Quando il giornalismo danneggia i seri professionisti facendo informazione grossolana.

E’ accaduto in questa settimana che il giornale cartaceo quotidiano molise ha pubblicato un articolo riguardante la presunta truffa eseguita da un assicuratore Venafrano.
Non facendo il nome della persona accusata  ,il giornale ha pubblicato la notizia ” INTASCA LE POLIZZE DEI CLIENTI, ASSICURATORE NEI GUAI”  quindi,  tra i venafrani è partita la caccia al truffatore e molti si sono fatti delle ipotesi sbagliate sul presunto colpevole, tanto da portare uno di loro a pubblicare su facebook la propria fedina penale per togliere ogni dubbio.
Un danno di immagine enorme per chi ogni giorno combatte contro la crisi e la concorrenza , spesso anche sleale ora  anche i giornali si mettono a istigare la caccia alle streghe , viste solo da loro .

Il Signor Fabrizio Siravo, per smentire ogni  dubbio ha deciso addirittura di pubblicare sulla sua bacheca di facebook la fedina penale.
Ma dico io , questa è informazione seria?Portare un serio professionista e padre di famiglia  a dover dare queste dimostrazioni pubbliche?
Va a Fabrizio come a tutti gli assicuratori ” SERI” la solidarietà del portale  e un forte sdegno per questi giornalai ( con rispetto per chi li vende).


Mostra altro

ommenti

  1. Se sono tutti cosi’ seri si puo’ sape’ qal’e’ sta assicurazione.Proprio per difendere i seri diciamolo.

  2. Caro Ciro,
    credo che questa notizia non costituisca nè informazione, nè diritto di cronaca, ma solo infamia, calunnia, illazione e come tale, perseguibile penalmente.
    Mi spiace che Fabrizio sia stato costretto a difendersi (poi da cosa?Dal chiacchiericcio?). A Venafro si dice “quand si spas le penn, vall a rcogl”, per significare che una volta che un’ingiuria si è diffusa diviene difficile estirparla.
    Non ho mai comprato giornali locali e questi episodi rafforzano ancora di più la mia convinzione di non comprarli, però, cari amici giornalisti, prima di divulgare qualcosa, sarebbe bene documentarsi approfonditamente ed in maniera inconfutabile ed incontrovertibile.
    Noto, purtroppo, che spesso, le fonti di informazioni sono i bar o è la delazione dell’uomo della strada, quindi senza nessun fondamento.
    I processi non si fanno sui giornali, nè in televisione,nè al mercato,nè per strada, ma nei tribunali!!
    Solidarietà a Fabrizio!

  3. SOLIDARIETA’ A FABRIZIO!!! ….SONO ASSICURATO CON LUI DA CINQUE ANNI, E’NON HO AVUTO MAI “NESSUN ” PROBLEMA!!!

  4. Dovremmo chiederlo alle forze dell’ordine… Purtroppo sono notizie vere mischiate a tanto chiacchiericcio….

  5. Ciao Comiso, mi fa piacere leggere il tuo commento… Sono convinto che sono in tanti ad avere avuto il tuo stesso trattamento… Grazie!

  6. Grazie Vito!!! Hai perfettamente ragione… Non è bello vergognarsi di cose che non hai fatto! Per fortuna ho anche tanti amici che mi stimano e mi vogliono bene!!! Compreso te e la tua famiglia! Grazie!

  7. Propongo una cosa, chiedo a Ciro se vuole prendersi la briga… Tutti gli assicuratori firmeranno una richiesta al giornale per sapere di chi si tratta. Non è una cosa molto difficile a venafro non siamo molti. Solo così potremmo sapere chi è soprattutto se la notizia è fondata….

  8. ho già un sacco di casini io, ci manca solo che mi metto a far la raccolta firme 😀

  9. in un altro post su questo blog qualcuno ebbe a chiamarli “untori”..quelli che metterebbero dicerie sulle spalle di alcuni …che poi dovranno cercare di togliersele di dosso.
    Io quando leggo una notiuzia, mi chiedo innanzitutto se è vera o se è una invenzione, poi cerco di capire e solo alla fine ….in genere….avrei desiderio di conoscere chi l’abbia messo in giro o riportata…..ma solo per capire da chi devo guardarmi le spalle…….la diceria gratuita è un metodo che alcuni, il cui DNA è profondamente infettato, ne farebbero uso a iosa pur di raggioungere i loro scopi “poco chiari o poco onorevoli”

  10. ma sai inquanti avranno comprato quel giornale per la prima volta? solo alla ricerca di una indicazione per vedere se la sua assicurazione era tranquilla o meno?

  11. Cin tutti sti “casini” che dici di avere, la raccolta di firme dovremmo farla noi per fartene togliere qualcuno. Ops..casini?!?! avevo immaginato “casinò”!!!!!!!!!!!!

  12. Fabrì i teng quatt macn e n scuter ra tè… quoto l’idea dello sconto 😛 😀 😉

  13. condivido il tuo pensiero io sono assicurato da tanti anni con lui con qualsiasi assicurazione che ha avuto e non ho avuto mai nessun problema ……

  14. Io non conosco il sig Fabrizio e non sono nemmeno venafrano, ma mi chiedo come mai a parecchia miei amici di Venafro, è arrivata una lettera dalla casa madre della compagnia rappresentata dal sig. Fabrizio, nella quale comunicano che il signore in questione non rappresenta più la detta compagnia?
    E poi, aggiungo, pubblicare il casellario giudiziario non serve a gran che dal momento che su questo documento vengono riportate solo le condanne e non i procedimenti in corso.
    Si vuole essere dimostrare di essere, proprio, assolutamente, a tutti i costi, “limpidi” si pubblichi anche il certificato dei carichi pendenti!
    A buon intenditor…….

  15. magari questo ce lo spiegherà il diretto interessato insieme ai suoi difensori…. tempo al tempo e la verità verrà a galla. io credo che se uno è pulito non deve sbattersi troppo, il tempo è sempre galantuomo. certo è che dal sito della compagnia non esiste alcuna agenzia su venafro…. ma siamo tutti innocenti fino alla comprovata colpevolezza

  16. In effetti, è stato proprio questo il motivo che ha fatto pensare alla mia persona in quanto come ho spiegato anche sul giornale, l’equivoco è stato proprio questo. Ho da poco cambiato compagnia assicurativa e ovviamente i miei clienti sono stati avvisati, c’è un pò di concorrenza, anche sleale da parte della mia vecchia mandataria.
    I giornali hanno unito due notize reali, quella delle comunicazioni e quella della persona indagata, ovviamente tutti hanno pensato a me.
    Sul mio profilo fb e nel mio ufficio ho a disposizione anche i carichi pendenti. Chiunque vuole può chiedere anche ai cc di Venafro, conoscono la mia persona e la mia storia. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Close
Close

Hai qualche plugin installato che blocca il sistema pubblicitario del sito

Per visualizzare il sito disabilitalo, grazie
X