La Guardia di Finanza “pizzica”… un agricoltore venafrano… ha utilizzato soldi pubblici…erogati per un opificio…per farsi una bella villetta familiare…

337 20

Illecita utilizzazione di fondi pubblici, erogati dalla Regione Molise. Pizzicato dalla Guardia di Finanza un agricoltore venafrano.

Il quale al posto di realizzare un opificio, con 200mila euro di soldi pubblici, ha costruito una villetta su due piani. Ed ecco il comunicato stampa del comando provinciale delle Fiamme Gialle: <L’attuale fase di criticità economica internazionale, che continua inesorabilmente a dispiegare riflessi negativi anche sul bilancio dello Stato e degli altri Enti Pubblici e la conseguente particolare attenzione riservata dall’Autorità di Governo alla materia della spending rewiew, ha conseguentemente comportato per il Corpo della Guardia di Finanza la necessità di attuare una strategia di potenziamento dell’azione operativa nel comportato della “Tutela della spesa pubblica” al fine di contrastare ogni fenomeno di sperpero di denaro pubblico. Pertanto Il Comando Generale del Corpo ha disposto una intensificazione delle attività nello specifico settore mirate ad individuare e accertare ogni forma di illegalità nella gestione di risorse pubbliche e in tale ottica anche i Reparti del Comando Provinciale di Isernia hanno pianificato e avviato specifici controlli nei territori di competenza. Dei  controlli già eseguiti uno di essi ha dato i suoi frutti ed  infatti i  militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Isernia incaricati dell’esecuzione dell’attività si sono trovati di fronte ad una situazione alquanto difficile da accettare da parte degli onesti contribuenti. Una ditta individuale, operante nel settore delle coltivazioni agricole e con sede nel Venafrano, ha usufruito nel corso degli ultimi anni di contributi pubblici erogati dalla Regione Molise in seguito ai danni verificatisi nel territorio molisano negli eventi meteorologici del gennaio 2003, per l’importo di oltre 200 mila Euro, e destinati alla realizzazione di opificio per la trasformazione dei prodotti agricoli ed in particolare per la trasformazione e commercializzazione di prodotti agro-alimentari. Nella realtà il titolare della ditta ottenuti i fondi pubblici si e ben guardato di destinarli alla realizzazione dell’opificio ma bensì ha pensato bene di utilizzarli tutti per realizzare una graziosa villetta su due piani destinandola a civile abitazione. I militari operanti constatata l’illecita destinazione dei fondi hanno proceduto a denunciare, a piede libero, il titolare della ditta alla locale Procura della Repubblica per le specifiche fattispecie di reato nonché alla Procura Regionale della Corte dei Conti di Campobasso per l’avvio dell’azione di recupero delle somme illecitamente distratte. L’impegno delle fiamme gialle della provincia pentra nell’accertare ogni eventuale sperpero di denaro pubblico continua ed è ad ampio raggio e va di pari passo a tutti gli altri settori di servizio cui il Corpo della Guardia di Finanza, nell’attuale contesto socio-economico, è più che mai chiamato a dare il proprio contributo>.

There are 20 comments

  1. Se pensiamoa d un opificio di tipo industriale possimao immaginare un capannone.
    Se pensiemo ad un piccolo laboratorio di trasformazione di prodotti agricolo realizzato in zona paesaggistica come è venafro, per potere avere l’autorizzazione bisogna inserirlo adeguatamente nell’ambiente.
    Se fino adf oggi nessuno ha rilevato niente di anomalo, nemmebo il funzionario che ha esaminato la pratica visto il disegno del laboratorio/opificio non ha rilevato niente di anomalo…adesso cosa si vorrebbe dimostrare? Che dopo 20 anni di causa è tutto regalolare? Dico questo non perchè non si debba controllare, ma per dire che se c’è il sospetto di un eventuale abuso bisogna indagare tra tutti quelli che hanno contribuito al presunto abuso. Altrimenti questi funzionari pubblici che esaminano le pratiche, tagliano premiano fanno e disfanno a loro piacimento o dei loro “fornitori di lavoro” che li pagfhiamo a fare? Ed i politici da cui dipendono…in che relazione possono ritrovarsi?

  2. io una cosa non capisco è il perchè quando ci sono questi casi, come quelle di altre persone che si macchiano di reati, non si faccia mai il nome !

  3. E’ facile capire l’artefice di tale genialità……
    Agricoltore x passione costruttore x piacere……
    Chi sarà mai?

  4. I nomi mò …. è che mentr spalava la neva … faceva pigljà checc patent …
    macinav n poc r uoglj … gli è sfuggita la situazione dalle mani ….

  5. evidentemente sono persone….. per cui meglio non fare i loro nomi anche perchè tra qualche giorno nessuno ne parlera più,

  6. DrakunoW

    Si vabbuo’ ,addò vern e addo cecn, questa è solo pubblicità per far vedere che fanno qualcosa, ce ne sarebbero di illegalità a venafro che stranamente nessuno vede.

    E’ uno schifo quello che succede a venafro e mo si stanno accanendo su questa persona che per quanto abbia sbagliato alla fine s’e’ costruita una casa.
    C’e’ chi ha rubato davvero milioni e milioni di euro e non gli hanno fatto niente.

    Queste sono pratiche di ufficio, quale caso eclatante e stronzate varie, paga una multa e finisce tutto a bolle di sapone.

    Ma giustamente non appartenendo alla schiera dei politici questa persona va dissanguata, perchè questi giornalisti non parlano dei veloci arricchimenti di certi pseudo politici imprenditori?
    Questo caso è solo la coda , i soldi che si fottono i potenti non saranno mai raccontati da questi giornalai( con rispetto a chi li vende).

  7. sono d'accordo con drakunow |

    Questo è un pesce piccolo e perciò lo beccano, i politici locali tutti i giorni si accaparrano finanziamenti pubblici per gestirli privatamente con attività sanitarie, commerciali etc, su cui hanno basato il loro potere politico-clientelare..ma nessuno ne parla perchè i media sono al loro soldo…

  8. speriamo che la legge questa volta sia dura e che si dia una volta per tutte l’esempio

  9. Questa personba dovrebbe avere fatto una pratica, con tanto di progetto e di relazione o di altra documentazione prevista per legge. tale pratica è stata esaminata dal funzionario/dirigente competente, è stata trovata a posto. Adesso c’è una iondagine per presunta frode? Intanto è presunta. Magari ci saranno 20 anni di cause ed alla fine il realizzatore dell’opera verrà assolto pèer avere rispettato appieno la normatyiva rtegionale. Ma vogliamo incominciare a mettere un punto interrogativo sulla normativa regionale, su chi la fa e a chi concedono i finanziamenti ed a chi non li concedono ? e perchè danno tempi ristretti che, se non si è bene informati ed istradati molti mesi prima, non si è in grado di partecipare con consapevolezza o con competizione corretta?
    E se uno partecipa ugualmente nel pèoco tempo disponibile può commettere errori o distrazioni…e poi magari venire accusato di appropriazione indebita..perchè non deve avere avuto il tempo di comprendere quel cavillo in mezzo alle molteplici cose da fare, da studiare, da capire e da risolvere in un tempo troppo ristretto.

  10. Mi dispiace dirllo ma penso Che Questa sia truffa allo Stato e fatta anche nei peggiori dei modi da quello ho saputo. Eppoi non esiste priorità x chi ruba o truffa a prescindere dall’importo. Andrebbero tutti svergognati e messi alla gogna mediatica, civile e penale. Se non si inizia a far pagare ai colpevoli il torto procurato in Italia non cambierà mai nulla e noi fessi continueremo a pagare le tasse anche x loro.

  11. Ho letto il comunicato delle cosiddette fiamme gialle e ne deduco, che senza dubbio una truffa allo Stato non cosa nè bella , nè morale, nè civile, ma andiamo ad una analitica logica del comunicato: si capisce subito che le fiamme gialle hanno svolto il loro compito, ma attenzione a che le stesse non pubblicizzino il loro dovere e lavoro per fare i moralisti, ergendossi a grandi benefattori dei deboli e guaritori dell’attuale crisi, quando si sa bene che gli stessi, insieme a tutti gli altri super eroi tutori dell’ordine (carabinieri,poliziotti, ecc,) speculano con le loro uniformi per avere prezzi agevolati o gratis dai commercianti; si sono costruiti case ed altro sfruttando i poveri imprenditori venditori di materiali edili o altro; sulla strada ricattano amici e conoscenti per avere favori per sè e per le loro famiglie.Quindi, attenzione a non spacciarvi come servitori dello Stato e poi in realtà siete degli sfruttatori e vili(perchè vi ricoprite di un manto verdino che è quelllo del serpente/aspide).Pertanto, amici ignoranti( perchè il vostro titolo più alto è quello della vecchia licenza elementare), cercate di fare il vostro dovere sì, ma non ne fate una pubblicità ingannevole, anzi se proprio volete adempiere veramente al vostro sublime dovere di controllo, rivolgetevi più facilmente ai commercianti, che spesso non emettono scontrini e fatture, agli studi di medici specialisti, nella zona di Venafro ve ne sono molti,( ma forse non li conoscete, chi sa perchè?) che non hanno mai emesso ricevuta o fatture.Sappiate che in Venafro solo i cosiddetti super marchet emettono scontrini, tutti gli altri negozi solo qualcuno.Perciò se si deve dare a Cesare quel che è suo, voi forze dell’ordine fate bene il vostro dovere non pavoneggiandovi.A buon intenditore, poche parole.Ma voi chi sa se capite?

  12. DrakunoW

    Eh si perché i tuoi mezzi erano idonei allo spalamento neve. Ma stai zitto imbroglione

  13. castillo…tutto ruota attorno all’estremo degrado del sistema Italia. pere cambiarlo c’è rimasta solo una speranza MOVIMENTO5STELLA. Se anche questa naufreaga…cerca di diventare finanziere..o altro..e vedi di fare anche tu…oppure fai l’onesto obbligato

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi