Feste natalizie a dieta di eventi

350 14

Delusione fra i venafrani tornati per l’occasione. Anche il patrimonio artistico è stato snobbato“Ma questa veramente è la quarta città del Molise? Una delusione, sono ritornato a Venafro dopo venti anni e qui non è cambiato nulla.” Mario è un imprenditore che fu costretto a emigrare circa venti anni fa per mancanza di lavoro.

E’ tornato a Venafro per salutare amici e parenti in vista dei festeggiamenti di fine anno. Deluso per come è stata ridotta la città, senza un evento di rilievo anche per le feste di Natale.

In effetti Venafro non sembra la quarta città del Molise, visto cosa riescono ad organizzare altrove, anche in centri più piccoli come Filignano, Conca Casale, Monteroduni, Agnone, tanto per fare qualche esempio. Tanti turisti giunti a Venafro hanno manifestato tutta la loro delusione perché non hanno potuto visitare tanti luoghi d’arte, chiusi rigorosamente anche in periodo natalizio.
“ La cosa che fa ancora più rabbia – ci dichiara una appassionata di opere d’arte giunta dalla vicina Campania – è sapere che Venafro è l’unica città del Molise a poter vantare la contemporanea presenza dell’anfiteatro, del castello e del teatro romano. I miei genitori erano molisani e io spesso vengo da voi ma devo dire che ogni volta ritorno a casa delusa. Venafro sembra una città morta, è triste dirlo ma questa è la realtà.

“ Eppure per mettere la città in un circuito turistico internazionale occorrerebbe veramente poco, un po’ di programmazione e una classe dirigente più attenta alla cultura, all’arte, alla storia, alle tradizioni. Si pensi solo che il teatro romano della città è simile per capienza a quello di Pompei.

Che per esempio, chiudendo piazza San Francesco, piazza Merola, si realizza un bellissimo teatro all’aperto con naturali pendii che creerebbero la giusta dimensione per uno spazio che potrebbe essere adibito a una sorta di sala cinematografica all’aperto. Per non parlare di piazza dell’Annunziata, le chiese di sant’Antuono o Sant’Agostino, oppure della piazzetta del castello Pandone, ridotta a un ricettacolo di ammasso di pietre e materiale da scavo. Ed ancora il Verlascio, dei cui finanziamenti per il recupero si sono perse le tracce.

Di recente il Soprintendente ai beni culturali del Molise Gino Famiglietti ha annunciato importanti novità per questo sito ma per il momento si tratta solo di buoni propositi e nulla più visto che da anni il cantiere non riparte e le impalcature fanno bella mostra di sé per un bene lasciato morire giorno dopo giorno, tra l’indifferenza di tutti, a cominciare da chi dovrebbe darsi da fare per ridare alla città il Verlascio.. Oppure ancora alle tante bellissime chiese, che potrebbero accogliere concerti di caratura internazionale ( leggi l’Annunziata con l’antico organo restaurato).

Ma la città di Venafro, lo dicono in tanti, è stata ferita a morte da una classe politica che non ha mai brillato per intraprendenza, correttezza amministrativa, operosità e gestione del l’enorme patrimonio culturale lasciato al suo macabro destino. Una città che continua a non avere un teatro, un cinema, uno spazio per i giovani. Una città cioè senz’anima. I cittadini Natale è passato ma il capolavoro dei giovani dell’Oratorio Giovanni Paolo II rimane aperto e visitabile tutti i giorni. Ci riferiamo al presepe artistico permanente di Venafro sistemato all’interno della biblioteca comunale, a pochi passi dalla sede municipale in pieno centro storico. Il cuore della città illuminato da questa luce in un contesto di abbandono e degrado. Proprio così. I responsabili dell’Oratorio della parrocchia San Simeone e Caterina garantiscono turni per i visitatori che vorranno non perdere questa occasione di arte e tradizione popolare. Il presepe artistico è una sorta di città in miniatura, con i principali monumenti e chiese che fanno da cornice all’evento della nascita di Gesù. Fino all’Epifania è possibile visitarlo tutti i pomeriggi dalle ore 17 alle ore 20. Dopo il 6 gennaio sarà possibile visitarlo quando la biblioteca è aperta dalla vetrata espositiva. Ma per visite programmate o quando la biblioteca è chiusa, si può chiamare il presidente dell’Oratorio “Giovanni Paolo II” signor Elvio Fascia al numero 347/5811025 M.F. sperano nelle prossime elezioni amministrative, oramai alle porte, per una nuova classe dirigente in grado di far fare un decisivo salto di qualità alla città, in ogni settore.

There are 14 comments

  1. Venafro è figlia del lassismo generale dei venafrani e della ormai incancrenita capacità di sottomettersi maochisticamente dal potente di turno o al politicuccio di primo pelo ! Venafro è la puttana da stuprare quotidianamente, da parte di sprovveduti avventurieri che osano farsi chiamare professionisti, imprenditori, etc ma che nulla hano a che vedere con tali categorie. Venafro è la vacca da mungere ( anzi..or ora è una vacca da macello essendo già stata munta piu’ del dovuto) abbandonata al suo triste destino dopo aver sfamato avvoltoi senza scrupoli, Venafro è la pattumiera d’italia ! nessun paese in Italia ( e anche in europa) sarebbe stato cosi omertoso. silente, cieco di fronte ad una “aggressione” macchinata dal duo “politica/camorra” per distruggere un territorio fino a poco tempo fà fiore all’occhiello del sud italia per ambiente, tranquillità, benessere. Ma noi dove siamo ????? Dove vogliamo arrivare ??? Cosa vogliamo regalare ai nostri figli e ai nostri nipoti ??? Di cosa vogliamo morire ?? e per mano di chi dobbiamo morire ???? Queste inquietanti domande non troveranno risposta.. abituati come siamo a piangerci addosso quando le cose non funzionano e a osannare chi tenta con una “flautolenza d’asino” di farla passare come “essenza di Chanel nr.5!!! Forse sarà arrivato il momento di tirare fuori un pò gli attributi e cominciare a riprenderci non il maltolto ( perchè quello che hanno rubato non potrà mai ritornare e ormai è messo al sicuro per garantirsi una brillante e ricca vecchiaia) ma perlomeno un “decente e onorato futuro”.. visto che ormai hanno intaccato anche questo ! Abbiamo la forza di dire finalmente un NO..a chi verrà per l’ennesima volta a farvi promesse e imbacuccarvi di emerite stronzate sentite e risentite dalla notte dei tempi per elemosinare il solito VOTO ???? Non dico di avere la forza di mandarlo a fanculo …sarebbe spingere un pò troppo sui canoni della nostra educazione…ma un bel NO DECISO E INCAZZATO siamo in grado di pronunciarlo ??? siamo pronti A CAMBIARE RADICALMENTE un sistema che va avanti da molti, ma molti, ma molti anni ?? .Forse sono queste le cose che dobbiamo cominciare a chiederci …cominciamo a essere quei venafrani orgogliosi di esserlo…

  2. C’è tanta gente che predica bene e razzola male… chi parla di alternativa pensi solo ed esclusivamente a dare il proprio voto a chi non è mai stato in maggioranza. già solo in questo modo tanta tanta merda riusciremo a togliercela da davanti… tanta gente che ha fatto delle chiacchiere e dell’apporssimazione il proprio modus operandi ed ora visto li schifo delle ultime amministrazioni ci si ritrova con cartelle esattoriali alle stelle… i venafrani dovrebbero in primis far pagare alle amministrazioni Bianchi – Cotugno V. e Cotugno N. con tutte le FF di quest’ultimo gli INNUMEREVOLI errori frutto della schifosa e approssimativa gestione che ha portato la nostra città in quest’oblio. Personalmente non invidio chi andrà a fare l’amministrazione di maggioranza da maggio in poi se la vedrà brutta, ma continuare sulla linea del passato sarà come darsi da soli calci nel culo… quindi VENAFRANI ora non c’è da considerare presunte ideologie o appartenenze politiche o farsi fare fessi dalle solite e stupide promesse così come ci sarebbe (so che è difficile farlo) mettere da parte parentele, amicizie e “cumparielgl”… una cosa è il legame da cittadini che non comporta nulla a livello di impatto sociale sulla città un’altra è sapere che una persona a te cara messa in certo posto non è riuscita e non riuscità di certo a gestire la cosa pubblica. La gente deve essere capace di scindere queste due cose… se ci si mette in testa tutto ciò continueremo ad annaspare nella merda. buon anno a tutti i venafrani con l’auspicio che il 2013 ci porti quella nuova stagione che in tanti vogliono ma che in molti non sono realmente capaci di far impiantare a palazzo cimorelli.

  3. Nic… ma tu ce l’hai il coraggio di dire NO ??? comincia a farti questa domanda… Per l’alternativa bisogna vedere… ci sarà qualcuno nelle liste che si andranno a votare che sia una persona perbene, uno/a che non ha mai avuto a che fare con la politica bieca e arrogante…una persona pulita…poi il tuo è il tipico commento ed atteggiamento del menefreghismo generale che finora ha permesso quanto ho scritto nel precedente commento. Bisogna sempre accontentarsi del peggio o cercare quantomeno il meno peggio ???????????? ja…agg pacienza…

  4. detto famoso..... |

    ” Se votare facesse qualche differenza , non ce lo lascerebbero fare ”
    ( Mark Twain )

  5. Caro Pitone io il no lo dico tranquillamente.In altri tempi mi sono fatto la valigetta e sono andato via a lavorare fuori anche all’estero, piuttosto che chiedere.Continuate a criticare ed a maledire i vecchi politici, ma perche’ non fate qualcosa di costruttivo e tirate fuori il nome di queste “persone perbene”?Chi sarebbe il meno peggio?Non frequento molto Venafro, non passeggio molto sul “Corso” quindi potreste aiutarmi voi a capire quali siano le persone “giuste”.Fatelo qualche nome, altrimente sembra che abbiate tanto coraggio a criticare ma tanta “paura” a schierarvi.

  6. Caro Nic.. in primis io non critico ma e maledico nessuno delle vecchie amministrazioni…sto semplicemnte esponendo un pensiero sul popolo, su di noi..una sorta di invito a tirare fuori quell’orgoglio che purtroppo abbiamo perso per tanti motivi. Io non sto sul corso nè tantomeno bivacco davanti al bar e non ho titoli per fare nomi o invitare qualcuno a presentarsi alle prossime elezioni. Dico solo che non sarà difficile scegliere tra qualche eventuale volto nuovo, tra qualche giovane serio e preparato o qualcuno che sia veramente convinto di fare politica seria e amministrare con un pò di diligenza una macchina amministrativa. Personalemnte a me nessuno ha mai regalato niente, non ho mai chiesto nè tantomeno ricevuto..la valigia non l’ho fatta perchè non mi sono spostato molto e per ventuno anni ho lavorato onestamente in altri ambienti. Ma ciò non toglie che se vi fosse la possibilità di condividere percorsi comuni con altre persone motivate e serie..bhè sinceramente on mi tiro indietro e sarò felice di mettere a disposizione la mia umile esperienza a servizio del bene comune e di questa martoriata città !

  7. Caro Pitone, come vede di nomi alternativi non ne ha proposto e forse non ho torto nel dirle che non ve ne sono .Ha valutato la mia affermazione come “menefreghismo”, mi dica come si valutano le affermazione di un saccente che fa un bel giro di parole per criticare tutto e tutti senza proporre niente?Sign Pitone, si canditi lei, molto probabilmente e’ un buon rappresentante del venafrano medio; sicuramente avra’ consenso e sara’ in grado di risolvere i problemi.

  8. Nic,te lo dico io chi sono queste persone per bene:Massimiliano Di Vito,Il grande politico ro **** Eugenio Riccio,e compagnia bella.

  9. Caro Nic ..mi sà che c’è qualche problema nella comprensione di quello che scrivo visto che sono due volte che noto che non capisce quello che ho scritto. Riguardo al venafrano medio ne sono ogogliosissimo di farne parte, riguardo al saccente..bhè…sinceramente non sono cosi elevato “culturalmente” per fare giri di parole per arrivare a chissà quale conclusione. Ripeto..se leggi bene i miei msg forse cominceremo a capirci. In secundis non ho aspirazioni politiche o chichessia e non mi serve “canditarmi” … non ho nè la capacità nè la bacchetta magica per risolvere i problemi. Qunado sarà, tra i tanti che ci metteranno la faccia…cercherà di votare quella più pulita !!!!!!!!! Come negli interventi su venafrano.org!!!

  10. Carissimo Pitone, e’ vero, forse e’ difficile comunicare con messaggi.Le sarei grato se dopo la sua ricerca mi comunicasse il “candidato” giusto.Anche io desidero che cambi qualcosa; e desidererei proseguire la nostra conversazione faccia a faccia.E insisto si candidi, la vita a strane strade.

  11. Ancora non riesco a capire perchè dovrei farti io i nomi …non sono nessuno nè tantomeno ho questa forza 2politica” o “consensuale” per poter indicare candidati..basta che aspetti e nel marasma generale magari scegli quello che non ha mai fatto politica da trent’anni a questa parte, che sia un giovane serio ed onesto etc… Evita magari chi da trent’anni a questa parte ha fattto parte attiva della politica in questa città… non penso che non ci sarà un volto nuovo tra il marasma generale di candidati. Alle strane strade preferisco la mia ..che è già piena fi guai e di problemi da risolvere. !! saluti

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi