Il programma di “Venafro che Vorrei ” con Mario Pietracupa Sindaco

529 12

Programma aggiornato e ripubblicato in versione integrale , chiedo scusa alla lista , non è dipeso da me. Grazie
Segue il programma>>>

Un documento con cui non vogliamo fare false promesse, programmi improponibili e irrealizzabili; leggerete, invece, un programma con cui ci presentiamo in maniera semplice e concreta, con cui vi illustriamo la VENAFRO CHE VORREMMO. Non abbiamo la presunzione di risolvere tutto e subito con una bacchetta magica ma il nostro obiettivo è quello di lavorare coinvolgendo soprattutto i cittadini per migliorare la qualità della vita della nostra città, mettendoci impegno e buona volontà. Sappiamo fin da ora che il compito non è semplice ma con tanta umiltà invitiamo tutti a darci fiducia e a collaborare fattivamente nell’interesse dei venafrani e dei territori limitrofi con cui vogliamo e dobbiamo costantemente confrontarci per sviluppare un polo di attrazione economico-sociale e, perché no, imprenditoriale oltre che di servizi.
Al Comune di Venafro serve un’Amministrazione capace e volenterosa, che non abbia paura di commettere errori perché fermamente convinta di poter operare per il bene della città e dei cittadini; il nostro movimento civico si inserisce in un sistema di completa apertura, non solo partitica e politica, ma con l’intera collettività senza pregiudizi; perché VENAFRO deve essere dei VENAFRANI, intendendo per ‘venafrani’ tutti coloro che amano e vogliono il bene della città.
Un progetto per il futuro che emerge dal nome stesso del nostro movimento: ‘VENAFRO CHE VORREI’.
Vogliamo che i nostri sogni, le nostre idee da cittadini, diventino parte di un progetto condiviso che porti VENAFRO ad essere una città che persegue la tutela del benessere di tutti, del territorio e dell’ambiente.
Pochi punti essenziali ma strategici frutto di un’attenta valutazione dell’attuale realtà locale alla quale hanno contribuito in modo sostanziale tutti i protagonisti di questa avventura; un programma, come evidenziato, aperto al confronto, all’approfondimento e all’arricchimento nel corso della campagna elettorale e dell’intero quinquennio amministrativo.
La crescita di VENAFRO non può prescindere dalla difesa del territorio tramite lo sviluppo e l’aggregazione delle migliori forze della società civile, del mondo del lavoro, della scuola, dell’imprenditoria nell’intento comune di realizzare un piano di risanamento generale che consenta il rilancio della vita economica e sociale della città.
Dal nostro attento studio è emerso che in un momento di profonda crisi che investe non solo la città di VENAFRO ma tutto il Paese, dobbiamo implementare anche le attività presenti sul territorio che possano sostenere un nuovo sviluppo economico sostenibile nel rispetto dell’ambiente e della salute. Ci riferiamo, fra tutte, alla vocazione agricola tipica della nostra città. Oltre ai nuovi strumenti e alle nuove possibilità, dunque, non dimentichiamo che VENAFRO ha caratteristiche che, se sviluppate e integrate secondo una visione manageriale, possono contribuire allo sviluppo del punti sopra citati. Per questo sì al sostegno del Consorzio di Bonifica che non può non interfacciarsi con il Consorzio Industriale Venafro-Pozzilli; con quest’ultimo al servizio del primo.
Inoltre non dimentichiamo la sanità, punto dolente della nostra Regione ma che a VENAFRO può diventare il volano della crescita. Vogliamo una sanità che funzioni e che, nel rispetto del principio costituzionale a garanzia del diritto all’assistenza sanitaria e alla salute, offra i migliori servizi ai cittadini. VENAFRO ha bisogno del suo ospedale e non solo per garantire l’assistenza ai residenti ma anche di tutti coloro che fanno della nostra zona il punto di riferimento per curarsi.
I punti programmatici, dunque, che la lista ‘VENAFRO CHE VORREI’ propone e sui quali, se risulterà vincente, concentrerà le proprie forze ed il proprio impegno sono i seguenti:

• monitoraggio del territorio costante trasparente e affidabile per tutelarlo e salvaguardarlo ad ogni costo, scongiurando fattori di rischio per la salute;
• una sanità che funzioni al pari degli altri servizi essenziali per i cittadini;
• una mobilità urbana sostenibile, con particolare attenzione alle barriere architettoniche esistenti e alle problematiche del mondo della disabilità;
• rilancio dell’economia locale, programmazione del territorio tramite il collegamento tra Enti, Consorzi e imprese sollecitando lo sviluppo di un polo agroalimentare;
• iniziative volte al sostegno dell’occupazione giovanile;
• sburocratizzazione della macchina amministrativa e ottimizzazione degli uffici al servizio dei cittadini;
• revisione dell’indebitamento e dell’autonomia finanziaria dell’Ente con previsione di un bilancio partecipativo;
• valorizzazione del patrimonio storico-artistico-culturale;
• valorizzazione e rivitalizzazione del centro storico, incentivando sia gli insediamenti collegati a piccole attività che quelli residenziali;
• collaborazione con i territori ed i Comuni limitrofi.

Una VENAFRO CHE VORREMMO noi tutti migliorare, far crescere e prosperare senza illudere né ingannare nessuno, con spirito di servizio e molto realismo, mettendo al bando le polemiche, la strumentale speculazione e la inutile conflittualità.
Una VENAFRO da portare con orgoglio ad esempio anche fuori dai confini regionali perché rinnovata e rigenerata.

Il candidato Sindaco
Mario Pietracupa

There are 12 comments

  1. dimentichi un punto caro mario “nessun supermercato e centro commerciale a venafro”

  2. Ma questo sarebbe il programma?
    Se questo è il programma ufficiale della lista il 26 e 27 mare o montagna?

  3. …CARI VENAFRANI NON CI DIMENTICHIAMO CHE STIAMO ANCORA PAGANDO LA COOPERCONSERVE (QUELLO CHE RIMANE) PER LO “SFIZIO “DI UN SINDACO!!!

  4. Il rigettato digitale |

    Alle volte accadono episodi incresciosi.

    Ogni processo evolutivo, nelle mani sbagliate, finisce per portare a distorsioni, deformazioni e abomini.
    Piega la realtà e rendila più dolce a chi ti legge, dopotutto la memoria storica è ormai ad appannaggio di pochi (stupidi? masochisti?).
    Deforma la realtà, ribaltando i problemi che crei verso coloro che te li palesano.

    In ultimo, elimina qualsiasi tipo di confronto.
    Nessuna domanda, nessuna risposta e nessuna promessa.

    L’attinenza di quanto ho scritto in questo post deriva dall’ennesima delusione e prova di una politica COMPLETAMENTE distaccata dalla vita reale, ma completamente a suo agio nella ricerca della ricchezza e del potere personale. Una magnifica trasposizione e imitazione di ciò che accade in sedi più grandi, di cui Letta è il primo burattino.

    Eliminare il dissenso, il dialogo, le critiche… credere che la popolazione non sia pronta a “capire”, credere di essere i depositari della ragione… probabilmente sareste stati più credibili se aveste inserito questi punti tra il programma.

    Il potere del digitale è fare copia/incolla di quanto già visto e rivisto e stravisto.

    Li ritengo punti asettici, senza un briciolo di credibilità e di carisma.

    Magari qualcuno interverrà per farmi cambiare idea… magari non col bastone!

  5. Lo sapete cosa mi fa più arrabbiare? Le parole inutili, le promesse che non si avvereranno mai, le false speranze…. Sono laureata e disoccupata, sono due giorni che ricevo proposte di lavoro, richieste di curriculum, possibilità di fare colloqui…. E poi? Dopo il 27 maggio nessuno ti guarderà più in faccia, io tornerò alla mia routine mentre qualcuno avrà vinto e si godrà dei bei Soldini senza fregarsene né di tutti quelli come me né di Venafro….. Per quanto mi riguarda tutti a casa….

  6. DrakunoW

    prova ad andare la mattina a passicrate, ti stendono tappetino rosso e colazioni a gogo 😀

  7. Venafrano Qualunque |

    La colpa non è dei politici che ti stendono il tappeto rosso è la NOSTRA che gli diamo la possibilità di farlo e qualcuno gli dà importanza.
    Il fatto che da più fastidio a un Venafrano Qualunque, che loro pensino(sono sicuro) che stendendo il tappeto rosso e avvicinandosi, facendo credere che tu in quel momento sei la persona che gli sta più a Cuore, preoccupandosi della tua famiglai, della tua salute, del tuo lavoro (x chi c’è l’ha e per chi non c’è l’ha di propongono infiniti lavori, ma fino a qualche giorno fà questi impieghi dove erano?), hai più importanza della “PROPRIA FAMIGLIA” .
    Omaggiandoti della propria presenza per soli 5 minuti e fantasmi x i restanti 5 anni, siano sufficienti per noi “Qualunque Cittadino” nella cabina elettorale ad apporre il loro COGNOME, ma per conquistare un voto non vi sembra un po poco? Perchè non dite cosa avete e soprattutto cosa non avete fatto nelle passate legislature? perchè non date spiegazioni “il perchè di queste coalizioni”? Oppure credete che il Cittadino Qualunque gli basti un caffè e una stretta di mano per avere il voto? considerando tutto ciò come si dice a Venafro ci volete solo fare una “Lavat r’ facc’ ” forse bisognerebbe spiegarlo cosa significa a qualche candidato che non è di Venafro!!!

  8. CITTADINO QUALUNQUE di VENAFRO |

    La colpa non è dei politici che stendono il loro “Tappeto Rosso” è la nostra di CITTADINO QUALUNQUE di VENAFRO, che gli permettiamo di FARLO e di camminarci sopra, se rispondessimo “il caffè me lo pago io” forse a Venafro qualcosa cambierà.
    Se i Nostri Politici credano che per 5 minuti del loro prezioso tempo che ci dedicano, facendoci credere di essere per loro le persone più importanti sulla Faccia della Terra, anche più importanti della Propria FAMIGLIA, facendoci domande (alcune volte anche troppo invadenti), del tipo. come va? La Famiglia? il lavoro? ecc… Se sciaguratamente non hai il lavoro, come ha detto “ARRABBIATA” ti fanno proposte infinite di pseudo lavori, (mi chiedo ma fino a ieri queste persone che possono offrire tanto lavoro dove erano????). Sono convinti che questi 5 minuti, una stretta di mano e una pacca sulla spalla possano bastare per avere il PREZIOSO VOTO DI FIDUCIA, per essere FANTASMI per altri CINQUE anni!!!!.
    Al posto della solita “LAVAT R’ FACC” (per i non Venafrani e candidati non Venafrani “LAVATA DI FACCIA”) perchè non mi spieghi cosa HAI FATTO ma soprattutto COSA NON HAI FATTO nella Legislatura precedente? Cosa intendi fare sul serio per Venafro e per i cittadini? Come mai nelle liste ci sono persone che si sono odiate pubblicamente ed ora sono insieme nella lotta per vincere tali elezioni?
    Sono sicuro che ciò sia condiviso da tante persone, ma non deve rimanere solo tale, perchè non ho più voglia di sentire quelli voci che dicono “QUIST SO VOT MIEI, QUIST APPARTIEN A ME, ECC….”.
    Io non “appartengo a nessuno” , il VOTO è la Voce e la Volontà del popolo ma soprattutto è l’espressione di DEMOCRAZIA e LIBERTA’, ed io ci Credo come ci hanno creduto Milioni di cittadini che hanno lottato e perso la VITA per ottenerla.

  9. sinceramente credo che i venafrani questa volta la loro dignità la dimostreranno…… tutti a casa devono andare questi…………

  10. che tristezza!!! |

    Si sono odiati, hanno lottato uno contro l’altro ora per l’occorrenza si sono “fiutati” “ritrovati” “riconciliatii”!tutti d’accordo per infischiarsene di venafro e continuare a fare i ESCLUSIVAMENTE gli interessi loro, delle loro famiglie allargate e delle loro aziende!Signori ecco a voli la nuova vecchia casta venafana ripulita e rinfrescata per le elezioni comunali 2013!occorrerebbe troppo coraggio, troppa forza, troppo dignità per NON votarli. E purtroppo questa digntà, questa coraggio questa forza non appartengono al popolo venafrano. Ogni città ha i rappresentanti politici che merita.

  11. Amici cittadini, al di là delle offerte di lavoro dell’ultimo minuto vere o presunte, delle pacche sulle spalle e dei sorrisi affettati o sinceri credo che bisognerebbe iniziare a cambiare proprio modo di guardare. E ‘ noto a tutti perchè sarà accaduto a chiunque che durante la campagna elettorale uno degli slogan più utilizzati sia: se ti serve qualcosa…. oppure non ti preoccupare che poi ci penso io. Signori miei qua deve finire l’idea che ci serve qualcosa o che ci pensi qualcuno perchè quello che realmente viene aiutato magari beneficerà di qualcosa (una piccolezza) ma gli altri? E ci siamo mai chiesti chi sono gli altri? Gli altri potremmo essere noi. Smettiamola di confondere il diritto con il favore, diciamo a costoro: a me non serve nulla di più di ciò di cui ho diritto tra cui anche un lavoro. Chiediamo a questi accattoni di voti: Tu cosa sei in grado di fare per me? Cosa hai in mente per Venafro? Perchè dovrei votarti? Convincimi della tua superiorità morale. Amici il voto è una cosa importante ridiamogli il suo significato, non è un favore che facciamo a qualcuno è un investimento per il nostro futuro e se scegliamo male come forse è accaduto ci troveremo male. Riflettiamo su questi concetti…….

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi