Il Verlascio

Venafro ha origini sicuramente sannitiche, eppure conserva i segni incancellabili della urbanizzazione romana in un cardo-decumanico nel quale ancora si riconoscono i resti imponenti di un Teatro, di un Ninfeo, di ville sontuose nonché di un Anfiteatro (Verlascio).
Fino a poco tempo fa il monumento appariva nella sua integrale forma architettonica, frutto delle trasformazioni avvenute nel tempo, comprese quelle del Cinquecento e del Seicento che ne mutarono definitivamente l’aspetto trasformandolo in un caratteristico complesso di edifici rurali, aggregati tra loro a formare una grande piazza.
L’ellisse che ne costituiva geometricamente il perimetro esterno aveva il diametro maggiore di circa 110 metri e quello minore di circa 85 metri. Le gradinate si sviluppavano per una superficie complessiva di circa 4.000 metri quadrati con la possibilità di accogliere fino a 15.000 spettatori. L’impianto fu certamente usato molto spesso e di sicuro in esso si svolsero importanti giochi all’epoca di Augusto, come è documentato da una epigrafe che testimonia la sua esistenza almeno dal I secolo d.C. 
Quando l’impianto perse la sua originaria funzione di luogo per lo spettacolo, divenne naturalmente funzionale alla nuova economia rurale collegata alla cultura agraria medievale, soprattutto in epoca aragonese.

Show More
Back to top button
error:
Close

Stai usando un ad blocker, per poter vedere il sito, disabilitalo.

Please consider supporting us by disabling your ad blocker