Irpef e Imu, rincari per evitare il dissesto

417 8

Inaugurata una finanziaria lacrime e sangueDissesto finanziario evitato per il rotto della cuffia. Proprio così. Le Commissarie Erminia Ocello e Giusy Ferri costrette a inaugurare una finanziaria lacrime e sangue. Aumentano addizionale Irpef e aliquote Imu. Una bella stangata in arrivo dunque per i contribuenti di Venafro che dovranno sopportare tutto il peso dei debiti del comune. Un fardello pesantissimo di oltre 4 milioni di euro, ereditato dalle Commissarie. A pesare come un macigno sui conti del comune, il debito con Molise Acque che ha costretto la struttura commissariale a varare le nuove imposte e le nuove tasse portando le aliquote al massimo, come previsto dalla legge per gli enti in situazione di dissesto finanziario. La situazione stata per precipitare anche se i vecchi amministratori, con vari giochi di prestigio, avevano mascherato il problema a tal punto da non accorgersi nemmeno di aver sforato il patto di stabilità che ha causato pesantissime penalità per il comune che dallo Stato centrale si è visto decurtare trasferimenti per oltre 200 mila euro. L’aliquota Imu, imposta comunale sugli immobili, per la seconda casa arriva al 10,6 per mille, mentre per la prima casa il livello rimane nella norma. Per quanto poi attiene l’addizionale Irpef, che va a colpire i redditi delle persone, questa sale di 3 punti, passando dallo 0,5 allo 0,8 per cento. Rincari che peseranno fortemente sui cittadini di Venafro, rischiando di metterle in ginocchio le famiglie già stressate dalla crisi che oramai dura da circa quattro anni. Così, possiamo dire, nella notte di “Halloween” lo spettro delle conseguenze del dissesto si sono materializzate. Tutto questo nonostante lo sforzo apprezzabile della Commissaria Ocello di mitigare il colpo sui possessori della prima casa. Dal comune fanno sapere che l’aumento delle aliquote è previsto dalla legge. “ Dove potevamo intervenire per agevolare il cittadino contribuente lo abbiamo fatto e dove le cose dipendevano dalla nostra discrezionalità abbiamo evitato di aumentare la pressione fiscale.” E’ quanto affermano dalla struttura comunale ricordando che alcune tariffe sono rimaste come prima. Il dato ultimo che preoccupa, al di là del bilancio di previsione appena approvato, è l’aumento vertiginoso del contenzioso con richieste di pagamento di cittadini e ditte quasi sempre avallate da sentenze dei giudici. Con il rischio per le Commissarie, di continue variazioni di bilancio per far fronte alle richieste dei creditori. Un’esposizione debitoria che fa veramente paura e che condanna inesorabilmente chi, negli ultimi anni, ha amministrato il comune di Venafro.

Fonte: quotidianomolise.it

There are 8 comments

  1. Qualcuno puo’ pubblicare lo stipendio del Sgretario generale del comune e dei funzionari?
    Cosi’ i cittadini potranno assincerarsi dove vanno a finire ,per buona parte,le tasse

  2. Secondo me una percentuale fissa del bilancio deve servire pèer pagare le prebende che si assegnano i politici e che vanno ai dipendenti. Quindi saranno loro, per assicurarsio prebende piene, a dove garantire la buona amministgrazione e denunciare con tempestività ogni “presunta o reale” inefficienza.
    Finchè non arrivereremo alla piena trasparenza del processo decisionale….non miglioreremo la collettività ed il divario esagerato che c’è tra gli appartenenti al “giro delle cricche” ed il resto dei cittadini!!!!

  3. Il governo, le regioni e i comuni sanno come risanare i bilanci passivi.
    Non servono menti alte per quattro operazioni di matematica: servono i soldi? bene, si creino ulteriori tasse che, sia ben chiaro, vadano a colpire le classi deboli o meglio : cittadini onesti e pensionati i cui redditi mensili non superano i mille/1300 euro. .. I commenti rimangono sui giornali, il vero problema stà nel fatto che la popolazione giovanile è indifferente a tali insulti e soprusi e lascia correre . Andiamo avanti così, tra qualche mese delegheremo i signorotti che abbiamo al governo a ritirare direttamente le nostre spettanze mensili. Ma che bravo Monti! stà lavorando per noi! diamogli
    1000, 2000, 3000 euro al mese e vediamo se gli passa quella voglia di amministrare le tasche della povera gente (ONESTA). Buona sera.

  4. Mimmo, Monto ed il suo governo sono stati chiamati proprio a fare quello che fanno. Del resto non sono semplicementi dei tecnici, ma sono tecnici “asserviti” alla casta e casta loro stessi.
    Le decisioni devono tornare ai cittadini e, tra esse, anche gli emolumenti massimi che un politico o un dirigente pubblico o un gartificato possono poercepoire, con divieto assoluto di arricchimento da qualunque fonte.
    E poi ci sono le “sane” leggi anti corruzione anti evasioni anti sprechi ed anti favoritismi, kleggi che altrove sono ababstanze buone mentre in italia…continuano a favorire tali negatività da “furbi”.
    I giovani? Si decidcasero ad internet anche per conoscere le attività e le modalità per simpatizzare o diventare attivisti del Movimento 5 Stelle, l’unico modo per poter mettere un freno cosnsistente a questo degrado del sistema italia che, attraverso la mancanza di trasparenza delle procedure decisionali, lascia imperversare l’iniquità e l’affarismo di “cricca”

  5. le leggi non sono uguali per tutti |

    ” Gli italiani hanno un tenore di vita troppo alto , un livello di consumi troppo alto , è per questo noi abbiamo aumentato l’iva “…….queste le parole del ministro Grilli a Ballaro’……..
    e perchè non abbassate voi il tenore di vita…..i vitalizi….le doppie pensioni…….e che facciamo , noi tiriamo la cinghia e voi ve la levate ?????

  6. perchè sono casta |

    e fanno le manovre utili alla casta

    La casta è la vera nemica dei cittadini

    Oltre ad essere abolita, ai componenti vanno confiscati i beni e assegnate pensioni normali

  7. avvicinarsi al MOVIMENTO5STELLE ... |

    per conoscerlo, condividerlo e decidere di parteciparvi

    per chi non vuole cercarlo sulla rete per conoscerne finalità e modalità, potrà decidere di iniziare dai banchetti informativi, sperando che ne facciano anche a Venafro.

    Qualcuno può informarci in questo sito quando ci saranno banchetti informativi abbastanza vicini?

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi