La rapina di Cipro e la profezia di Krugman sulle banche (in Italia)

La rapina di Cipro e la profezia di Krugman sulle banche (in Italia)

Michele Pierri – Scoppia il panico nell’eurozona a seguito dell’annuncio del piano di aiuti da parte dell’Europa per salvare Cipro. Nell’isola centinaia di cittadini si sono riversati davanti ai pochi istituti bancari aperti e agli sportelli bancomat per ritirare il proprio denaro e impedire il prelievo forzoso dai propri conti correnti. Quanto accaduto lì potrebbe ripetersi in altri Paesi, come l’Italia. A prevederlo non è un mago, ma un premio Nobel per l’economia molto stimato dal presidente Usa Obama.

Al caso Cipro, Paul Krugman ha dedicato un post sul suo blog. Non se lo aspettava, ha ammesso. “Con tutti i problemi in Grecia, Italia, Spagna e Portogallo non stavo pensando a Cipro. Ma è lì che c’è stata la grande euro-novità di questo fine settimana; in cambio di un piano di salvataggio, Cipro dovrebbe imporre un prelievo di grandi dimensioni su tutti i depositi nelle sue banche“.

“È possibile – continua Krugman – cercare di capire perché stanno facendo questo: Cipro è un paradiso fiscale, soprattutto per le attività di uomini d’affari russi, il che significa che ha un settore bancario estremamente sovradimensionato (si pensi all’Islanda) e che un salvataggio senza prelievo sarebbe stato visto come un piano di salvataggio non solo di Cipro, ma anche dei russi, qualcosa di incerta integrità morale“.

“Il grosso problema, tuttavia, è che non sono solo i grandi depositi stranieri che stanno subendo un prelievo; quello sui piccoli depositi sul mercato interno è un po’ più contenuto, ma comunque considerevole. È come se gli europei stiano reggendo un’insegna al neon, con su scritto in greco e italiano: “Correte a prendere i soldi dalle vostre banche!”. Domani e i giorni immediatamente successivi dovrebbero essere molto interessanti“, conclude, non senza inquietudine, il premio Nobel americano.

A rincarare la dose non un no-global qualunque ma il fondatore di Breaking Views, il guru dei mercati Hugo Dixon. Questo il suo commento: “Il prelievo forzoso a Cipro stabilisce un brutto precedente. Il denaro doveva essere trovata per evitare che il sistema finanziario collassasse. Ma imporre una tassa del 6,75 per cento sui depositi assicurati è una sorta di rapina legalizzata. Cipro dovrebbe invece imporre una tassa maggiore sui depositi non assicurati e non toccare i piccoli risparmiatori”.

http://www.formiche.net/2013/03/17/la-rapina-di-cipro-e-la-profezia-di-krugman-sulle-banche-in-italia/

Mostra altro

ommenti

  1. Di economia no, non io. Ma l’america sta uscendo dalla crisi, il PIL è in netto miglioramento. Cosa ha fatto di diverso dall’italia e dall’europa? a parte le leggi fiscali serie intese a far pagare le tasse a tutti ed a colpire duramente gli evasori, soprattutto grandi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Close
Close

Hai qualche plugin installato che blocca il sistema pubblicitario del sito

Per visualizzare il sito disabilitalo, grazie
X