manifesti

Tolleranza zero per i manifesti abusivi

258 4

Quest’anno  a differenza degli altri anni, il Comune  e il Comando dei Vigili Urbani hanno deciso di applicare la tolleranza zero verso i manifesti abusivi.
Venafro ha bisogno di regole e che siano rispettate prima da loro che ambiscono ad essere i nostri rappresentanti politici.
 Va anche  detto che quest’anno la campagna elettorale a livello pubblicitario è stata fin’ora molto leggera, non si vedono grandi investimenti in vele e spazi pubblicitari, tanti sono rimasti vuoti senza nessuna pubblicità all’interno, sarà la crisi?
Vanno comunque i nostri complimenti al Comune e ai Vigili, era ora.

manifesti (1)

manifesti (2)

 

There are 4 comments

  1. Chissà perchè questo evento storico a Venafro coincide quando a gestire la cosa pubblica c’è una funzionaria statale?
    C’è da fotografarli quei manifesti soprattaccati nei punti di affissione perchè questa è una pagina storica per la nostra città poichè alle prossime elezioni con un’amministrazione in carico quei manifesti “AFFISSIONE ABUSIVA” non saranno presenti e difficilmente in futuro ne vedremo.
    pensiero… ne devono attaccare due per manifesto uno sulla faccia d’ebete che hanno e l’altro sul nome.

  2. Ing Antonio Zullo |

    I manifesti abusivi non sarebbe altro che la vera faccia di chi si propone: sopraffare. Sceglierli è come dare loro la “licenza per sopraffare”. e continueranno sempre più a distruggere sanità, ambiente, lavoro, a negare il diritto di tutti ad una vita dignitosa? Continuano conq uesto favoritismo conclamato che, a mio avviso, genera ed è generato dalla corruzione.
    nelle Casse dello stato ogni annomanca il 38% del PIL, mentre la media europea viaggia al 10% del PIL. Su circa 520 miliardi, se avessimo leggi meno aggirabili, si potrebbe frodare lo stato per soli 150 miliardi l’anno (corruzione, evasioni, nero, sprechi etc etc) recuperando bel 350 miliardi l’anno. Altro che IMU ICI TASSE INTEGRATIVE AUMENTO DI IVA MANCANZA DI LAVORO O DI REDDITO MINIMO FAMIULIARE. 350 miliardi l’anno corrispondono a circa 6000 euro a testa per ognuno dei 60 milioni di cittadini. nellamia famiglia siamo 5 persone quindi ci toccherebbe di frodare lo stato per 30.000 euro l’anno? CHI froda la quota che spetterebbe a me? Ed a voi altri?

  3. Ing Antonio Zullo |

    Visto che mi trovo in tema.
    L’EURISPES ha presentato il 31 gennaio il RAPPORTO PER L’ITALIA ANNO 2013.
    In esso dice che il giro di affari in nero in Italia quest’anno si è attestato a 540miliardi, pari a 9.000 euro per ogni cittadino italiamno.
    Nella mia famiglia siamo 5 persone, quindi avremmop dovuto avere un giro di affari in mero di 45.000 euro. Ed invece nemmeno 0 (ci crediate o no). Quanti di voi hanno avuto una entrata in nero di 9000 euro per ognbi componente della famiglia? Chi ci froda diq ueste quote che non abbiamo incassato in nero? Non sono i piccoli signori, sono i garndi. Fanno leggi che consentono ai piccoli di aggirare qualcosina solo per costruirsi un paravento, per non far vedere chi sono coloro che ci sottraggono risorse per arricchirsi e nascondere i soldi all’estero, garantendo il futuro alle loro generazioni successive…stracciando il futuro ai nostri figli. Continuateli pure a votare…..facciamo tutti la fine della “rana bolllita”.
    Ma io confido di no, confido che stavolta i cittadini manderanno al governo loro stessi: il Movimento 5 Stelle. Cambieranno le regole e quelle buone saranno applicate.
    Confidiamo in noi stessi, diciamo no ai condizionamenti ed ai ricatti cui ci sentiamo sottoposti.
    Il M5S siamo noi, tutti possono entrae e partecipare per costruire insieme il nostro futuro: dove ognuno vale uno, dove non si può diventare politici per professione, dove ilpolitico non può arricchirsi…dove vi è garanzia per il futuro e la dignità di ogni singolo cittadino.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi