Spazzata via l’inchiesta giudiziara denominata ” Piedi d’argilla”

634 7

Una delle pagine nere dell’attività della nostra regione viene finalmente archiviata.
Assolti i tre imputati, Gaetano Patriciello, Massimo Zullo e Orlando Pallotta.
Ieri l’ultimo grado di giudizio ha riconosciuto l’estraneità dei tre  imputati dalle accuse mosse quel triste giorno dalla giustizia molisana.
Finisce così la storia di piedi d’argilla.
Con buona pace di tutti

There are 7 comments

  1. Non confondiamo prescrizione e innocenza.
    Ne risulta ribadito, come ha più volte riconosciuto la Corte di cassazione, e da tempo la stessa Corte costituzionale (decisione n. 72 del 1979), che nelle ipotesi qui considerate la sentenza di proscioglimento per prescrizione presuppone sempre l’ avvenuto «accertamento sulla sussistenza del fatto e sulla colpevolezza dell’ imputato».

  2. ISERNIA – Inchiesta Piedi d’argilla, nell’ambito del filone principale, la Corte di Cassazione ha deciso ieri pomeriggio la prescrizione del reato, con annullamento degli effetti civili e rinvio alla Corte d’Appello di Salerno. Soddisfazione è stata espressa da tutti i difensori degli imputati in quanto Suprema Corte è entrata nel merito annullando gli effetti civili della sentenza della Corte d’Appello dell’anno scorso. In particolare riguardava la posizione di Gaetano Patriciello, Orlando Pallotta e Massimo Zullo. Lunedì scorso a Campobasso l’europarlamentare aveva presentato il libro verità “Piedi d’Acciaio” per ricostruire l’intera vicenda che l’aveva visto protagonista, suo malgrado, di un’indagine relativa alla variante di Venafro.

  3. ISERNIA – Inchiesta Piedi d’argilla, nell’ambito del filone principale, la Corte di Cassazione ha deciso ieri pomeriggio la prescrizione del reato, con annullamento degli effetti civili e rinvio alla Corte d’Appello di Salerno. Soddisfazione è stata espressa da tutti i difensori degli imputati in quanto Suprema Corte è entrata nel merito annullando gli effetti civili della sentenza della Corte d’Appello dell’anno scorso. In particolare riguardava la posizione di Gaetano Patriciello, Orlando Pallotta e Massimo Zullo. Lunedì scorso a Campobasso l’europarlamentare aveva presentato il libro verità “Piedi d’Acciaio” per ricostruire l’intera vicenda che l’aveva visto protagonista, suo malgrado, di un’indagine relativa alla variante di Venafro.

  4. La vicenda è chiusa, nessuno è colpevole con conseguente fedina penale pulita, questa è la verità. E sinceramente immaginavo fosse cosi.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi