Erano tutti Signori, ma l’ombrello sparì :D

442 3

Dopo la vicenda del ragazzo lasciato fuori dalla mensa presso le scuole elementari, un gruppo di persone di Venafro ha ben pensato di agire direttamente mettendo da parte una ragguardevole somma in danaro.
è successo questo, è la cosa non è per niente gratificante, lascio a voi le conclusioni, io aspetto che sia chiarita la situazione da parte del comune, dico solo una cosa ” MA LA VOGLIAMO SMETTERE DI FARCI RICONOSCERE SEMPRE?”.

Amici del gruppo voglio mettervi a conoscenza che il sottoscritto, i membri del gruppo, alcuni dipendenti dell’ospedale di venafro e gli amici del bar fremmete, si sono impegnati per fa sì che il bambino di cui si è parlato tanto in questi giorni della Camelot, gli veniva assicurato almeno 30 pasti, al resto ci pensava il comune e la sua banda di scagnozzi.
Invece cosa hanno fatto quei SIGNORI, i biglietti sono stai dati anche ad un altro bambino, nulla togliere allo stesso, ma vi posso assicurare che è figlio una coppia benestante (sopratutto il padre) e separata.
Se volete andate al comune e per legge vi devono dire tutta la faccenda.
Quisct è Vnafr!

Questo è quanto scrive il fondatore di un gruppo osservatore
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=422546314426448&set=a.377914448889635.108399.100000132483405&type=1&theater

buona notte

There are 3 comments

  1. non ci posso credere |

    Figooooo!! Ora la morale la fanno loro!!!Figo!!! Mi piacerebbe che il moralizzatore in questione mettesse becco anche su certe vecchie faccende di vecchi amministratori che conosce bene e che hanno letteralmente messo in ginocchio il nostro paese!!!Se vuole posso dargli qualche aiutino…magari sui cognomi!!
    Bella roba!!Ah!!!Ma che figo!!!

  2. Mi verrebbero da dire un sacco di parolacce questi “benefattori” che altro non sono che speculatori di bassissimo profilo.
    Ora la vera storia ve la racconto io:
    dopo che è venuta fuori la questione del bambino che mangiava il panino fuori dalla mensa, questi “signori” si sono attivati per raccogliere un pò di soldi e acquistare i buoni pasto per questo bambino. Premesso che in altri istituti, a Venafro, ci sono bambini che non hanno mai portato i buoni (le famiglie vivono grossi disagi economici) ed hanno SEMPRE MANGIATO!!!
    Poi bisogna anche precisare che il bambino mangiava un panino a pranzo, ma la mamma ogni giorno compra un pacchetto di sigarette… Il comune per i bambini che ne hanno bisogno, ovviamente su richiesta dei genitori, prevede L’ESENZIONE TOTALE DAL PAGAMENTO DEI BUONI PASTO O LA RIDUZIONE DEL COSTO DEL BUONO (per intero costa € 3) ad € 1,50. Un panino ed una bottiglietta d’acqua non costano più di € 1,50?
    Comunque i nostri “benefattori” hanno portato i buoni al preside che non li ha ritirati. Poi li hanno inviati via posta al comune di Venafro. Ma perchè non li hanno dati direttamente alla mamma del bambino?!?! Il comune ha portato i buoni a scuola e li ha lasciati al preside. Il quale ha staccato 3 buoni per un latro bambino che da tre giorni mangiava senza buoni. Questo bambino è stato abbandonato, economicamente, dal padre e la madre ha difficoltà economiche. Quale è questo scandalo? Se i “benefattori” hanno portato i buoni a scuola per chi non ha la possibilità, che differenza c’è tra un bambino ed un altro?!?
    Concludo dicendo che I VERI BENEFATTORI RESTANO ANONIMI, e non fanno video e chicchiere da bar!!!!
    Ad majora

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi