Questo è un post serio perché su certi argomenti non c’è molto da ridere, al mas…

1
18

Questo è un post serio perché su certi argomenti non c’è molto da ridere, al massimo si può vomitare.
Sappiamo benissimo chi ha organizzato il linciaggio mediatico del candidato del M5S Andrea Greco. Sono mesi, non giorni, ma mesi che rovistate come avvoltoi nella vita di questo ragazzo alla disperata ricerca di qualche sputo di fango per azzopparlo….e tutto quello che siete riusciti a trovare, con il solito aiutino di qualche manuccia infedele, è una zia che quasi 40 anni fa si innamorò di un delinquente della camorra! E ora? Ora che avete sparato l’unica squallida cartuccia che avevate in canna, siete nudi e disperati perché l’unico effetto che avete ottenuto è quello di far capire a tutti i molisani che “l’utilizzatore finale” di questa porcata è il centrodestra terrorizzato dalla prospettiva di perdere le elezioni regionali. O pensate che siccome rimanete zitti facendo fare il lavoro sporco alla feccia dei giornali nazionali amici e ai fake sguinzagliati su facebook, non si capisca chi e come si era fatto i conti di sfruttare in campagna elettorale questa putrida porcata? Non avevate calcolato che sarebbe diventata un boomerang in fronte perché avrebbe dato la possibilità a tutti i molisani di paragonare il fango senza fatti sui 5 stelle con i fatti senza fango che il centrodestra si porta in groppa?
E allora vediamoli un pò di fatti veri e accertati, a proposito di camorra e non solo. Chi sono i fiori di campo del centrodestra molisano che gli elettori dovrebbero preferire ai pericolosissimi 5Stelle?
Vincenzo Niro, condannato con sentenza definitiva per aver portato, quando faceva la guardia carceraria, armi in carcere ai camorristi di Raffaele Cutolo. È stato riabilitato e ce ne rallegriamo, ma come sanno anche le pietre, la riabilitazione cancella solo gli effetti penali della condanna, non il reato. E quel reato accertato lo ha commesso Niro, non Andrea Greco.
Aldo Patriciello, condannato in via definitiva negli anni 90 per finanziamento illecito a Michele Iorio che era candidato alle regionali. Anche lui è stato riabilitato e ci complimentiamo. Ma quel reato accertato lo ha commesso lui, non Andrea Greco. Andrea Greco è solo uno sfigato che non ha la fortuna di poter assumere tra i suoi collaboratori il figlio di un magistrato che svolge la sua funzione in Molise, come ha fatto Patriciello al Parlamento Europeo: anche questa è una notizia vera uscita su un giornale nazionale (La Repubblica) un mese fa, ma sui giornali locali i molisani non l’hanno trovata….perché la stampa nostrana trova il coraggio di riportare le notizie nazionali solo quando ci sono di mezzo soggetti senza potere (come Greco) e non toccano i potenti, come Patriciello.
E di Michele Iorio ne vogliamo parlare? No, non ne possiamo parlare perchè ci vorrebbe un’enciclopedia. Per oggi ci accontentiamo della condanna in secondo grado che Iorio condivide con Vitagliano nel processo “Zuccheropoli”: lo sapete che per la legge Severino si possono candidare ma non possono essere proclamati se eletti?
Ma non ci vogliamo dimenticare di Massimiliano Scarabeo e degli arresti domiciliari che ha subito quando era assessore del Pd di Frattura per truffa ai danni della regione. giustamente oggi si candida nel centrodestra.
E per pietà non parliamo dei PADRI FONDATORI del centrodestra….ma con tanta fiducia aspettiamo di vederli sul palco con Toma a dargli man forte per la chiusura della campagna elettorale: dal #perbene Silvio Berlusconi evasore fiscale e corruttore di giudici e senatori al #perbene Giggin a purpetta, autista di Raffaele Cutolo appena rieletto con Forza Italia al Senato, dal #perbene Sovranista Giuseppe Scopelliti, che poche ore fa si è costituito in carcere dopo la condanna definitiva in Cassazione di ieri al #perbene erede leghista e noto meridionalista Salvini, che non risponde sui conti della Lega scoperchiati dall’Espresso, al…. al…..al….e qui ci dobbiamo fermare perché non basterebbe manco l’enciclopedia.
Allora come funziona? Ci dobbiamo preoccupare di Greco per fatti accaduti ai parenti quando lui non era ancora nato e invece ci dobbiamo sentire garantiti e rassicurati da condannati di ogni genere o da condannati riabilitati che i reati li hanno compiuti davvero e di persona?
Sapere che state nascosti in silenzio a godervi il dossieraggio su Greco sperando di poter ricavare qualche vantaggio elettorale dal linciaggio di un ragazzo di 30 anni che non solo non ha fatto niente, ma che ha solo la colpa di essere l’unico candidato in grado di mandarvi tutti a casa per sempre, è uno spettacolo vomitevole che provoca il voltastomaco, lo stesso disgusto che vi tornerà indietro sotto forma di voto facendovi sparire finalmente dalla politica della nostra regione. VERGOGNATEVI DI ESISTERE.


Questo è un post serio perché su certi argomenti non c’è molto da ridere, al massimo si può vomitare.
Sappiamo benissimo chi ha organizzato il linciaggio mediatico del candidato del M5S Andrea Greco. Sono mesi, non giorni, ma mesi che rovistate come avvoltoi nella vita di questo ragazzo alla disperata ricerca di qualche sputo di fango per azzopparlo….e tutto quello che siete riusciti a trovare, con il solito aiutino di qualche manuccia infedele, è una zia che quasi 40 anni fa si innamorò di un delinquente della camorra! E ora? Ora che avete sparato l’unica squallida cartuccia che avevate in canna, siete nudi e disperati perché l’unico effetto che avete ottenuto è quello di far capire a tutti i molisani che “l’utilizzatore finale” di questa porcata è il centrodestra terrorizzato dalla prospettiva di perdere le elezioni regionali. O pensate che siccome rimanete zitti facendo fare il lavoro sporco alla feccia dei giornali nazionali amici e ai fake sguinzagliati su facebook, non si capisca chi e come si era fatto i conti di sfruttare in campagna elettorale questa putrida porcata? Non avevate calcolato che sarebbe diventata un boomerang in fronte perché avrebbe dato la possibilità a tutti i molisani di paragonare il fango senza fatti sui 5 stelle con i fatti senza fango che il centrodestra si porta in groppa?
E allora vediamoli un pò di fatti veri e accertati, a proposito di camorra e non solo. Chi sono i fiori di campo del centrodestra molisano che gli elettori dovrebbero preferire ai pericolosissimi 5Stelle?
Vincenzo Niro, condannato con sentenza definitiva per aver portato, quando faceva la guardia carceraria, armi in carcere ai camorristi di Raffaele Cutolo. È stato riabilitato e ce ne rallegriamo, ma come sanno anche le pietre, la riabilitazione cancella solo gli effetti penali della condanna, non il reato. E quel reato accertato lo ha commesso Niro, non Andrea Greco.
Aldo Patriciello, condannato in via definitiva negli anni 90 per finanziamento illecito a Michele Iorio che era candidato alle regionali. Anche lui è stato riabilitato e ci complimentiamo. Ma quel reato accertato lo ha commesso lui, non Andrea Greco. Andrea Greco è solo uno sfigato che non ha la fortuna di poter assumere tra i suoi collaboratori il figlio di un magistrato che svolge la sua funzione in Molise, come ha fatto Patriciello al Parlamento Europeo: anche questa è una notizia vera uscita su un giornale nazionale (La Repubblica) un mese fa, ma sui giornali locali i molisani non l’hanno trovata….perché la stampa nostrana trova il coraggio di riportare le notizie nazionali solo quando ci sono di mezzo soggetti senza potere (come Greco) e non toccano i potenti, come Patriciello.
E di Michele Iorio ne vogliamo parlare? No, non ne possiamo parlare perchè ci vorrebbe un’enciclopedia. Per oggi ci accontentiamo della condanna in secondo grado che Iorio condivide con Vitagliano nel processo “Zuccheropoli”: lo sapete che per la legge Severino si possono candidare ma non possono essere proclamati se eletti?
Ma non ci vogliamo dimenticare di Massimiliano Scarabeo e degli arresti domiciliari che ha subito quando era assessore del Pd di Frattura per truffa ai danni della regione. giustamente oggi si candida nel centrodestra.
E per pietà non parliamo dei PADRI FONDATORI del centrodestra….ma con tanta fiducia aspettiamo di vederli sul palco con Toma a dargli man forte per la chiusura della campagna elettorale: dal #perbene Silvio Berlusconi evasore fiscale e corruttore di giudici e senatori al #perbene Giggin a purpetta, autista di Raffaele Cutolo appena rieletto con Forza Italia al Senato, dal #perbene Sovranista Giuseppe Scopelliti, che poche ore fa si è costituito in carcere dopo la condanna definitiva in Cassazione di ieri al #perbene erede leghista e noto meridionalista Salvini, che non risponde sui conti della Lega scoperchiati dall’Espresso, al…. al…..al….e qui ci dobbiamo fermare perché non basterebbe manco l’enciclopedia.
Allora come funziona? Ci dobbiamo preoccupare di Greco per fatti accaduti ai parenti quando lui non era ancora nato e invece ci dobbiamo sentire garantiti e rassicurati da condannati di ogni genere o da condannati riabilitati che i reati li hanno compiuti davvero e di persona?
Sapere che state nascosti in silenzio a godervi il dossieraggio su Greco sperando di poter ricavare qualche vantaggio elettorale dal linciaggio di un ragazzo di 30 anni che non solo non ha fatto niente, ma che ha solo la colpa di essere l’unico candidato in grado di mandarvi tutti a casa per sempre, è uno spettacolo vomitevole che provoca il voltastomaco, lo stesso disgusto che vi tornerà indietro sotto forma di voto facendovi sparire finalmente dalla politica della nostra regione. VERGOGNATEVI DI ESISTERE.

fonte

2018-04-05 21:47:55

1 commento

Rispondi

Please enter your comment!
Please enter your name here