Ocello: pronta la nomina per Valente

385 2

“Il rinvio a giudizio per il crollo del muro non ha nulla a che vedere con le opere in piazza”
Il commissario: per i lavori al Castello faremo pressing sulla Regione per avere i fondiIl rinvio a giudizio dell’architetto Franco Valente per il crollo del muro presso la pizzeria nei pressi del Castello, non ha nulla a che fare con i lavori della piazza. E’ quanto sostiene la Commissaria Erminia Ocello che si appresta a nominare il noto studioso venafrano direttore dei lavori dei lavori di piazza Castello, fermi oramai da diversi mesi.

Come è noto, il tribunale di Isernia ha rinviato a giudizio l’architetto Franco Valente, in qualità di Responsabile unico del procedimento, Massimo Volpe e Angela Crolla in qualità di titolari della ditta che eseguì i lavori della rampa di ingresso della pizzeria, in sostituzione del ponte di ferro che fu abbattuto.

L’udienza è stata fissata per il prossimo 13 novembre. Valente, Volpe e Crolla dovranno comparire dinanzi al giudice per rispondere, tra l’altro, di crollo colposo.

Ma ritorniamo alla Commissaria Ocello. “La mia priorità ci dichiara la Commissaria Ocello è portare a termine i lavori eliminando una situazione ad alto rischio anche per i residenti dell’area interessata dai lavori di recupero.

La vicenda dell’architetto Valente non intacca minimamente la questione legata alla direzione dei lavori. Mi sono sentita con la Soprintendenza e ci siamo trovati d’accordo sul fatto che chi ha iniziato i lavori deve portarli a termine.

Per questo l’architetto Franco Valente sarà interessato dal comune per il prosieguo degli interventi già progettati e approvati con atti deliberativi e progetti esecutivi. Io ora mi trovo a sanare quello che ho trovato.

Non posso entrare nel merito di una vicenda, quella del crollo del muro che, tra l’altro, non coinvolge direttamente il Comune di Venafro.

“ Commissaria e sull’ipotesi di costituirsi come parte civile, la prenderà in considerazione atteso che quei lavori furono commissionati dal Comune alla ditta che ora si trova sotto processo? “Ripeto, la mia priorità, l’urgenza del momento è quella di iniziare al più presto i lavori per eliminare ogni forma di pericolo su quel cantiere. Per quanto lei chiede, beh, bisogna valutare in maniera approfondita la questione. Lo farò nell’esclusivo interesse della cittadinanza.”

E sui fondi che non arrivano dalla regione, cosa ha programmato di fare? “Farò pressing sulla regione perché ci accrediti subito i soldi promessi. Questo debbo fare, di questo mi devo occupare per rendere un servizio alla comunità. I venafrani stiano tranquilli: chiamerò alle proprie responsabilità i vertici della regione Molise. La mia sarà un’azione continua e non mi accontenterò delle promesse o dei buoni propositi”. M.F.

There are 2 comments

  1. Il Commissario Ocello deve pure affrontare il tema dei lavoi al castello e trovare la strada più breve per risolverli completandoli.
    Il quesito che mi pongo è il seguente: Se gli scavi di sbancamento fatti sono pericolosi qualora passi troppo tempo per completare le opere….perchè sono stati eseguiti se non vi erano i fondi per completare almeno la parte relativa agli scavi aperti?

  2. alla lettura della notizia come sta schiattando un ex politico trombato, secondo me gli hanno dovuto far le flebo, visto che si è battuto in tutti i modi per bloccare quei lavori dove le sue aziende non erano riuscite a metterci mano. L’uomo onesto e cattolico 😀 aaaaahhhahahahh

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi