Verlasce, Cotugno pronto ad intervenire come Finmolise

348 29

“Se alla mia richiesta non dovesse arrivare nessun riscontro dal Comune, sono pronto a convocare una conferenza come Finmolise”. Va dritto per la sua strada l’ex sindaco di Venafro Vincenzo Cotugno che ha lanciato l’idea di recuperare il “Verlasce” con i fondi del Pisu. Idea che è piaciuta ai venafrani e a molti addetti ai lavori che da anni denunciano lo sconcio architettonico ed ambientale del sito oramai in decadenza e con rischi grossi di crollo. “Recuperare il Verlasceaggiunge ancora Vincenzo Cotugno significa ridare alla città un pezzo importante della sua storia e, soprattutto, significa avviare concretamente una possibilità di sviluppo concreto intorno a uno dei gioielli architettonici più interessanti.” Ricordiamo che i Pisu sono l’unica possibilità perché a Venafro giungano ancora risorse pubbliche. Per questo l’ingegnere Vincenzo Cotugno preme perché le Commissarie Ocello e Ferri prendano in considerazione questa ipotesi per la progettazione da presentare al tavolo tecnico dei Pisu. Appare superfluo ricordare che il “Pisu Verlasce” pensato dall’ingegnere Cotugno, oltre a rispondere compiutamente ai principi ispiratori della programmazione regionale sul territorio, “ si sviluppa all’interno dell’area urbana Venafro – Conca Casale – Pozzilli – Sesto Campano secondo un orientamento di tipo culturale e turistico sulla base di una ricerca delle identità condivise e di una valorizzazione delle tipicità. “ Nello spirito dei Pisu dunque che non devono essere un contenitore di tanti progetti come in un primo momento avevano fatto capire gli estensori di questi piani integrati urbani. L’idea di Vincenzo Cotugno prevede “un modello di sviluppo basato sulla cosiddetta “economia identitaria” ovvero un’economia costruita nel rispetto della reale vocazione produttiva di un territorio”. Un itinerario che tiene presente dunque le peculiarità del territorio venafrano. E anche sulla esecutività dell’opera l’ex sindaco Vincenzo Cotugno dà utili suggerimenti a chi ha la responsabiltà oggi di presentare un Pisu credibile e con le carte in regola. “Quanto alla cantierabilità del progettoconclude l’ingegnere Cotugno, grazie alle normative oggi in vigore che semplificano l’iter di approvazione anche di progetti complessi, è possibile nei tre mesi che ci separano dal termine ultimo di consegna ottenere tutti i permessi e le autorizzazioni necessarie. Coinvolgiamo la Soprintendenza e la Direzione regionale per i Beni Ambientali, la Regione, la Finmolise, gli enti territoriali competenti per la parte urbanistica e riuniamoli intorno a un tavolo per decidere insieme, mediante un’apposita conferenza di servizi, eventuali verifiche e prescrizioni, affidando poi la progettazione definitiva e quella esecutiva alla ditta aggiudicatrice dei lavori. Sarebbe magnifico rivitalizzare l’intera area urbana di Venafro e restituire il Verlasceal mondo quale testimonianza straordinaria di “monumento vivente”, creando un’occasione forse unica per il Molise di avere finalmente il “salotto buono” dal quale far ripartire la rinascita culturale ed economica del nostro territorio.” Si ferma qui Vincenzo Cotugno. Guai a far cadere questa proposta. La Ocello e la Ferri farebbero bene a convocare ad horas una riunione così come suggerito dall’ex primo cittadino, per una grande opera che di certo, farebbe fare un bel salto di qualità alla città di Venafro sul piano della fruibilità dei beni architettonici.

There are 29 comments

  1. È iniziata la CAMPAGNA elettotale. La Finmolise che presiede il nostro caro ex Sindaco ( tale resterai) non ha un becco di un quattrino. Quindi non continuare a prendere in giro i Venafrani.

  2. la progettazione va assegnata a professionisti o ad associazioni di professionisti.
    Grande errore assegnarla all’impresa.
    Comunque ecco una delle idee per i PISU presentate da professionisti venafrani all’amministrazione decaduta alcuni anni fa ma non rpese in considerazione sembra per, come scoperto da poco, una cittadella dello sport e per un’altra “quasi” baggianata forse proposta da “noti” di qualche “cricca” se sono le cricche a governare venafro?
    Ci sono altre idee per i PISU, vanno tirate fuore tutte e deciso quale portare avanti in uan conferenza pubblica aperta alla partecipazione di tutti.
    Ed anche le modalità vanno decise tutte insieme.
    Assegnazione dei progetti ripartiti su tutti i trecnici di venafro nel rapporto contributi versate/somme incassate.
    Lavori assegnati a tutte leimprese di Venafro, sempre nel rapporto contributi versati/somme incassate.
    La guida dei progettisti e delle imprese verrà assegnata a persone o imprese secondo merito. Sicoome è solo uan guida non servirà far vincere il più raccomandato ma veramente chi ha prestigio e capacità da offrire.
    Solo cambiando il sistema si cambiano, in meglio, i risultati.

  3. Il riciclaggio non si coniuga solamente in campo monetario ma anche nella politica ,ex sindaco se ti hanno fatto uscire dalla porta principale provi a rientrare dalla finestra? Devi attrezzarti bene poiche’ il davanzale della finestra e’ molto scivoloso(in termini di voti)

  4. consorzio di bonifica |

    e mentresi parla di pisu ed altro al consorzio di Bonifica si dilapidano i soldi di chi paga laute tariffe. Il presidente Nola ha dato incarico all’ing. Cutone di Isernia l’incarico come direttore del Consorzio credo per una cifra altissima, incarico diretto senza concorso e niente altro.

  5. via i padroni dalla città! |

    Venafro non vuole più imprenditori, padroni, capitalisti, al potere. Li abbiamo avuti e negli ultimi vent’anni i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
    Venafro ha bisogno di un sindaco e di un’amministrazione normale, fatta di gente normale, colta, onesta e soprattutto non implicati in giochi di potere e sistemi affaristici che condizionano la vita amministrativa di chi và al potere.
    Attenzione stavolta non dobbiamo farci fregare..
    Stavolta è l’ultima possibilità prima che la barca affondi definitivamente! La classe politica che è stata al potere negli ultimi vent’anni deve essere spazzata via, altrimenti per noi e i nostri figli ci sarà solo l’emigrazione o la miseria mentre loro continueranno a mangiare a otto bocche, passando con i loro macchinoni e sfottendoci quasi per come sono bravi a fotterci!
    chiunque la mattina esce per strada vede una città in ginocchio, dove ormai il 50% delle attività ha chiuso o sta per chiudere.
    E’ finita amici miei,
    stavolta il momento può essere buono per scacciarli, non hanno più il potere di prima, hanno la gente in cassa integrazione o licenziata, sono più deboli…
    Paradossalmente noi, gente comune siamo diventati più forti, perchè non abbiamo più nulla da perdere e stiamo cominciando a vincere la paura del padrone, che ha caratterizzato da sempre la mentalità medievale di questa città!

  6. O adesso o mai più.
    Uniamoci nella lotta, un solo grido, un solo impetuoso suono…
    VIAAAAA TUTTIIIIII.

  7. DrakunoW

    ahaahahahahhahahhhhahhhahahhaahahahahhaahhaahaa

    vedrai sotto elezioni la fila di gente davanti i portoni di questi signori

  8. Extrema Thule |

    …ma a Venafro mancano Ingegneri? Isernia ci ha tolto tutto e ci continua a togliere anche incarichi professionali per i venafrani. Poveri noi!

  9. Ho viisto che Rinaldo Pilla si sia iscritto al Mobimento 5 Stelle di isernia e provincia. Però non vedo altri nomi di venafro……e come pensate di cambiare le cose a venafro, nel Molise e nell’Italia intera senza partecipare al movimento di base 5 stelle che vuole impedire gli arricchimenti e porre limiti assoluti alle entrate di coloro che godono di “prebende” pubbliche? Sembra massimo 10.000 euro mensili come sonmma di più incarichie massimo 7.000 euro mensili perl’incarico princilape. Così potrebbero risparmiarsi almeno 7 o 10 o 20 miliardi l’anno da destinare al reddito minimo di chi non trova occupazione…..egregi signori che conducete la Nazione poco osservando che per costituzione che il lavoro è un diritto..sembra che il lavoro sia un vs piacere a chi darlo ed a chi negarlo senza indennità alcuna..così da potervi abboffare a più non posso… (che Dio possa avervi presto in gloria)

  10. Ultimo treno in partenza |

    Non credo sarà così, lo hai scritto in modo sarcastico.
    Oltre tutto sei proprio Tu che con questo strumento dai voce a tanta gente che scrive quanto pensa (purtoppo, alle volte, in maniera alquanto funesta).
    I post che precedono e che seguiranno sono molto, ma molto interessanti !!!

  11. DrakunoW

    tanta gente che commenta e non si firma, perchè ? vuole conservarsi la simpatia di determinati personaggi di spicco, sai com’e” un favorino, un posticino etc etc

  12. Infatti , questa è la soluzione piu’ logica del verlasce , un bel centro commerciale e una bella piazza , due cose mancanti a venafro .

  13. La cosa migliore da fare nel Verlasce sarebbe quella di farci una zona fieristica che possa essere usata per farci il mercato ed essere usata come zona commerciale, pensare di farci un vero e proprio centro commerciale è abbastanza assurdo per la mancanza cronica di parcheggi.
    Ma questi restano solo pensieri perchè sappiamo bene che il Verlasce non verrà recuperato, ci avranno fatto su 5-6 campagne elettorali ed ora sarà lo stesso per il 2013. Del resto se i discorsi in ambito di campagna elettorale non andranno a trattare verlasce, recupero del centro storico, palazzina liberty, piano regolatore ed ora si parlerà dell’ospedale (addirittura nell’ultima legislazione qualcuno disse che avrebbero riaperto il punto nascite e ginecologia al SS Rosario!) alla fine questi inetti e approssimativi politicanti perennemente a 90° di cosa andranno a parlare per buttare tanto fumo negli occhi ai venafrani?

  14. Appoggiamo l’idea del Verlasce altrimenti cosa fare con il PISU , come e con chi lo deciderà Sfide!

  15. priorita' del programma |

    chissa se nella prossima campagna elettorale , qualcuno rinominera’ la palazzina liberty…………………..

  16. sarebbe una bella piazza per organizzare eventi, manifestazioni riunioni e, perchè no, conferenze politiche con battibecco immediato avvesro il relatore (o raccontabubbole?!) di turno.

  17. Libero Liberto |

    Per la palazzina liberty al comune stanno preparando il paccotto di un appalto concorso.
    Viva la commissaria de Roma!
    Pacco, paccotto e contropacco.
    Volete sapere chi ha vinto l’appalto che si deve fare?

  18. E’ bene che vi porti tutti a conoscenza di una novità.
    Sto per fare un’offerta al comune per l’acquisto della palazzina liberty. E’ chiaro che la motivazione per la quale ho preso questa decisione non è frutto del mio essere sì benefattore ma ho intenzione di investire nel campo del meretricio.
    In effetti, in un’epoca dove tutto o quasi è consentito, perchè non aprirvi un “bordello”?.
    Ma uno di alto rango, dove arrivano avventori in Ferrari e zoccole in Mini, dove il libertinaggio è opera sublime ed esercitato in grande stile, dove si scambiano idee su aspetti politici e commerciali del nostro paese, dove tutti si conoscono ma ognuno ignora il prossimo.
    Qualcuno si stupirà di tale novità, ma in epoca di globalizzazione,
    è poca cosa rispetto alle marachelle effettuate ai nostri danni da uomini tutt’ora rispettabili ed apparentemente onesti.
    Il progresso per molti regresso, non è altro che il manifestarsi dell’esigenze richieste dalla vita dove le nostre più profonde e naturali voglie represse, hanno libero sfogo.
    Pertanto non stupitevi di tale comunicazione perchè Bunga Bunga insegna.

  19. Ci sono tanti posti discreti per fare il “meretricio d’alto ragno” … ma ti pare che vengono a mettersi sotto gli occhi e nella bocca di tutti?

    E poi chi ti autorizzerebbe ad aprire? Ce li hai gli agganci giusti politici?

    Se proprio lo vuoi fare…proponilo col PISU. Il Comune lo da in gestione in cambio di una provvigione sostanziona…e leva l’IMU a tutti o almeno alle prime case.

  20. Semmai avresti dovuto scrivere diventerete. Dire che sono…prima ancora di avere la possibilità di farlo …mi sembra un controsenso…un poco come le ultime misure prese dal governo …. dice di introdurre l’equità ed aumenta la forbice della disequità.
    Comunque io tifo per maggioranza assoluta al Movimento5Stelle…..almeno tutti i politici esistenti non possono essere candidati e, quindi, fuiori dalla gestione del potere

  21. ed una ampia area di ritrovo per occasioni particolari….
    Anzi vi metterei un palchetto ed un impianto audio fisso in modo che chi vuole parlare al pubblico per dire la sua su qualche tema ed in determinati orari, si prenota e potrà farlo gratis.

  22. non fare il sospettoso |

    la commissaria di roma è un funzionario pubblico, si dice del ministero a roma. Quindi è sottoposta alla influenza del sistema politico/amministrativo. E’ semplicemente una pedina, non un pedone quanto piuttosto un alfiere o un cavallo, e per muoversi deve stare alle regole del gioco … può farlo solo nell’ambito della scacchiera e con movimenti prefissati da chi ci guida e ci conduce….e cioè la classe politica che ha coniato leggi e regole che hanno fatto dell’italia uno dei paesi dove la corruzione la evasione gli sprechi i favoritismi i pluriappannaggi delle caste hanno raggiunti livelli almeno tripli rispetto alla media europea e forse mondiale.

  23. Ma continuate a strupirvi? I primi che fanno accordi sottobanco e che fanno lavorare gente scambiandosi favori vicendevolmente sono proprio addetti ed impiegati del ministero dell’interno… quindi i favori e controfavori tra prefetti, vice prefetti, dirigenti, politici, faccendieiri e imprenditori c’è sempre stato e di conseguenza persona che si trovano ad essere i terminali come lo sono le commissarie devono sottostare al volere di chi sta sopra di loro ed ecco che se confermato si comprende il perchè dell’appalto concorso. Felice anche per questo che toglieranno la provincia e conseguentemente la prefettura così questi “uomini dello stato” avranno molte difficoltà a far decollare le loro magagne.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi