TheBluff

Riforma del lavoro: Un gioco a somma “zero”.

306 0

In questi ultimi giorni il “Governo Letta” è impegnato nella programmazione e organizzazione di quella riforma del lavoro che ormai è stata già rinominata “Erasmus dell’occupazione”.

Sono giorni cruciali, il 27 e il 28 giugno il Presidente del consiglio dovrà presentarsi al cospetto dell’Europa con un progetto serio in merito alla questione della disoccupazione giovanile.

Nella giornata di domani verrà presentato e approvato un decreto legge che avrebbe bisogno probabilmente di qualche “letta” in più.

Si modifica nuovamente lo scenario lavorativo, la riforma Fornero palesemente fallimentare, sta per lasciare spazio ad una manovra scellerata.

“Saranno prese misure importanti per ridurre il costo del lavoro sulle nuove assunzioni, riorganizzare i centri pubblici per l’impiego, semplificare l’apprendistato e aumentare la flessibilità in entrata”, questo il sogno di Letta.

L’economia insegna che ogni programmazione finanziaria ha effetti diversi in differenti società.

Cosa vuol dire in una realtà come quella italiana fatta da una miriade di s.r.l. introdurre incentivi alle nuove assunzioni, sgravi per l’apprendistato (che a parere di letta deve essere rilanciato) e incentivi per l’assunzione a tempo indeterminato?

Molto semplice immaginare uno scenario di questo genere:

Le imprese già in crisi (s.r.l.) chiuderanno tranquillamente i battenti, apriranno nuove società sempre e comunque a responsabilità limitata, licenzieranno le persone esenti da incentivazione e assumeranno i “GIOVANI”.

Logicamente a quel punto la natura del contratto (apprendistato, determinato, tempo indeterminato) non avrà più alcun valore.

In questa ottica sarebbe semplicemente una sostituzione della forza lavoro e non un aumento dell’occupazione, assumeranno persone di età inferiore, mentre altri non vedranno rinnovato il proprio contratto.

Praticamente siamo al cospetto di una nuova riforma ideologica ma certamente non pratica, fatta da persone che riformano il lavoro, non avendo mai lavorato.

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi