Santissimo Rosario, nasce un asse commissario-comitato

318 8

VENAFRO (Isernia) – Un incontro proficuo. Che potrebbe segnare l’incipit di un nuovo capitolo della vicenda riguardante il SS. Rosario di Venafro. Questa mattina nel palazzo di governo del capoluogo pentro, si è tenuto il primo incontro tra il Comitato in difesa dell’ospedale venafrano e il commissario ad acta nominato dal Tribunale amministrativo regionale, il prefetto di Isernia Filippo Piritore. Il faccia a faccia è stato definito “più che soddisfacente” dal legale del comitato, l’avvocato Alfredo Ricci, anche lui in attesa che vengano ripristinati i servizi nel nosocomio, come disposto dallo stesso Tar. Ricci, insieme al numero uno del comitato pro SS. Rosario, Gianni Vaccone, ha illustrato al prefetto le varie tappe di una vicenda giudiziaria estenuante, per fornire un quadro chiaro della situazione e, al contempo, abbozzando anche possibili soluzioni per il futuro della struttura. Dunque, “un incontro molto proficuo – ha detto ancora Ricci – nel quale abbiamo riscontrato la massima disponibilità da parte di sua eccellenza il prefetto. Siamo fiduciosi e restiamo in attesa delle sue decisioni. Non si è parlato di tempi, ma è chiaro che occorrerà agire in fretta”. Il giudizio di merito, occorre ricordarlo, è atteso per il prossimo 8 novembre. Ma sul punto proprio l’avvocato Ricci si è mostrato cauto: “Siamo fiduciosi – ha affermato – ma consapevoli che la partita è complessa. Stiamo lavorando per una positiva soluzione del caso”. Anche Vaccone è soddisfatto: “E’ andata benissimo”. Per poi spiegare: “Devono darci ciò che ci hanno tolto: pronto soccorso, rianimazione, quattro posti di chirurgia e quelli tolti a medicina”. Altrimenti, “sono già pronte le carte per la Procura di Roma: allora vedremo se chiuderà l’ospedale di Venafro o quello di Isernia”.

fonte : http://ilnuovomolise.it/40012/40012

There are 8 comments

  1. Egregio Presidente del Comitato che ne pensi di organizzare una manifestazione a supporto dell’asse COMITATO-COMMISSARIO?

  2. MA SECONDO VOI,VG, PERCHE’ SI PREOCCUPA TANTO DELL’OSPEDALE?AVRA’ PAURA DI PERDERE IL POSTO DI LAVORO NOTTURNO,DOVE SI METTE IN TASCA 1800 €,X DORMIRE?

  3. Egregio signor Anonimo, lei intanto mette questa diceria e poi dovrebbe toccare al Presidente del Comitato togliersela di dosso?
    Vorrei provarci io. E parto dall’analisi della sua diceria.
    Ammesso sia vero che una componente delle motivazioni che muovono il Presidente del Comitato possa essere questa “tutrela” del suo posto di lavoro……. vuole forse dirci che deve smettere di agire in tutela dell’ospedale di venafro e deis ervizi che offre alla collettività che ne usufruisce (anzi ne usufruiva) ed al Paese intero (nazione) perchè produttivo nei fatti ma fatto figurare da chiudere per consentire altri maggiori sperperi passati, presenti e futuri?
    Con la sua diceria vuole forse dire che il Presidente IORIO si sarebbe adoperato per mandare eccessivamente in deficit la sanità per poi poter essere nominato Commissario e beccarsi una prebenda ulteriore? Spero di No, anche se a pensar male si fa peccato ma qualche volta ci si azzecca (frase addebitata ad un famoso personaggio della scena politica del passato quasi recente).
    Pertano signor ANONIMO le suggerirei di pensare se ritiene giusto e di interesse della collettività che l’Ospedale di venafro venisse salvaguardato con impegno efficace e, come già ho fatto io, proporre al Presidente Vaccone di organizzare una manifestazione a supporto dell’azione Comitato/Commissario (presunta azione perchè ancora non ho notizia che i reparti siano stati ripristinati, anzi avrei notizia che anche ortopedia sia stata messa in condizioni di funzionare poco così incomincerà a perdere pazienti e ne sarà dimostrata la incapacità di sopravvivare utilmente?)
    Combattere contro azioni “ingiustificate” del coacervo del sistema politico/dirigenziale è cosa ardua che solo una azione compatta di massa potrebbe ostacolare o neutralizzare. Non basta il TAR perchè la disposizione data era un fatto dovuto. Tra due mesi ci sarà il merito e lì faranno figurare che lì’Ospedale è improduttivo…perchè l’hanno reso tale con anni ed anni di pèrogressivo impoverimento. La chiusura dell’Ospedale di venafro, a mio avviso, sarebbe partita circa 10 anni fa come strategia pianificata……anche sse solo oggi possiamo intuirlo.

  4. si anonimus. E magari sarà lo stesso Vaccone che, inq uesto caso e secondo ANONIMO, avrebbe montato tutto questa azione di Tutela dell’ospedale, per continuare a dormire a Venafro e non , magari, a isernia o a Pozzilli?
    Io gli augurerei di andare a dormire ad Isernia, a come sta l’aria a Pozzilli e Venafro e con le presunte inadempienze degli Enti che ne dovrebbero salvaguardare la salubrità riducendo glòi effetti delle fonti altamente inquinanti ed evitando di farne mettere di nuove facendo sforare ulteriormente ilimiti, ce neguadagnerà in salute ed in longevità. Presidente Vaccore, lascia stare il comitato, pensa alla tua salute e va a dormire ad Isernia…che quì a venafro, grazie ad ANONIMO ed alle cricche politiche che agiscono sul territorio…..venafro presto diventerà una seconda taranto. Ed in quest’ottica è meglio che l’Ospedale si chiuda e venga trasferito dove l’aria èmeno inquinata….valuterei tra Filignano e Conca casale…. migliorando le strade ed integrando con percorsi fa Funivia o altro (funivia per pedoni ed anche per ambulanza…così si evlimina anche il traffico per andarci rendendo obbligatorio l’uso della Funivia per i non residenti.

  5. io non credo che Vaccone sia interessato al suo stipendio, perche buttare fango su tutti?! Certo a Isernia si sta bene, a Pozzilli anche meglio, ma Vaccone è una brava persona ed è l’unico che è sempre stato in prima linea nella difesa del nostro ospedale… anche se a mio avviso ha sbagliato a scendere in campo alle elezioni regionali… e poi con chi !!!…………………………..

  6. In quali elezioni regionali sarebbe sceso in campo, inq uelle ancora da fare?
    Sicuramente per operare con successo la difesa dell’ospedale di venafro, che a me sembra utile e produuttivo non come vogliono farlo sembrare, occorre prendere in mano la regione.
    Se il tuo riferimento di candidatura è alle prossime, spero non lo faccia con un partito storico…..sono uniti nel sistema di degrado in cui ci hanno portato.
    La speranza è nel Movimento 5 Stelle, di difficile attecchimento in una regione piccola come la nostra dove la paura di metersi contro il sistema dei privilegi di casta è maggiore. Ma speriamo che il M5S prenderà in mano l’Italia e, di riflesso, vedremo i benefici anche da noi. Perchè è lo Stato che deve impedire che il sistema possa far apparire perdenti gli ospedali attivi e vincenti le strategie di spostamento dal pubblico al privato, trplicando i costi per paziente

  7. Se poi vogliamo paragonare l’azione di vaccone rispetto ai consiglieri regionali di venafro che abbiamo avuto e che si ricandideranno…non c’è paragone: è da preferire Vaccone.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi