La risposta di Sorbo all’architetto Luigi Valente ( testi prelevati da facebook)

538 8

Luigi Valente mi ha chiesto di accettare la sua richiesta di iscrizione a questo gruppo con un messaggio privato “per contribuire al dibattito” (così scriveva…). Vedo invece che la sua vera intenzione era quella di offendere, calunniare e diffondere fandonie. Se da un lato posso comprendere la prima parte della sua nota, che dovrebbe – secondo lui – “rettificare” l’articolo di Roberto Colella, non capisco il senso della seconda parte, nella quale mi tira in ballo pesantemente con argomenti che nulla hanno a che vedere né con il contenuto dell’articolo in questione né con una mia inesistente volontà di “coinvolgerlo in personali battaglie” contro chicchessia.

Altromolise, come ha fatto decine, anzi centinaia di volte in questi anni, ha semplicemente ripreso e pubblicato, senza alcun commento, una interessante inchiesta pubblicata da un giornale molto serio, “Il bene comune”, al quale collabora il fior fiore dei protagonisti della scena culturale e accademica molisana (e non solo) e che conta tra le sue firme alcuni dei migliori giornalisti molisani. Un giornale che è sul mercato da 15 anni e che si è distinto per serietà, puntualità e onestà intellettuale.

Tra l’altro l’inchiesta in questione è firmata da Roberto Colella, giornalista di valore, di cui conosco la serietà e la bravura per essere stato mio collaboratore. Un professionista che collabora con testate nazionali, oltre che locali, che ha pubblicato diversi libri e che il mestiere di giornalista lo insegna in corsi di specializzazione. Quindi non ho alcun dubbio sulla serietà del giornale né sul valore dell’inchiesta.

Tra l’altro l’argomento è sicuramente di interesse generale: si parla di un progetto che coinvolge enti pubblici e che dovrebbe essere realizzato con soldi pubblici, cioè di tutti noi contribuenti. Per questo, come ho fatto altre decine di volte, l’ho portato all’attenzione dei lettori di facebook. Se l’architetto Valente junior aveva da rettificare, precisare, correggere le cose scritte da Roberto Colella poteva farlo e noi, come sempre abbiamo fatto, avremmo pubblicato la sua rettifica (anche se probabilmente l’architetto junior ignora come funziona la legge sulla rettifica, a quali tipi di testate si applica, quali sono le modalità e i limiti per richiederla ecc.).

Così ha fatto Maurizio Varriano, la cui nota è stata pubblicata integralmente con la stessa evidenza dell’articolo in questione. Invece l’architetto Valente junior si è avventurato in una serie di considerazioni che partendo da enormi falsità, hanno l’unico obiettivo di distogliere l’attenzione dall’argomento principale e cercare di portarla su una inesistente “battaglia personale”, come se pubblicando un articolo di Roberto Colella io volessi vendicarmi di chissà che cosa.

Basta andare sul motore di ricerca di altromolise, mettere la parola “rassegna”, e si troveranno decine di articoli ripresi da giornali locali e nazionali che abbiamo riproposto ai nostri lettori. E moltissimi sono quelli postati sulle varie pagine facebook. Luigi Valente, per sostenere le sue tesi, attinge a piene mani dal repertorio di famiglia, con argomenti già usati in passato dal suo illustre genitore che si sono rivelati autentici boomerang.

Allora, senza entrare nel merito dell’inchiesta di Roberto e della “rettifica” (non voglio chiedere, ad esempio, quali procedure ad evidenza pubblica e selettive siano state adottate per scegliere il giovane architetto Valente per l’affidamento di incarichi da parte di enti pubblici, seppure – a quanto sembra – per parcelle di modesta entità), ma qualcosa voglio dirla su talune questioni che Valente jr. ha voluto rimettere in circolazione. Innanzitutto non c’è nessun “alterco” con chicchessia, innanzitutto perché io so distinguere – a differenza di altri – il livello di scontro politico da quello personale.

Poi perché non si possono avere “alterchi” con persone con cui non si hanno rapporti. Terzo, è una balla colossale perché appena un anno fa il sottoscritto ha coinvolto il suo illustre genitore in una iniziativa da me proposta e organizzata per conto della provincia di Isernia in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

Consiglio a Luigi Valente, vista l’ampia esperienza che può contare in ambito familiare, di lasciar perdere i miei “fallimenti politici”. Basta guardare ai risultati delle competizioni elettorali degli ultimi 4 anni (dalle primarie per la scelta del candidato presidente della provincia del centrosinistra del 2009 alle recenti regionali del 2011 o alle ultime politiche del 2013, soprattutto riferendo i dati a Venafro) per capire che, se cerca fallimenti politici, non deve andare molto lontano dalla sua casa natia.

Non capisco perché, riferendosi a me, precisa che lui non ha mai avuto “rapporti lavorativi dubbi” ecc. E quando mai l’ho sostenuto? E non penso che lui si riferisca alla sua fulminea esperienza come tecnico impegnato nel progetto sul sito archeologico di San Vincenzo al Volturno, di cui mi sono occupato qualche anno fa (anche quella potrebbe essere un’utile lettura).

Sulla questione della turbogas casca malissimo, come era già successo al suo illustre papà. L’azienda di cui parla effettivamente contattò la società “esterna” che si occupava all’epoca della raccolta pubblicitaria per altromolise per conto dell’editore che sottoscrisse un contratto. Il sottoscritto non ha mai avuto niente a che fare con la pubblicità nei giornali in cui ha lavorato per 30 anni in quanto conosco bene le regole della deontologia professionale (da nove anni sono componente del Consiglio regionale dell’Ordine dei giornalisti, eletto per ben tre volte consecutive con ampio consenso dai miei colleghi).

Le insinuazioni di Valente già a suo tempo furono spazzate via dai fatti: nonostante quel rapporto tra la società in questione e l’editore di altromolise (che non ero e non sono io), l’impegno del giornale contro la turbogas non solo non scemò ma si intensificò con la pubblicazione a mia firma di una serie di inchieste giornalistiche (alcune delle quali sono pubblicate nel mio libro “L’Altro Molise” e che posso produrre in ogni momento) che fecero venire alla luce gli intrallazzi e gli interessi che c’erano dietro quei progetti.

Non solo, io personalmente, prima e anche dopo il mio impegno politico diretto, sono stato impegnato in prima linea nelle istituzioni (Comune e Provincia), come risulta dagli atti che posso portare in qualsiasi momento, e nel Comitato Valle del Volturno, tra le altre cose autotassandomi, come tanti altri, per sostenere le spese di giudizio dinanzi al Tar e al Consiglio di Stato per i ricorsi che ci hanno consentito di scongiurare la costruzione degli impianti sul nostro territorio.

L’ultima “quota” di 100 euro l’ho versata poco più di un anno fa in una riunione all’Auser insieme, tra gli altri, al prof. Nicandro Silvestri, a Gianna Scarabeo, a Benedetto Iannacone e ad altri attivisti del comitato.

Tutto questo mentre qualcuno molto vicino a Valente junior, quando questa lotta iniziava, dichiarava ai giornali che era una “battaglia di ingegneri di paese” che non conoscevano il valore della tecnologia, della modernità e dell’innovazione.

Non ho mai usato i “miei giornali” (che non sono miei…) per scopi personali come mi hanno sempre riconosciuto tutti, compresi gli avversari politici.

Quando facevo il direttore del giornale del “fascista” Ciarrapico pubblicavo il migliore quotidiano che sia mai apparso sulla scena editoriale locale. Vi scrivevano personaggi del calibro – e parliamo degli anni ’90 – di Nichi Vendola, Romano Prodi, Corrado Augias, Federico Orlando, Giuseppe Tabasso, Giorgio Palmieri, Luigi Biscardi, Antonio Ruggieri, Orazio Maria Petracca, Pietro Corsi, Giose Rimanelli (tutti noti “fascisti”), tanto per citarne alcuni.

Il suo illustre papà, all’epoca in politica attiva e non alla finestra come oggi, spesso e volentieri vedeva pubblicati su quel giornale i suoi articoli che gli consentivano di avere visibilità e di far conoscere le sue idee.

Conservo ancora alcuni suoi messaggi elogiativi. All’epoca, evidentemente, il giornale del “fascista” Ciarrapico faceva comodo. Come sa chi fa questo mestiere il valore dei giornali lo decidono i lettori. Quando ho lasciato il “Nuovo Molise”, in contrasto con la linea che voleva dare l’editore di sostegno a Michele Iorio, amico di famiglia di Valente, me ne sono andato dimettendomi, rinunciando ad un eccellente stipendio e ad un posto importante.

Questa è storia che centinaia di persone possono testimoniare. E comunque lasciai quel giornale con una vendita di 3.600 copie al giorno, cifra che mai più nessun quotidiano regionale ha toccato. Il titolo di “insegnante delle scuole” l’ho conseguito “a tarda età” nel 2000, dopo aver partecipato al concorso pubblico per titoli ed esami indetto nel 1999 dal Ministero dell’Istruzione dopo quasi 30 anni dall’ultimo concorso.

Sono stato il nono a livello regionale, il primo a livello provinciale in un concorso con una prova scritta ed una orale. SOltanto il 30 per cento dei candidati superò la prova scritta e tra gli esclusi figuravano fior di docenti che avevano alle spalle lustri di insegnamento da precari, alcuni dei quali poi sono entrati ugualmente di ruolo e oggi fanno anche i presidi. Tutti gli incarichi che ho li ho guadagnati o con il consenso dei cittadini – quando mi sono candidato – o attraverso pubblici concorsi regolarmente vinti.

A proposito degli “emolumenti” derivanti da questi incarichi, ho pubblicato un anno fa, in questo gruppo, i dati della mia dichiarazione dei redditi. Quando mi accusa di aver “girato praticamente tutti i partiti”, il giovane architetto Valente probabilmente mi confonde con il suo illustre congiunto.

Io in vita mia sono stato iscritto ad un solo partito, Sinistra Ecologia e Libertà, di cui ho avuto la tessera nel 2010 e nel 2011. Tessera non più rinnovata anche perché, ad un certo punto, in quel partito sono entrati personaggi politicamente ambigui.

Alle regionali del 2013 mi sono candidato da indipendente nella lista dell’Idv – e non ho aderito a quel partito – perché mi è stato chiesto dal presidente Frattura di dare il mio contributo alla sua causa. Ho deciso così di accogliere l’appello pubblico di Antonio Di Pietro che, nei mesi precedenti alle elezioni, aveva aperto le liste del suo partito ad esponenti indipendenti della società civile.

Sono stato iscritto ad un solo partito in vita mia e me ne sono andato da SEL in punta di piedi, senza fare troppo rumore come invece ha fatto qualcun altro molto caro all’arch. Valente. Per quanto riguarda le mie battaglie “sterili”, Valentino (piccolo Valente) parla in particolare di due: quella a difesa dell’ospedale e quella per la scuola. Sulla prima potrebbe chiedere ai cittadini di Venafro quello che ho fatto.

Sono stato tra i promotori delle manifestazioni di piazza, mi sono recato personalmente a Campobasso più volte con altri amministratori per contestare le scelte regionali, ho dato sempre il mio contributo stando in prima linea.

Sulla scuola voglio ricordare al giovane architetto Valente che ho ottenuto ben due risultati concreti. Il primo riguarda la ristrutturazione della scuola di via Colonia Giulia che oggi è aperta grazie alla mia determinazione e alle mie battaglie, come mi è stato riconosciuto pubblicamente il giorno dell’inaugurazione, nei loro interventi, dall’allora sindaco Nicandro Cotugno e dall’allora presidente della Regione Michele Iorio.

Forse Valente jr. non sa che qualcun altro, che lui conosce molto bene, su quel sito di via Colonia Giulia avrebbe voluto costruire un centro commerciale… Inoltre ho presentato e fatto approvare in Consiglio comunale una delibera per la rimodulazione del finanziamento di 2,5 milioni di euro che erano stati destinati al sito di Camelot e che saranno invece utilizzati per sistemare la scuola di via Majella.

Quella mia delibera ha avviato l’iter amministrativo che porterà a breve all’adozione della delibera di giunta regionale (Michele Iorio non ha voluto approvarla) da parte della nuova giunta di Paolo Di Laura Frattura (che ha preso un impegno preciso con me in questo senso) per rimodulare il finanziamento e consentire al Comune di Venafro di avviare le procedure per la progettazione esecutiva e per l’appalto dell’opera che consentirebbe finalmente ai ragazzi di Venafro, ai docenti e al personale scolastico di avere una scuola sicura e funzionale.

Potrei continuare nel mio elenco, ma aspetto di sapere cosa ha da mettere sul piatto Luigi Valente (gli consento di attingere anche al suo ambito “familiare”) di concreto fatto a favore della nostra città.

Purtroppo mi piacerebbe stare più tempo al computer e in pantofole, ma esco di casa alle 7,15 per andare a lavorare e torno la sera – quando va bene – per ora di cena. E quando torno dedico il mio tempo ai due miei meravigliosi figli, accendendo il computer soltanto quando vanno a dormire.

E certe volte, come stanotte, mi tocca impiegare il mio poco tempo a rispondere alle baggianate del giovane architetto Valente. Che addirittura – questa è davvero bella – pretenderebbe pure di insegnarmi ad usare le virgole…. Caro Luigi, stai tranquillo, quando voglio parlare di te o di qualcun altro non ho problemi a farlo direttamente.

Ho alle spalle 30 anni di attività giornalistica (25 di iscrizione all’Ordine) e non le ho mai mandate a dire a nessuno. Mi auguro però di non dovermi più occupare di te, delle tue contorsioni mentali e del tuo livore, ma di potermi dedicare a cose più importanti. Spero di averti chiarito ogni dubbio, nel caso sono qui a tua disposizione.

Un abbraccio.

There are 8 comments

  1. Luigi Valente |

    In riferimento a quanto scritto da Antonio Sorbo, mi preme sottolineare che non ha pubblicato integralmente la mia replica, cancellando tutti i riferimenti alla sua persona.
    Se non ha nulla da nascondere, perché non ha riportato tutto?
    La filippica sulla rettifica la può benissimo risparmiare, perché io ho semplicemente chiesto il diritto di replica, che può tranquillamente negare (cosa che è avvenuta, anche se parzialmente).

    Partiamo dalla questione della diffamazione nei mie confronti, ci tengo a precisare che non ho mai parlato male del suo o di altri giornali, ma se per giustificare la veridicità della notizia, invece di portare delle prove, fa l’elenco dei bravissimi giornalisti che scrivono per Il Bene Comune o semplicemente tesse le lodi del giornalista, allora gli argomenti sono quantomeno scarsi.
    Lo scrittore sa benissimo che in qualità di Direttore ha obblighi e doveri e sotto di lui ricadono responsabilità dalle quali non è esente, ne di critica ne di querela, nel caso in cui un articolo, se pur non scritto dal medesimo, è lesivo.
    Ma questi argomenti sembrano superflui per il piccolo Antonio che preferisce tirarsi fuori dalle critiche cancellando ciò che riguarda la sua persona, scaricando tutte le responsabilità sul giornalista.
    L’unica questione pertinente il Super Direttore la pone tra parentesi, con una domanda non domanda.
    Gli incarichi a me dati sono stati assegnati secondo le leggi vigenti con procedura descritta nelle delibere citate (ma non volutamente riportate) da Altromolise. Insomma detta in maniera semplice e chiara, incarichi affidati secondo la legge.
    Se il nostro Antoniuccio chiede e non chiede (come è strano e difficile da capire il suo modo di fare), non ho problemi a rispondere.

    Ho fatto le mie considerazioni e a quanto pare hanno colpito nel segno.
    Il Sorbo ha dovuto fare ricorso al suo curriculum per giustificarsi. Mi ricorda quel giornalista, che accusato di cattivo operato si difendeva dicendo di aver studiato con ottimi risultati ad Oxford.
    Oltretutto, come mi aspettavo, invece di parlare di me, in tutta la sua “requisitoria” fa continui riferimenti a mio padre, non avendo altri argomenti. Ovviamente non ribatto minimamente, anche perché credo di avere un genitore capace di difendersi da solo.

    Anche io potrei fare ricorso a mio curriculum, magari non vasto come il suo, per fortuna solo perché sono più giovane. Potrei raccontare dei concorsi vinti in Europa, dei progetti in Russia o in Pakistan o per progetti fatti in Italia e in Molise (compresi quelli che cita l’insegnante) o più semplicemente per aver lavorato per questo o quel famoso architetto.
    In realtà, credo sia tutte fesserie, non è facendo la lista di quello che si è fatto che si diventa onesti. Si può essere persona onesta, magari avendo passato tutta la vita a zappare lo stesso terreno ed avere sul proprio curriculum una X.
    Cosa ho fatto in tutta la vita il professore poco importa, bisogna vedere come si è fatto e come si è ottenuto.
    A me basta dire che tutto quello che ho fatto è stato conquistato onestamente, grazie ai sacrifici della mia famiglia e non sarà ciò che pubblica, in maniera diffamatoria, il suo giornale che cambierà la mia storia.

    Entrando in merito a quello che ha detto Antonino, mi preme precisare che, niente di quello che ho raccontato risulta in alcun modo inesatto e Sorbo no ha fatto altro che precisare aggiungendo elementi, ma senza sconfessare ciò che ho detto.

    Le sue cariche, da me elencate sono vere, se pur misere, ma qui il giornalista non coglie la critica, che non è nella moneta (argomento al quale è sempre molto attento), ma nel numero di cariche cumulate, soprattutto quando alcune di esse dovrebbero essere a servizio del popolo. Basterebbe dimettersi da qualcosa.

    Per quanto riguarda l’alterco con mio padre, credo non valga la pena neanche replicare, lo sanno tutti i Venafrani dell’esistenza, non penso debba essere dimostrato, basta leggere quello che ha appena scritto, con i continui riferimenti.

    Rimango sconcertato quando apprendo che il consigliere comunale (di minoranza) non capisce perché cito i miei limpidi ed onesti rapporti lavorativi. Sul suo giornale e con la sua direzione è stato pubblicato l’articolo che mi diffama. Sono sbalordito che un tale giornalista, con tale curriculum, non riesca neanche a cogliere il punto della questione. Ma probabilmente è troppo infervorato e toccato nel profondo per capire l’ovvio.

    Per quanto riguarda le sponsorizzazioni del giornale, da parte della società della turbogas, ribadisco che è un dato di fatto, può arrampicarsi sugli specchi distinguendo le varie figure che si ricoprono all’interno di una redazione, ma i fatti sono fatti e le sponsorizzazioni erano sul suo giornale e direttamente o indirettamente ne usufruiva.

    Invece per quanto riguarda tutte le vicende politiche, continuo ad avere la mia opinione e pensare che, il candidato (perdente) al consiglio regionale, non abbia mai fatto nulla di concreto.
    Posso tranquillamente, senza sminuirmi, dire che vale la stessa cosa per me.
    Sempre grazie alla sua elevata intelligenza capirà la grande differenza che c’è tra quello che dovrebbe fare un politico e un cittadino. Io non mi sono mai candidato e soprattutto non vado vantandomi di inutili traguardi per accumulare consenso elettorale.
    Se, il candidato (perdente) alla presidenza della Provincia, anche questa volta non coglie la palese differenza, allora è un problema serio.

    Anche per quanto riguarda la questione Ciarrapico, mi dispiace per il candidato (perdente) a Sindaco, ma è anche questo un dato di fatto. E’ stato direttore di diverse testate giornalistiche il cui editore era il suddetto. Chi ha un minimo di competenza sa benissimo come seguiva e che direzione dava ai propri giornali, ma non voglio fare la storia dell’editore, è facile da rintracciare un po’ ovunque.
    Però mi preme fare una considerazione, ricordando che quando ci furono le elezioni, mi pare del 2001, (ma potrei anche sbagliare) regionali e comunali a Venafro, lui era ancora direttore del giornale, ma misteriosamente durante quel periodo, il famigerato, inossidabile, tutto d’un pezzo e sempre duro direttore, fu messo in vacanza forzata, tutto accadde senza batter ciglio, ma sempre tutto d’un pezzo.

    Tornado ala politica, sull’argomento tour di partiti, non so per quale motivo il consigliere provinciale dimentica qualche passaggio, forse sono stati traumatici.
    Senza considerare le peregrinazioni giovanili e le liste civiche, vorrei ricordare che solo negli ultimi 5 anni è stato candidato per il PD, per SEL e per IDV, però sempre da indipendente (eccerto!), senza considerare che quando era iscritto a SEL ha fatto campagna elettorale per Costruire Democrazia, partito di centro, fondato da Massimo Romano.
    Purtroppo, essendo naufragata l’avventura di Ingroia, non potrà confluire in quella forza, che contrapposta al Centrosinistra ha appoggiato durante le ultime elezioni politiche.

    Il Direttorissimo alla fine della sua mirabile difesa ha voluto precisare che quando vuole parlare di me non ha problemi a farlo, peccato che anche questa volta mi abbia dimenticato, preferendo ancora una volta mio padre come suo cavallo di battaglia.
    Con affetto

  2. DrakunoW

    E con questa chiudo, vale sia per Sorbo che per Valente. Il portale ha solo inserito una news presa da un’altro giornale , la news è stata tolta non per altro, ma semplicemente perchè non ci interessa o meglio “non mi interessa”.
    Non pubblicherò altro su questi battibecchi.

  3. Luigi mi deludi enormemente. Chiederò all’amministratore del sito la tua mail per scriverti di persona ciò che penso sulla questione. Però ti chiedo:pensi sia più tasformista uno che comunque rimane a sinistra,o chi si dice e si professa di sinista e fa anche l’assessore esterno con un sindaco di A.N.?E poi:chiedi che i giornalisti si informino senza insinuare ed infangare e mi pare che di contro il tuo metodo sia lo stesso. Mi spiace,hai la mia stessa età,ci conosciamo da tempo,e ti stimo.Conosco le tua qualità professionali. Mi stupisce molto che essendoti confontato con altre realtà,fuori da questa piccola regione,mostri la maschera peggiore per un giovane talento(lo dico sinceramente) nel settore. Ma questa volta mi hai deluso!!Profondamente!!
    P.S.:uso l’anonimato perchè non mi interessa comparire in questa questione. Per chi ritenesse di venire offeso attraverso un articolo di giornale(l’ho riletto almeno 5 volte per capire se ci fosse stata mala fede dell’articolista o altri suoi intenti strani,e proprio non mi riesce di ricavarci il filo della trama che tu ci vedei) esistono strumenti adatti per la propria tutela.Il resto,cioè il pretesto per dare sfogo ad un certo livore,proprio non lo condivido.

  4. Ing Antonio Zullo |

    saggia decisione. Con queste leggi così facilemnet aggirabili che abbiamo in Italia e ficnhè non saranno adeguatamente riviste…..non sarà mai facile ed univoco stabilire cosa sia rispondente ai principi constituzionali, e cosa sia legittimo, lecito o etico nel senso comune. meglio evitare battibechi ed attenerci alla sostanza di una costruzione futura rispettosa di tutti i cittadi per cui “nessuno dovrà rimanere indietro”!!!! (tratto a uno dei manifesti di propaganda politica del M5S.

  5. Luigi Valente |

    Caro Sorpasso, faresti bene a dire chi sei e non nasconderti dietro l’anonimato. Per quello che conta non sei comparso nella questione, ma hai espresso la tua opinione nella questione, se pensi sia corretto, sei libero di farlo.
    Ci tengo a precisare che in alcun modo ho ricevuto email private dal tale Sorpasso, le uniche mail private ricevuto in questi giorni sono a sostegno di quello che ho fino a questo momento detto.

  6. Luigi Valente |

    mi dice Ciro Carnevale, amministratore di questo sito, che tutti sanno (probabilmente tutti tranne me) che Sorpasso in realtà è Pasquale Sorbo.
    Io sono certo che la cosa non sia vera, a parte per il fatto di essere il fratello di Antonio, ma per l’amicizia di lunga data che ci unisce.
    Amicizia nella quale non è mai entrato alcun dissapore, anche se mio padre e suo fratello hanno avuto tanti scontri.
    Sono ancora qui che aspetto la mail di Sorpasso, che sicuramente non tarderà ad arrivare, che chiarirà tutto.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi