Lo strano affare della via Francigena

1167 6

di ROBERTO COLELLA – La Via Francigena è un itinerario storico, una via maestra percorsa in passato, fin dal 990 d. C., da migliaia di pellegrini che da Canterbury attraversavano la Francia e la Svizzera, arrivando a Roma per proseguire verso Gerusalemme.
Nel 1994 è stata dichiarata “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa”, divenendo per le regioni europee attraversate dal percorso un’importante occasione di sviluppo turistico, territoriale e di valorizzazione del patrimonio storico-culturale, artistico e monumentale.
Da un po’ di tempo, a livello mediatico, si sta parlando di Via Francigena del Sud che dovrebbe toccare anche il Molise. Si tratta di un’operazione di rilievo, che prevede l’attraversamento del nostro territorio dell’antica via di pellegrinaggio. Nonostante i riferimenti storici e le testimonianze monumentali siano scarse e claudicanti, per il Molise rappresenterebbe un’occasione utile per accedere a finanziamenti che potrebbero essere investiti per sostenere il turismo della ventesima regione, di cui si parla spesso e quasi sempre a sproposito, oppure con l’intenzione addirittura dichiarata di coltivare un interesse piccolo e circoscritto al proprio gruppo d’interesse, quando non addirittura alla propria persona.
Ma lo scenario della tratta molisana della Francigena ancora tutta da costruire, per come viene presentato e sta procedendo, ingenera non poche perplessità. Innanzitutto, chi gestirà il progetto e dunque gli eventuali finanziamenti? Il progetto della Via Francigena è stato promosso dalla Regione Molise ma è stato abbracciato, quasi fino a rivendicarne la paternità, dall’associazione Borghi d’Eccellenza e dal suo coordinatore regionale, Maurizio Varriano.
Da quando indossò abusivamente la fascia tricolore di sindaco durante una cerimonia ad Assisi, Maurizio Varriano, ex assessore di Oratino ma originario di Bojano, di strada ne ha fatta parecchia.
La millanteria è stato il suo punto forte per anni; in circostanze diverse e in differenti luoghi del Belpaese, si è spacciato volta per volta per ginecologo, avvocato, notaio etc. anche se di mestiere farebbe (dovrebbe fare) il geometra.
Costui è diventato (sarebbe opportuno capire attraverso quali procedure elettive/selettive) coordinatore regionale dei Borghi d’Eccellenza, un’associazione che associa alcuni borghi d’Italia, inclusi quelli molisani che hanno aderito al sodalizio.
Il primo Borgo d’Eccellenza del Molise fu Oratino; ad assegnargli la qualifica fu un comitato scientifico presieduto dall’architetto Franco Valente. Prima iniziativa concreta fu un progetto di ripavimentazione di Piazza Giordano, ma poi i finanziamenti regionali non arrivarono. Il progetto era stato predisposto da Luigi Valente, figlio del presidente del comitato scientifico dei Borghi eccellenti. Malumori serpeggiavano all’interno del comitato scientifico, i cui membri erano ignari persino del disciplinare da attuare per decretare l’annessione o meno di un comune all’Associazione.
E così, col passare del tempo, Borghi d’Eccellenza è diventato una partita a due, tra Maurizio Varriano e Luigi Valente, con la copertura culturale di suo padre Franco.
Il conflitto d’interesse di Franco Valente non è da sottovalutare; da un lato egli è presidente del comitato scientifico dei Borghi d’Eccellenza e contemporaneamente è il referente della Regione Molise per la Via Francigena.
Il coupe de theatre arriva con la delibera 106/2012 del Comune di Scapoli che prevede l’acquisto di Palazzo Battiloro per un ammontare di un milione e centomila euro, 700.000 euro il primo anno e altri 400.000 il secondo, per la realizzazione di un polo museale i cui punti di riferimento sono stati dettati da uno studio di fattibilità redatto dall’architetto Rolando Pitisci e da Luigi Valente. Il riferimento documentato in questione è la determinazioni “Area Tecnica n.55” del 10 settembre 2012 del Comune di Scapoli.
A Scapoli, già agli onori delle cronache per ben due musei della Zampogna (?), uno storico, radicato e aggiornato con amore e competenza dal locale Circolo della Zampogna e l’altro inopinatamente (e inopportunamente) realizzato dal Comune con le provvidenze regionali del famigerato “articolo 15”, campeggia la prima tabella segnaletica della Via Francigena, allocata di recente, a margine di un incontro a cui ha partecipato la Regione Molise, il Ministero e l’associazione dei Borghi d’Eccellenza.
Nel 2007 l’Associazione Europea delle Vie Francigene, alla quale aderiscono regioni ed enti locali italiani ed europei, è stata riconosciuta dal Consiglio d’Europa “rete portante” del grande itinerario francigeno, ossia referente europeo e interlocutore privilegiato sul tema “Via Francigena”, abilitato, per questo, a stabilire relazioni istituzionali ed operative con il Consiglio d’Europa, con la Commissione Europea e l’Istituto Europeo degli Itinerari Culturali.
Il cammino della Via Francigena si era fermato a Roma, lasciando fuori dal tracciato territori e comuni del Lazio meridionale, della Campania, del Molise, della Basilicata e della Puglia. Difatti, la Via Francigena, originariamente, attraversava le regioni italiane del nord, Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Liguria.
La Regione Molise, attraverso il presidente del Consiglio regionale Mario Pietracupa e rappresentata dal suo funzionario Rossella Porfirio, ha preso parte alla costruzione della “Via Francigena del Sud”, varata nel corso delle iniziative pugliesi del 26 e 27 ottobre 2012, in occasione di BITREL (Borsa Internazionale del Turismo Religioso) e dell’Assemblea generale all’Associazione Europea delle Vie Francigene, con l’avallo ovviamente degli organismi internazionali, nazionali e regionali competenti.
In quell’occasione si sono poste le basi per la costruzione anche della Via Francigena del Molise attraverso l’adesione all’Assemblea generale all’Associazione Europea delle Vie Francigene, adesione necessaria per ottenere il riconoscimento ufficiale europeo del prolungamento a Sud d’Italia dell’itinerario e in particolare dei tratti molisani, attraverso un percorso disegnato proprio da Franco Valente e apparso sui quotidiani regionali.
Il Consiglio Regionale del Molise, sempre presieduto da Mario Pietracupa, nella seduta del 6 novembre 2012, ha adottato un Ordine del Giorno inteso ad impegnare la Giunta regionale ad assumere opportune iniziative, anche in sede europea, per il riconoscimento ufficiale del prolungamento a sud d’Italia della Via Francigena, in particolare per la definizione dei tratti molisani che la interessano, nell’ambito di un lavoro di cooperazione con le altre regioni meridionali interessate.
Un mese dopo, il 17 dicembre 2012 a Scapoli, alla presenza di autorità regionali, col presidente del Consiglio Mario Pietracupa e con l’Assessore Gianfranco Vitagliano, ma anche con l’Onorevole Sabrina De Camillis e col rappresentante governativo della struttura di missione per il rilancio dell’immagine dell’Italia, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione del tratto molisano della ”Via Francigena” del Sud, con la posa della prima tabella d’indicazione del percorso che attraverserà diversi comuni molisani, dei quali Scapoli è il capofila.
A questo punto occorre fare delle riflessioni. Lo ha ammesso lo stesso Valente che le basi storiche del passaggio molisano dei pellegrini diretti a Gerusalemme sono alquanto labili, quello che invece è certo è che il progetto legato alla Francigena, nato come strumento di promozione territoriale e quindi mirato a coinvolgere soggetti e interessi diversificati, viene fatto proprio da Valente e soprattutto da Varriano, con una copertura istituzionale distratta e contraddittoria.
Non si capisce come sia possibile che la Regione Molise in diverse e qualificate circostanze, si sia fatta rappresentare da Maurizio Varriano che non sembra essere la persona più indicata, diciamo così, a custodire e promuovere l’immagine e il decoro della nostra comunità regionale.
Sorprende poi il silenzio delle autorità religiose che nella vicenda avrebbero il diritto e il dovere di far sentire la loro autorevole e disinteressata voce, visto che la Francigena riguarderebbe innanzitutto il turismo religioso.
Speriamo che i soggetti istituzionali, ad oggi distratti o assenti, sappiano riprendere in mano la situazione, dando segnali di correttezza, rigore e trasparenza, per far in modo che, come purtroppo spesso è avvenuto in passato, non si sprechi un’occasione di sviluppo delle aree interne per avvantaggiare interessi e procedure molto al di sotto del minimo sindacale della trasparenza.
La stessa Diocesi di Campobasso, a fine 2012, promosse un’iniziativa proprio sul turismo religioso, affinché il Molise potesse rientrare in una rete nazionale. Immancabile nell’occasione la visita a Castelpetroso, l’unico santuario che ogni anno attrae migliaia di pellegrini.

(Da “il bene comune”, marzo 2013)

There are 6 comments

  1. Franco Valente |

    Siamo al ridicolo. Questo signore si beccherà una querela.
    Luigi Valente ha presentato un progetto per la sistemazione della piazza di Oratino. Il corrispettivo, puramente simbolico, è stato concordato in 250 euro (DUECENTOCINQUANTA!). Peraltro mai versati dal Comune e mai richiesti da Luigi.
    A parte questo la mia attività di collaboratore alla individuazione del tracciato del sistema delle vie francigene E’ A TITOLO ASSOLUTAMENTE GRATUITO.
    Trovatemi una sola delibera o un solo pagamento a mio favore e vi faccio un monumento.
    Questo sig. Colella è un personaggio in cerca di gloria e cerca di farsi propaganda su un giornaletto di Campobasso (IL BENE COMUNE) che campa con i contributi della pubblica amministrazione perché la vendita è fallimentare.
    Adesso sto aspettando la prima manifestazione pubblica alla quale parteciperà questo povero cristo che non si sa che mestiere faccia e mi sentirà.
    Di una cosa state certi. Io non nascondo nulla.

  2. DrakunoW

    E con gente che si frega l’ira di dio dei soldi , questo va a contestare una cosa fatta gratis e per di più vivendo egli stesso di contributi all’editoria? uhm gatta ci cova.

  3. Ing Antonio Zullo |

    Perquanto riguarda la breve illustrazione della via francigena avrà fatto bene a molti lettori, me compreso, e la lettura mi ha richiesto poco impegno di tempo. Tutto il corollario costruitoci attorno è di interesse minore, ammesso che sia verosimile.
    In ogni caso Franco Valente è molto impegnato in queste ricerche storico culturali e mi fa piacere che sia di Venafro.

  4. Ve la do io una news.
    L’albo pretorio della Provincia di Isernia si è “dileguato”.
    Atti ufficiali pubblicati solo ieri (e che ieri c’erano) e che dovrebbero rimanere lì almeno per 15 giorni sono spariti così, con un colpo di spugna. Cancellati. PERCHE’ ? Per evitare che qualcuno legga qualcosa che non dovrebbe leggere? Per evitare che qualcuno possa accedere agli atti in modo trasparente? E, soprattutto, chi è il responsabile?
    Provate a controllare voi stessi.

  5. Luigi Valente |

    Keneb, ti spieghi meglio per favore, non è molto chiaro quello che dici.
    Magari ci dici anche il tuo nome e cognome oppure se vuoi essere anonimo ci dici perché non poi dire chi sei?

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi