Microcredito, parte il progetto

231 0

Anche l’Eurodeputato PDL Aldo Patriciello, in uno dei suoi ultimi interventi in ambito europeo, ha sottolineato [importanza del microcredito che potrebbe rappresentare la salvezza per tante famiglie e imprese, alle prese ancora con una crisi che sembra non passare mai. Dopo i due incontri tenutosi presso la Camera di Commercio di Isernia, comincia a delinearsi il quadro: si passa cioè alla fase della concretezza. Proprio così. Si punta, come è noto, a una rete microfinanziaria dei comuni per sviluppare il Microcredito in Molise. Per fare questo, nei prossimi giorni, sarà stilato un programma ad hoc insieme al presidente Anci Molise, il sindaco di Pescopennataro, per incontrare zona per zona i primi cittadini. Si inizierà con i sindaci della Valle del Volturno. Capofila di questa importante iniziativa è il comune di Venafro con la Commissaria Guseppina Ccello che ha perfezionato l’idea rendendo operativo il Protocollo d’Intesa tra Anci, Associazione nazionale dei comuni e l’Ente Nazionale per il Microcredito. E di questi giorni la notizia che la regione Sicilia ha aperto il conto per il microcredito. Sarebbe il caso che anche la regione Molise prendesse esempio e si adoperasse attraverso la Fnmolise, affinchè garantisca un fondo a sostegno di questa grande opportunità per tutti i cittadini molisani. Non a caso il primo a dire sì al Microcredito è stato l’ingegnere Vincenzo Cotugno, per nome e per conto della Finmolise. A Venafro poi è stato previsto uno sportello informtivoformativo fisso curato dagli studenti dell’ultimo anno della ragioneria che avranno modo di collocarsi così più efficacemente nel mondo del lavoro. Il Microcredito come si sa è uno strumento per la crescita economica, l’occupazione e l’inclusione sociale. A breve ci sarà un incontro operativo a Venafro, per illustrare in maniera semplice a tutti i sindaci il ventaglio di opportunità che offre questo strumento di microfinanza. Ma cosa porta in fatto di benefici per un territorio la costituzione di una “rete microfinanziaria dei Comuni? La società Euridit, in collaborazione con Senapa Etica”, progetto della Diocesi di TermoliLari no, il Comune di Venafro, spiega così i vantaggi di questa rete. “Un’azione di sistema volta a consentire ai Comuni, anche di limitata dimensione, l’attivazione di meccanismi di supporto alle piccole/ microimprese, ai giovani ed in genere alle categorie svantaggiate per accedere al credito;Un modello partecipativo che veda il coinvolgimento, così come previsto dallo stesso protocollo, delle diverse articolazioni Istituzionali e sociali interessati al tema. [adesione di diversi comuni molisani al protocollo d’intesa “ANO — Ente Nazionale per il microcredito”, la prevista adesione della A nmol ise e di alcuni Gganismi finanziari creano le premesse per lo sviluppo di una “Rete Microfinanziaria” in grado di favorire concretamente la fruizione del microcredito per coloro che, per diversi motivi, hanno difficoltà ad accedere al credito.”

fonte: quotidianomolise.it

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi