L’acqua è poca e la papera non galleggia.

    0
    1697
    SetRatioSize

    Come ogni anno torna prepotentemente la questione “captazione acque”.

    Da tempo se ne parla, le amministrazioni che si sono succedute hanno sempre lanciato appelli in merito alla risoluzione, ma non è mai cambiato nulla.

    All’inizio il comune di Venafro sperava nella buona fede della Regione Campania, aspettandosi che la stessa inserisse fondi compensativi in favore della NOSTRA cara città.

    Accordi che risalgono agli anni ottanta/novanta, quando l’immacolata regione Molise era terreno fertile per affari delle regioni limitrofe.

    Da allora poco o nulla è cambiato.

    Nel 2006 e nel 2009 la popolazione di Venafro ha assistito ad un’improvvisa interruzione del flusso di acqua dalle famose “quattro cannelle”.

    L’amministrazione di allora si giustificò affermando che il problema era derivante da una disfunzione all’acquedotto, mai nulla di più falso.

    Bastava prestare un pochino più di attenzione e notare il quantitativo di acqua che veniva/viene captato dalla Regione Campania, 1400 litri al secondo al cospetto dei 900 accordati, quasi il doppio quindi.

    Altra patata bollente quindi per l’amministrazione Sorbo, che durante l’amministrazione sta affrontando problemi già conosciuti, ma che apparentemente sembravano meno gravi.

    Attendiamo che le amministrazioni mettano in campo tutte le procedure atte a mettere fine a questa ruberia.

    Appare chiaro quindi che il comune di Venafro non naviga in buone acque, anche perché acqua per navigare non ne ha proprio più.

    Rispondi

    Please enter your comment!
    Please enter your name here