Finanze comunali, casse a secco

412 12

Lo sforamento del Patto di stabilità ipoteca il futur o dell’amministrazione“Chi andrà a gestire la cosa pubblica, si troverà in grosse difficoltà alla luce dello sforamento del patto di stabilità per oltre 1 milione e 500 mila euro, come certificato dagli organi competenti”. E’ quanto affermano tanti addetti ai lavori nel commentare i dati che giungono dalla sede municipale circa la compilazione del bilancio di previsione.

Questa volta a firmare tutta la parte contabile sarà il Commissario Straordinario Erminia Ocello che, secondo indiscrezioni, non avrebbe intenzione di aumentare le tasse e quindi mettere le mani nelle tasche dei cittadini, per far quadrare i conti. Ma la situazione finanziaria del comune presenta non poche criticità e coni d’ombra. A pesare come un macigno sul bilancio il deficit strutturale e mancato rispetto del patto di stabilità nell’ordine di 1 milione e 600 mila euro, anno 2010 e 2011.

La situazione economicofinanziaria dell’Ente mette in evidenza, in maniera inequivocabile, gli errori commessi dalle amministrazioni degli ultimi anni. Basta pensare alle vicende relative alla gestione del sistema integrato delle acque di inizio anni duemila affidata alla Neptun. Gestione che ha creato, di fatto, un buco di oltre 4 milioni di euro con Molise Acque.

I debiti accumulati in questi ultimi anni, dovranno essere azzerati,nei prossimi tre anni così come prevede la legge, con una drastica riduzione delle spese. Questo vuol dire che, nei prossimi tre anni, le entrate accertate dovranno superare le spese impegnate di oltre 1 milione e 600 mila euro all’anno.

Intanto sulla scrivania delle due Commissarie Ocello e Ferri arrivano, veramente in quantità industriale, ingiunzione di pagamento e tante richieste di ditte, professionisti che reclamano crediti oramai datati. Difficile, in un contesto del genere, riuscire a risanare senza aumentare le tasse.

Un’impresa quasi impossibile per la Ocello che sta mettendo in campo una sorta di finanziaria interna che punta al taglio di tutte le spese inutili per puntare al contenimento della spesa pubblica. Si rischia di non avere i soldi neanche per l’ordinaria manutenzione delle strade, delle scuole e delle altre strutture necessarie a garantire la vivibilità della città.

E l’aver sforato il patto di stabilità significa che l’Ente, dichiarato ente strutturalmente deficitario, sarà soggetto da quest’anno e per i prossimi tre anni, al controllo ministeriale sulle dotazioni organiche e sulle assunzioni del personale, nonché una serie di vincoli sulla copertura dei servizi a domanda individuale che potrebbero portare ad un aumento dei costi dei servizi a carico dei cittadini.

Il non rispetto del patto di stabilità, poi, determina l’applicazione di ulteriori restrizioni, tra cui anche dei limiti agli impegni per le spese correnti e l’impossibilità di ricorrere a mutui per finanziare nuove opere pubbliche.

Certo, quanto certificato oggi dalle due Commissarie, è frutto certamente non solo degli ultimi anni e quindi le cause vanno ricercate in un lasso di tempo molto più ampio. Sta di fatto che il futuro della città appare ipotecato e chi andrà ad occupare la poltrona più ambita del consiglio comunale, non avrà vita facile e dovrà inevitabilmente chiedere ulteriori sacrifici ai cittadini, per garantire almeno i servizi minimi.

There are 12 comments

  1. Spero che quanto scritto nell’articolo, tutta verità, faccia riflettere i Venafrani alle prox elezioni. Mandiamo a casa tutti i vecchi e cambiamo i volti dei politici locali una volta per tutte. Speriamo bene.

  2. I bilanci saranno rimpinguati dai proventi della sosta a pagamento e dalle addizionali comunali. Il governo del nostro comune è lo specchio del governo italiano. Con il dovuto rispetto alle commissarie che nulla hanno a che fare con il “Ben fatto” delle precedenti amministrazioni,rivolgo il mio in bocca al lupo a tutta la classe politica venafrana in trepidante attesa di riprendere la poltrona lasciata a malincuore. Sono certo che la nuova amministrazione saprà ben comprendere i problemi di Venafro anche se non ce ne sono o meglio parliamo di cose del tutto trascurabili e saprà dare prova di grande altruismo agli elettori.

    Forza Venafro.

  3. Perche’ non ridurre i compensi stratosferici del Segretario Generale e degli altri funzionari e nel contempo rivedere al ribasso l’organico dei dipendenti ?Prendere esempio da comuni virtuosi del Nord non da Enti gestiti da Berlusconiani(LAZIO DOCET)

  4. Il segretario comunale è sottoposto ai capricci della GIUNTa o del SINDACO, se non si comporta come vogliono costoro vengono mandati via e sostituiti.
    Essere segretari comunali a venafro fa gola a molti e non ne vedrebberol’ora.
    ma il sistema non a caso è forgiato così – la voòlontà politica, qualunque essa sia ed in eventuale dispregio della normativa – viene imposta tenendo in pugno o sottoposti ai propri capricci il segretario comunale ed i responsabili.
    E credete che nella temporaneità di insediamento le Commissarie, il segretario e i responsabili possono adottare decisioni avverse a quelle che il potere politico consolidato suggerisce loro di adottare?
    Non ci tengono sicuramente a perdere le loro prebende e nessuno gliele vuole togliere o ridurre, perchè in tal caso avrebbero meno potere di imporre scelte poco conbdivisibili rispettoa gli interessi collettivi.
    Quindi o MOVIMENTO5STELLE o non cambierà mai niente.

  5. Si parla tanto di trasparenza, perche’ non si pubblicano le prebende dei funzionari del comune ?Come mai si parla di srtipendio stratosferico del segretario generale del comune,quant’e’ il suo stipendio?Venafrani attendete nuovi aumenti dell’irpef comunale la voracita’ del politici locali e non e’ insaziabile
    attendo notizie.

  6. Quando “qualcuno” nel recento passato ha parlato della situazione dei bilanci i venafrani si sono volutamente girati dall’altra parte facendo finta di non voler sentire… le scorse maggioranze ci hanno portato in questo baratro… le questioni Neptun e Molise Acque graveranno per molti anni sul nostro bilancio precario che non permette nulla… ci sarebbe da assumere altri vigili urbani perchè con quelli si potrebbero realmente far entrare discrete cifre nelle casse del comune… vendere beni comunali? e chi se la dimentica la situazione della fabbrica dei pomodori… dimenticavo di chiedere una cosa a chi ne sa senz’altro più di me… tempo fa trapelò la notrizia che il comune di Venafro è proprietario di un terreno a taranto, lasciato in lascito anni fa e su cui ci sono problemi burocratici/ giudiziari… possibilità di vendere sto benedetto terreno che si diceva fosse abbastanza di valore (mi baso esclusivamente su quello che ricordo di aver letto)… e magari mettere in cassa qualcosa di realmente sostanzioso, visto che le vendite fatte in questi ultimi tempi non hanno avuto grande seguito…
    Il risvolto finale di maggio 2013 sarà sempre lo stesso visto l’animo autolesionista dei venafrani e cioè tornare a votare la casta ed essere felici di veder giorno per giorno la nostra città morire.

  7. Vota e fai votare MOVIMENTO 5 STELLE in tutte le consultazioni, sia politiche che amminsitrative.
    E se ti è possibile iscrivi al Movimeto 5 Stelle di isernia e provincia e del Molise, per partecipare con maggiore impegno alla rinascita della civiltà per un sistema equilibrato giusto solidale e rispettoso dei principi costituzionati: dignità a tutti non solo alle caste e loro protetti/favoriti.

  8. movimento 5 stelle in Molise? questi sono i nomi di quelli che risultano iscritti:

    Antonio Federico

    Cosmo Bottiglieri

    FABIO DE CHIRICO

    Giuseppe Baranello

    Lorenzo Sallustio

    Riccardo Dell’Orco

    Simone CRETELLA

    Vincenzo Mugnano

    tra questi non mi sembra che ci siano venafrani…

  9. I venafrani li trovi iscritti nella lista DEL CLERO o in quella dei PAGNOTTISTI e’ dagli anni 50 che funziona cosi’.

  10. Se vai a Movimento 5 stelle di isernia e provicnia troverai circa 90 iscritti tra cui 3 o 4 dell’hnterland di venafro se non di venafro
    Se vai a Moviemnto 5 stelle molise troverai circa 400 iscritti, non so se per avere accesso alla lista degli iscritti devi iscriverti, comunque dovresti trovare il rigo di accesso alla sinistra guardando il video.
    Dopo che ti sono apprsi i primi nomi devi cliccare in basso per vedere i successivi.
    In ogni caso se non ci sarà un numero decente di cittadini che vogliono partecipare per cambiare ilsistema, resta quasi inevitabile che il sistema non verrà cambiato.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi