS Rosario”.

246 2

In attesa del pronunciamento del Consiglio di Stato fissato il 19 novembre. Si aprono nuove difficili scelte pergli uomini del Comitato “SS Rosario”.

Il loro avvocato di fiducia Alfredo Ricci non può difenderli in sede di dibattimento. Al Consiglio di Stato possono infatti accedere solo amministrativisti che esrecitano da più di 12 anni. E l’avv. Ricci ( peraltro assai preparato) non rientra in questa fattispecie. Il presidente del Comitato Gianni Vaccone nelle prossime ore dovrà nominare un nuovo avvocato. Mettendosi alla ricerca di una figura forte, preparata ed indipendente. Di fatto però l’udienza del 19 ha un valore relativo. Il Consiglio di Stato infatti si dovrà pronunciare sull’ultima ordinanza del Tar Molise che nominava il prefetto di Isernia “ commissario ad acta” per far rispettare una precedente ordinanza di sospensiva ( emessa dal Tar il 7 luglio 2011), che bloccava il Piano di smantellamento dell’ospedale cittadino. Con un impegno: rimettere in vita i reparti cancellati. Il Consiglio di Stato con atto monocratico bloccò quella sentenza. In attesa di pronunciarsi, con i tre giudici della Corte, il 19 ottobre. Ma la sentenza vale sino ad un certo punto. L’attesa riguarda il pronunciamento del Tar Molise fissato per l’8 novembre. Nel merito di atti e delibere regionali che realizzano il Piano Sanitario di Ridimensionamento. Naturalmente dall’altra parte della barricata il Comitato si scontra con l’Avvocatura dello Stato, i commissari regionali alla Sanità, la Asrem, la Regione e via discorrendo. I quali tutti insieme sono pronti a rilanciare ed opporsi, ricorrendo a nuovi gradi della Giustizia amministrativa. E non solo. <Contro un esercito del genere c’è una sola possibilità di vittoria: la mobilitazione popolare>- dichiara Vaccone, che aggiunge:< Occuperemo l’ospedale nel caso il Tar l’8 novembre respingerà il nostro ricorso. E sarà battaglia 24 ore su 24. Ci incateneremo all’entrata del SS Rosario>.

molise24 

There are 2 comments

  1. Ing Antonio Zullo |

    Ho parlato stasera col presidente del Comitato. E’ rimasto favorevolmente colpito dalla mia idea di verificare, se mai dovessero esistere, la bontà dei conteggi fatti dalla regione e dal commissario Basso a supporto della loro decisione di chiudere l’ospedale di venafro. In mancanza o in aggiunta chiedere tutti i dati affinchè possiamo sostituirci all’eventuale inadempienza regionale e del Commissario Basso, qualora dovessero basare le loro scelte su conteggi ridotti, insufficienti o che non considerano l’incidenza di tutti i parametri più importanti.
    Se tale idea sarà condivisa dall’avvocato che rappresenta il Comitato, il nostro concittadino Alfredo Ricci, potrà essere sottoposta alla prossima UDIENZA al TAR affinchè decida nel merito di annullare la decisione di smantellamento presa dalla regione ed ogni futura decisione simile, anche presa da BASSO, finché non dimostreranno su quali conteggi basano la loro decisione e non ci venga dato modo di rintuzzarne l’eventuale erronea stesura qualora, ad esempio, i veri sprechi e sperperi possono individuarsi altrove.
    Chiedo che altri cittadini, esperti nei settori utili allo sviluppo di tali conteggi, si facciano avanti per spendere parte del loro tempo per una causa così importante per noi stessi e per tutta la cittadinanza.
    Ho chiesto anche che per il prosieguo ogni ulteriore iniziativa da prendere o da non prendere sia ampiamente discussa in una assemblea dei cittadini in modo da dare agli stessi tutte le informazioni utili a poter consapevolmente decidere, a maggioranza dei presenti, quali siano le strade da percorrere. Ed il Comitato e l’avvocato saranno solo il mezzo per portare avanti tali decisioni e non il centro decisionale unico. Questa va sotto il nome di democrazia partecipata, non più rinviabile dopo i deludenti risultati della democrazia rappresentativa dove l’eletto farebbe solo quello che conviene a lui.
    A presto.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi