Offerte religiose, volontari truffatori beccati dai carabinieri

280 0

Intenso lavoro di controllo su tutto il territorio venafrano dei Carabinieri della Compagnia di Venafro. Ben due le operazioni portate a termine dai militi coordinati dal comandante Falso con un arresto e tre rimpatriati con foglio di via obbligatorio. La prima operazione ha visto protagonista una donna di 45 anni beccata in giro in città a fare compere mentre era in obbligo di soggiorno in un centro delle Marche. Ai controlli dei carabinieri è risultata la violazione della donna che non ha rispettato le prescrizioni della misura di prevenzione della sorveglianza speciale cui era sottoposta con obbligo di soggiorno in un centro marchigiano da cui si era allontanata senza permesso dell’Autorità giudiziaria competente. La quarantacinquenne in attesa del giudizio direttissimo, è stata arrestata e trasferita presso il carcere femminile di Chieti. La seconda operazione ha portato all’allontanamento di un cinquantenne e di due venticinquenni, tutti e tre provenienti da un centro campano. Allontanati perché in un piccolo centro del medio Volturno, stavano chiedendo porta a porta offerte alla gente per fantomatiche associazioni religiose. Da una verifica via terminale si è scoperto che il gruppetto campano era già noto alle forze dell’ordine con precedenti per reati contro il patrimonio e contravvenzioni alle norme del Testo Unico di Pubblica Sicurezza. I tre fermati sono stati inviati davanti all’Autorità di Pubblica Sicurezza del capoluogo provinciale pentro per la misura di prevenzione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio e divieto di ritorno in alcuni comuni dell’area della valle del Volturno. Le forze dell’Ordine colgono l’occasione per mettere in guardia le popolazioni nel diffidare di aderire a richieste di denaro da parte di sconosciuti per attività di raccolta fondi per associazioni di indubbia conoscenza. “Si tratta di fenomenoscrivono dal Comando dell’Arma di Isernia- per il quale è bene che il cittadino si rivolga, alle forze di polizia con una semplice telefonata gratuita al centralino del 112 che potrà così disporre identificazioni ed accertamenti preventivi atte a scongiurare il triste fenomeno delle truffe.” Consigli utili che vale la pena seguire per evitare brutte sorprese. M.F.

fonte: quotidianomolise.it

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi