Quando Mattarella ripuliva Wikipedia sul padre e la mafia

Quando Mattarella ripuliva Wikipedia sul padre e la mafia
DAL PORTALE

[ad_1]

Quando Mattarella ripuliva Wikipedia sul padre e la mafia

Quando Mattarella ripuliva Wikipedia sul padre e la mafia
Sul Web – Nel 2009 un utente col nome del futuro capo dello Stato ha modificato i passaggi “scomodi” dalla biografia del patriarca Dc
di Sandra Rizza
Il Fatto Quotidiano 29 ottobre 2017

Per sei volte, nell’aprile 2009, è entrato nella pagina di Wikipedia sull’ex ministro dc Bernardo Mattarella, scomparso nel ’71, per correggere una biografia che evidentemente lo infastidiva. Se non è un mitomane che si firma col suo nome (ma pervaso dalla stessa devozione di un figlio), l’autore delle modifiche potrebbe essere proprio il capo dello Stato Sergio Mattarella, che all’epoca non era più deputato e non era ancora giudice costituzionale, ma appariva già ossessionato dall’ansia di “blindare” la sua storia familiare. Quei “ritocchini” su Wikipedia confermerebbero la sua tenace volontà di demolire i vecchi sospetti sul padre, più volte citato dalla commissione Antimafia per presunti rapporti con Cosa Nostra, ma mai sfiorato da un’indagine per mafia.

Cosa scrive l’utente “Sergio Mattarella” nella biografia del patriarca dc? Ricorda come la sentenza della Corte di Viterbo, sulla strage di Portella delle Ginestre, “dichiarò infondate le accuse di Gaspare Pisciotta”, che aveva indicato Bernardo tra i mandanti. Evidenzia come nel ’67 l’anziano notabile ottenne a Roma la condanna per diffamazione del sociologo Danilo Dolci che lo accusava proprio di collusioni con la mafia, ricopiando il passaggio della sentenza secondo cui Bernardo Mattarella “ha sempre espresso in modo inequivoco la sua condanna del fenomeno mafioso”.

E ancora inserisce tra le fonti un articolo dello storico Massimo Ganci che nel ’69 sul Giornale di Sicilia definiva Mattarella senior “il nemico numero uno del Movimento Indipendenza Siciliana”. L’obiettivo? Confutare la denuncia dell’Antimafia del ’76 (quella di Pio La Torre) che invece lo aveva indicato come l’uomo che “traghettò la mafia dal fascismo e dal separatismo alla Dc”.

Possibile che il dotto revisore che si intrufola tra i wikipediani per tutelare la figura del potente Bernardo sia davvero il futuro presidente? Il capo dello Stato, da noi interpellato tramite il suo portavoce, non ha voluto replicare. Di certo c’è che tutti gli interventi dell’utente “Sergio Mattarella”, visibili nella cronologia di Wikipedia, sono registrati il 13 aprile 2009 tra le 20.28 e le 20.52. Alcuni sono tuttora presenti nella biografia di Mattarella senior, altri sono spariti, forse cancellati successivamente da altri wiki-revisori. Ma come precisa Niccolò Caranti, uno degli amministratori di Wikipedia, dietro quell’utente potrebbe esserci chiunque, perché per registrarsi basta un nickname: per questo il 2 febbraio 2015, subito dopo l’ultima elezione al Quirinale, il nome “Sergio Mattarella” è stato bloccato come “inappropriato”. Ma un fake sarebbe così ferrato sulla biografia del vecchio patriarca dc? E utilizzerebbe gli stessi documenti che il capo dello Stato ha poi usato nelle cause giudiziarie per difendere la memoria del padre?
[…] continua

l’articolo completo su Il FQ oggi in edicola
➡️ http://www.ilfattoquotidiano.it/il-fatto-quotidiano-prima-…/
[ad_2]

Fonte
Il portale Venafrano.org non risponde legalmente delle news prese da altri siti web, blog o testate giornalistiche registrate.