Scatta l’intesa tra Ocelli e Argenziano Un faccia a faccia più che produttivo

255 6

La Commissaria Erminia Ocello ha dato una bella lezione di buona politica. Proprio così. Nel faccia a faccia con la sindaca del consiglio dei ragazzi Stefania Argenziano sono venute fuori tante belle idee che ora dovranno trovare una sorta di corsia preferenziale nella programmazione a medio e lungo termine del commissariamento. Argenziano nell’incontro di giovedì scorso è stata “scortata” dai membri del “Movimento Giovanile Venafrano” e da tutti i membri della giunta e consiglio comunale junior.

Tutti ragazzi venafrani dalla faccia pulita che stanno facendo molto per la città con iniziative di grande richiamo sociale e culturale. La Commissaria nel suo intervento è apparsa risoluta e ha prospettato alla sindaca Argenziano le idee che ha in mente per loro. “Fate la vostra parte. Impegnatevi sempre. ha iniziato a dichiarare Sono madre di quattro figli e so quanto sia fondamentale il rapporto coi ragazzi. Dove sono stata commissaria in Puglia mi sono impegnata con Libero per dare ai giovani spazi confiscati. Sino a creare insieme un Caffè Letterario. Occorre allargare gli spazi di legalità utili alla città.” Ocello poi, in un altro passaggio molto significativo, ha spiegato l’incidente diplomatico capitato durante le festività dei santi patroni. “Per quanto riguarda l’aver negato al sindaco dei ragazzi di sfilare alla processione con la fascia tricolore, vado spiegare il motivo dell’equivoco ha continuato la dottoressa OcelloIo non conoscevo la vostra realtà. Poi sono andata a consultare il regolamento che vi consente di avere un’azione propositiva e di confronto. Anche se manca un’indicazione di rappresentanza. E questo è poco importante, perché più che la forma conta la sostanza”. Occorre poi fare i conti con la mancanza di risorse e le ristrettezze di Bilancio. Della necessità di risparmiare, per incominciare a rimettere ordine nei conti comunali. Ma anche di portare avanti iniziative di crescita civile. La Commissaria poi ha fatto capire ai ragazzi che la situazione finanziaria del comune è veramente drammatica e che a malincuore proprio per questa situazione è stata costretta a mandare a casa tutti i collaboratori esterni di nomina politica. “Siamo indietro in questa città ha detto tra l’altro Ocello. E con molto dolore e rammarico umano, rispettando la legge, ho dovuto licenziare sette collaboratori esterni. Dal punto di vista delle risorse ho pochi collaboratori. Bisogna lavorare tanto, per condividere insieme risultati importanti”. Ma la dottoressa Ocello ha soprattutto ascoltato i giovani. Ha sentito le varie proposte. Le loro ragioni. Li ha invitati persino a costituire una banca ore del volontariato. I giovani sono subito entrati in sintonia con lei ed hanno invitato la commissaria alla Festa che organizzeranno la notte del 7 luglio. Una sorte di Notte Bianca. E la dottoressa Ocello ha promesso che ci sarà. Vuole i giovani al suo fianco. A fare cultura, promozione ed iniziative varie, stimolando la crescita culturale e delle idee a costo zero. Perché la forza dei giovani e dello spirito dà linfa a tutto. Ed innanzitutto alla politica, all’amministrazione pubblica. “ Voi sarete le mie braccia, le mie mani ha concluso la Commissaria Ocello rivolgendo il saluto finale ai ragazzi Insieme ci impegneremo per grandi temi comuni: legalità, libertà, rapporto nordsud, lavoro, conoscenza”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi