Precipita dal balcone, l’odissea di una studentessa Venafrana

L’altra sera è stata trasportata in gravi condizioni al pronto soccorso di Isernia. Un quadro clinico complesso: presentava vari traumi e diversi fratture. Ma dopo aver ricevuto le prime cure, non è stato possibile ricoverarla: al Veneziale manca ortopedia, mentre al Santissimo Rosario non è possibile effettuare interventi chirurgici. Vittima suo malgrado di questa vicenda paradossale una studentessa di 23 anni, residente nel Venafrano: l’altra sera è precipitata dal balcone della sua abitazione, da un’altezza di sette metri. I soccorsi si sono attivati subito. Il 118 ha trasportato la ragazza al pronto soccorso: “Ma a Isernia  ha detto il primario facente funzioni, Lucio Pastore  non è stato possibile trattenerla. Serviva una struttura in grado di intervenire sia per le fratture, sia per i traumi. Invece ortopedia è a Venafro, mentre chirurgia è a Isernia. Alla fine la paziente è stata trasferita a Campobasso. Ma questo episodio la dice lunga sulla situazione che stiamo vivendo  aggiunge il primario : pur avendo, almeno sulla carta, il Dea, il dipartimento di emergenza, di fatto non si può intervenire a 360 gradi, perché ortopedia è a 20 chilometri da Isernia. I pazienti rischiano di pagarne le conseguenze, mentre il personale continua a lavorare in condizioni di disagio. Né possiamo intervenire per cercare una soluzione: in questa fase di vacatio non abbiamo interlocutori. Nel frattempo  conclude Pastore  continua a farsi sentire la carenza d’organico. Il personale diminuisce di giorno in giorno. Lavorare al pronto soccorso diventa sempre piu’ difficile”. Un problema, questo evidenziato anche nei mesi scorsi, quando il sovraffolla mento del reparto ha indotto i medici a chiedere in diverse occasioni il blocco dei ricoveri.

Fonte: Quotidiano Molise

Mostra altro

ommenti

  1. Questa è la sanità che due medici, presidente ed assessore alla sannità, ed il sistema dei partiti hanno costruito. Per lasciare inalterati sprechi, corruzioni, privilegi etc etc invece di ridurre il costo a posto letto riducono i posti letto.
    Sono azioni e soluzioni che, suscitare indegno, è volere essere “troppo” gentili….!!!!
    Liberiamoci da questa schiavitù. Scegliamo il M5S.
    Anzi: il tipo mandatelo al SENATO, così oltre alla Turbogas a Presenzano potremmo ritrovarcene un’altra affiancata al Bacino? e non solo?

  2. egregio dott Pastore, ho avuto il piacere di incontrarti e di parllarti sul tema.
    non possono potenziare ed assumere altro personale al pronto soccorso di isernia, sarebbe comne ammettere che sarebbe stato più economico e maggiormente utile rafforare il pronto soccorso di venafro invece che di portarlo ai limiti della chiusura.
    Bisogna allontanare politici/partito e dirigenti dagli stessi nominati all’asrem dai posti di potere…metterli in pensione senza privilegi..pensione normali come per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Close
Close

Hai qualche plugin installato che blocca il sistema pubblicitario del sito

Per visualizzare il sito disabilitalo, grazie
X