Ospedale, Venafro dice addioa ortopedia

1508 7

l primario resterà lo stesso. L’unico sollievo in mezzo allo sgomentoOspedale Santissimo Rosario: confermate tutte le indiscrezioni dei giorn i scorsi. Il reparto di ortopedia e traumatologia, fiore all’occhiello della Sanità pubblica molisana, sarà trasferito di s ana p ianta a l Veneziale di Isernia.

I vertici della Asrem hanno deciso pure la data di questo spostamento di reparti da Venafro a Isernia: il prossimo 10 settembre. Ortopedia anche a Isernia sarà guidato dal primario dottor. Enzo Bianchi. Su queste ultimissime notizie circa il futuro del nosocomio venafrano, i cittadini non risparmiano proprio nessuno da critiche feroci.

“ Ci meraviglia non poco dicono alcuni venafrani lungo Cor so Campano il silenzio del dottor. Bianchi che, in passato, ha sempre sbattuto i pugni e alzato la voce quando qualcuno ha osato toccare il reparto gioiello del Santissimo Rosario. Oggi il suo silenzio è sconcertante. Così come è sconcertante il silenzio di tutta la classe politica venafrana.

Con quale faccia questi signori si presenteranno a chiedere il voto a noi venafrani alla prossima elezione comunale. A noi venafrani che siamo stati spogliati di tutto, senza servizi, con un Comune indebitato fino al collo e la città sempre più sporca e disordinata.

Ci meraviglia a ltresì c oncludono i cittadini l’ambigua azione del Comitato che si batte a difesa del nostro ospedale, così pure sconcerta il silenzio di chi qualche anno fa, accompagnato da consorte al seguito, era sceso in piazza per dire no al ridimensionamento del nostro ospedale. Sono scomparsi tutti.

La condanna a morte del Santissimo Rosario è stata scritta da tutti questi personaggi, non certo dal presidente Iorio o dai vertici della Sanità pubblica molisana.” Si moltiplicano dunque i commenti di condanna sull’operato di chi poteva fare qualcosa per salvare il nosocomio venafrano e non lo ha fatto.

E così, il Santissimo Rosario,si appresta a diventare, con buona pace di tutti, un grande cronicario per anziani, una Residenza sanitaria assistita che molti hanno già battezzato un “grande ospizio” per persone anziane. Senza più alcun reparto per i casi a cuti e le emergenze.

Una città, Venafro, che rischia l’isolamento perché non sarà più attrattiva.

Aziende che chiudono o falliscono, scuole che perdono l’autonomia( l’Istituto S uperiore “Antonio Giordano” dichiarato sottodimensionato ndr), senza servizi pubblici perché il Comune non ha più i soldi nemmeno per mettere la benzina ai suoi mezzi, Parco Regionale d ell’Olivo s enza risorse, commercio senza futuro, patrimonio architettonico interdetto per cantieri eterni, ambiente contaminato…E così la porta del Molise sta per chiudere definitivamente. E Venafro diventa la città morta…

fonte : quotidianomolise.it

There are 7 comments

  1. Domani scossa di terremoto?! ospedale di >isernia out………In tutta fretta rimesso in funzione l’ospedale di venafro.
    Ci si interroga come mai sia stato concentrato tutto nell’osèpedale di isernia quando quello di venafro ha caratteristiche antisismiche superiori?
    Ma quando levano di mezzo questa Regione Molise visto le scelte di chi la guida e la conduce?
    Oltrre loa provicnia di isernia anche la regione mnolise deve essere eliminata..non ha motivo utile di essitere se nonq uello di creare sceltte pericolose…assolutamenbte pericolose per la collettività?

  2. Se non siamo capaci di avere politici migliori…meglio che tornino gli AUSTRIACI a governarci.

  3. Il problema sono gli elettori venafrani, che continuano a sostenere personaggi che hanno interessi nella sanità ed in altri settri dell’economia. Dicesi clientelismo questa piaga sociale.

  4. Chiedo al Sig. Vaccone e all’avv. Ricci:
    visto che Isernia non è più provincia (e meno male) credo ci possa essere un’appiglio concreto affinchè tutto il PSR venga rimesso in discussione.
    Se non ricordo male il SS. Rosario di Venafro era stato penalizzato a favore del Veneziale proprio perchè Isernia era provincia e quindi, oggi, lo status del Veneziale non è altro che quello di tutti gli altri ospedali regionali fatta eccezione di quello di Campobasso.
    Tiriamo nuovamente fuori le questioni legale all’antisimica (che Isernia non ha) la struttura più vecchia (che Isernia ha) etc.etc.etc..
    Magari qualche repartino inutile del Veneziale viene chiuso e il SS. Rosario potrà beneficiare di qualcosa. E chissà Ortopedia e Chirurgia e Ostretricia potrebbero tornare….
    E’ un sogno o sarà realta?

  5. chi non ha peccato scagli la prima pietra |

    … diamo sempre la colpa ai politici di turno e/o a quelli che hanno una rendita vitalizia da anni al Comune di Venafro … Secondo me la colpa è anche dei politici che lavorano all’interno di questa struttura … la colpa non è dei venafrani …

  6. Caccia al colpevole.... |

    C’è poco da dire, le colpe le abbiamo un po’ tutti noi, ma certamente la bandiera la portano quei politici regionali che nel momenti cruciali non hanno voluto o potuto capire quello che avrebbe comportato nel tempo il loro voto. ( vedi piano sanitario regionale) ecc.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi