Punture di zanzara: perché proprio a me ?

550 0

zampanIl sole, il mare, la pelle finalmente bronzea, una sedia a sdraio, un po’ d’ aranciata fresca, una passeggiata lungo-mare, una notte all’ aperto sotto le stelle, una bella nuotata in piscina . . . L’estate sembra essere la stagione preferita di grandi e piccini. Se non fosse per alcuni ospiti, poco graditi, che puntualmente vengono a farci visita nelle notti calde e non solo: le zanzare. L’ aumento delle temperature e dell’ umidità crea l’ habitat perfetto per questi insetti.

Esistono almeno 3000 specie di zanzara, di cui 70 presenti in Italia, ma non tutte attaccano l’uomo: la maggior parte preferisce uccelli, anfibi e invertebrati. A mordere sono solo le femmine fecondate, che hanno bisogno del nostro sangue, ricco di proteine, per lo sviluppo delle loro uova. Gli esemplari maschi si dedicano al nettare dei fiori.

Quante volte ti sei chiesto perché le zanzare siano così accanite proprio nei tuoi confronti ?! Forse hai sentito dire che le zanzare mordono chi ha il “sangue dolce” . Ma è proprio così? Ebbene, la scienza ha individuato una serie di motivazioni attendibili, al riguardo.

Innanzitutto, molto dipende dal gruppo sanguigno di appartenenza: le zanzare preferiscono il sangue del gruppo “0” . Come fanno ad individuarlo? Mediante un segnale chimico, normalmente prodotto dall’ 85% delle persone.  In generale, comunque, le zanzare sono attratte dall’ anidiride carbonica che liberiamo mediante il respiro e la pelle: riescono a fiutarla anche da una distanza di 164 metri ! Ecco perché le persone in sovrappeso e le donne incinte, che hanno uno scambio anidride/ossigeno maggiore, risultano più appetitose per questi insetti.

Incredibilmente, una lattina di birra aumenta le probabilità di essere morsi. Potrebbe dipendere dalle quantità di acetone, etanolo e metanolo prodotte col sudore, o semplicemente dal fatto che l’ alcol aumenta la temperatura corporea. Anche chi è in movimento, infatti, è più a rischio di punture, non soltanto per l’aumento della temperatura: le zanzare riescono a percepire fino a 30 metri di distanza  l’acido lattico prodotto nei muscoli dopo un’ intensa attività fisica; anche questo le attira.  A proposito di sudore, pare che quello di chi è più spesso morso dalle zanzare non contenga sostanze “repellenti” , presenti invece nel sudore di altri; ma con 400 sostanze da analizzare, ci vorrà del tempo perché gli scienziati capiscano quali sono.  Anche gli ormoni fanno la loro parte: le persone con alte concentrazioni di colesterolo o steroidi sulla pelle attirano più zanzare.

Infine, è curioso sapere che le zanzare hanno una preferenza per chi indossa abiti dai colori scuri (il nero, soprattutto, seguito dal rosso e dal blu), mentre trovano poco attraente il bianco. Ma questo non vale per tutte le specie.

Le zanzare sono gli animali che mietono più vittime al mondo. La malaria, ogni anno, solo in Africa, uccide 1,2 milioni di persone.

La cosa che questi insetti detestano di più è l’olio estratto dall’erba gatta che, secondo alcuni studi, sarebbe più repellente del dietiltoluamide, considerato uno degli insetto-repellenti più efficaci. Ma una recente incredibile scoperta scientifica potrebbe risultare estremamente utile nella lotta contro alcune malattie veicolate dalle zanzare: inibendo un gene responsabile della produzione di un certo enzima, che è indispensabile alle zanzare per la corretta digestione del sangue, il processo digestivo di questi insetti si blocca. Senza l’enzima, il corpo delle zanzare non è in grado di sopportare la quantità di sangue ingerito e, nel giro di 48 ore, il 90% degli insetti testati muore.

Spesso viene da pensare che le zanzare siano animali inutili, oltre che fastidiosi. E’ bene ricordare, invece, che in natura nulla è inutile. Tuttalpiù, noi  ne ignoriamo lo scopo. Molte specie di zanzare infatti forniscono un’importante risorsa di cibo ad animali più grandi: arricchiscono la dieta di uccelli, anfibi e pesci. Non solo! Conosciamo anche almeno due orchidee del genere Platanthera che ricevono il polline dalle zanzare.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi