PM10: confronto tra Milano, Torino, Roma e Venafro… indovina chi è peggio?

674 11

Iniziamo Bene il 2013!!!

Sono stai presi i dati delle località che nel 2011 hanno avuto il maggior numero di sforamenti e quelli di Roma, considerando i dati attuali il triste primato dell’inquinamento è il nostro!
E questo é solo il PM10!
Adesso venite a dirci che questi picchi sono dovuti solo al traffico!!!

 

 

 

 

Considerate che “Milano Senato” e “Torino Grassi” sono stati i luoghi che hanno registrato il maggior numero di sforamenti in Italia nel 2011, “Roma Tiburtina” (Località più inquinata di Roma) è invece al 33° posto, secondo quanto riportato da Legambiente:
http://www.legambiente.it/contenuti/campagne/pm10-ti-tengo-docchio

Fonti: (Dati raccolti il 31/01/2013) 
http://www.sistemapiemonte.it/ambiente/srqa/consultadati.shtml
http://db.arpamolise.it/Aria/monitoraggio/Venafro/venafro2.ph
http://ita.arpalombardia.it/ITA/qaria/stazione_548.as
http://www.arpalazio.net/main/aria/sci/annoincorso/rpgg.php?prov=RMC

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PM10: Venafro e Milano a confronto

Dati prelevati in data 30/01/2013, le statistiche sono a partire dall’inizio del 2013

 

I numeri non hanno bisogno di commenti…

 

 

I Valori del PM10 nella Provincia di Milano

I Valori del PM10 nel Comune di Venafro


www.mammesaluteambiente.it

There are 11 comments

  1. Nooooooooooo carissimi concittadini, tutto ciò è causato dal fumo dei camini che le persone anziane accendono per riscaldarsi specie chi magari non ha i termosifoni,dai mezzi pesanti che transitano continuamente sulle nostre strade,dai fumatori che fumando per strada contribuiscono a rendere l’aria malsana e forse dai vapori della carne arrostita quando la mangiamo. consideriamo poi che a Venafro o meglio nelle prossimità del centro abitato vi sono 2 depuratori di aria che svolgono egregiamente la loro funzione….. Grazie a tutti coloro che hanno consentito questo, ah dimenticavo siamo sotto elezioni adesso i vari aspiranti alle camere ( a gas) ed alle poltrone di Palazzo Moffa non preoccupatevi che tempestivamente risolveranno questo problema e respireremo un’aria alpestre.

  2. IMPRESSIONANTE !!! |

    Prima di votare pensa.
    Analizza quale il comportamento avuto dai vari governanti, passati e futuri, nei confronti del bene più importante ” LA SALUTE”.
    Tutti scriteriati, nessuno ha mai pensato che LA SALUTE è il bene più importante da tutelare.

  3. Qui dovrebbero esserci decine di commenti ma il nulla…
    il vero problema di venafro e del molise non sono i politici ma i cittadini!!!!

  4. Estremamente |

    Ma come, si dice che la colacem sia spenta, allora non è vero? Oppure è il solo energonut? Misteri…
    Certo che è ridicolo avere più inquinamento di Roma o Milano, che scandalo

  5. colacem non è SPENTA |

    LA COLACEM NON HA SPENTO I FORNI INFATTI IL FUMO SI VEDE BRUCIA SONO GLI OPERAI CHE SONO IN CASSA INTEGRAZIONE MA L’IMMONDIZIA VIENE BRUCIATA

  6. Sono dati allucinanti! Temo che dobbiamo comiciare a sederci seriamente e capire che cavolo sta succedendo. Per prima cosa verificare attentamente l’attendibilità dei dati e la posizione effettiva delle centraline, se tutto verrà confermato, bisognerà urgentemente andare dal Prefetto per informarlo di quanto sta accadendo. Se è vero che dati sono questi non c’è scampo cari amici, bisogna solo fare la rivoluzione per non morire..

  7. dati ufficiali |

    dati immessi su internet dagli enti preposti al controllo. La situazione è veramente grave.

  8. sono un coglione |

    Prima di sparare cazzate informati bene,visto che il forno alla colacem è stato spento prima di natale forse il fumo che vedi proviene da qualche altra parte.

    messaggio da admin: non svegliare il can che dorme:D

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi