I GIOCHI DI UNA VOLTA

-Gioco del “Mazza e pìuz” (mazza e piolo):
Consisteva nel picchiare la mazza sull’estremità di un piolo in modo da farlo sollevare da terra e poi colpirlo con forza a mezz’aria, per scaraventarlo il più lontano possibile

-Gioco dell’”Arancio, mela e pera”:
in due facevano roteare la corda attorno ad un terzo che, saltellando per evitare di incespicarne, ripeteva senza sosta “arancio, mela e pera – arancio, mela e pera”. Al primo saltello errato la corda si fermava e al centro passava chi all’inizio del gioco aveva scelto il nome corrispondente al frutto pronunciato al momento del saltello sbagliato.

-Gioco delle “vricc” (sassolini):
Si giocava con cinque sassolini a testa. L’abilità consisteva nello scagliare un sassolino in aria e riafferrarlo al volo dopo aver raccolto, sempre con la stessa mano, gli altri quattro sassolini da terra.

-Gioco del “Uall ciuopp” (gallo zoppo):
si disegnava a terra una grande tabella con scritti a gesso i giorni della settimana. Saltellando su un solo piede occorreva far avanzare un sasso evitando che uscisse dal percorso tracciato. Chi riusciva a percorrere senza interruzioni l’intera “settimana” prendeva un punto. Con sette punti la vittoria era assicurata.

-Gioco de “i cuavaglion” (il cavallone):
un gioco maschio, riservato ai ragazzi già cresciutelli o comunque di forte costituzione fisica. I componenti di una delle due squadre si disponevano chini uno dietro l’altro, contro un solido appoggio (un muro o un palo), mentre quelli dell’altra squadra, dopo una breve rincorsa, saltavano in “groppa”. Era una gara di resistenza; quando chi stava sotto crollava il gioco riprendeva a ruoli invertiti.

-Gioco del ” Francoscopegna”

Welcome Back!

Login to your account below

Retrieve your password

Please enter your username or email address to reset your password.

Add New Playlist

Contact to Listing Owner

Captcha Code
Are you sure want to unlock this post?
Unlock left : 0
Are you sure want to cancel subscription?