Elezioni-corrida. Massimo Romano: “Da Frattura un linguaggio di tipo mafioso”

249 0

di PASQUALE DI BELLO

Massimo Romano interviene sullo scontro Iorio-Frattura in tema di conflitto di interessi. Nel corso di una conferenza stampa lampo, il leader di Costruire democrazia e candidato alla presidenza della Regione ha accusato Frattura di “linguaggio di tipo mafioso”. Il riferimento è ad una frase pronunciata da Frattura e diretta a Iorio: “Se ne hai bisogno, potrei ricordarti anche qualche episodio preciso in tal senso”. Il riferimento è alla polemica sul conflitto di interessi. Cosa sa Frattura e perché non parla? Si chiede Romano.

Più ci avviciniamo alla data delle elezioni e più la scelta del nuovo presidente della Regione si sta trasformando in una corrida. Non passa giorno che qualche picador entri nell’arena armato di lancia e non passa ora che qualche banderillero non pianti qualche banderilla sul groppone di qualcuno. Due giorni fa se le sono date di santa ragione Iorio e Frattura sul conflitto di interessi che l’uno rimprovera all’altro, ora invece c’ha pensato Massimo Romano a indossare i panni del toreador e ad infilzare con lo spadino l’uno e l’altro. Con una conferenza stampa fulminante, breve e concisa e convocata ad horas alle cinque e mezza della sera (con mezz’ora di ritardo su Garcia Lorca che la corrida, come noto, l’ha posizionata alle cinque della sera) Romano è intervenuto sul conflitto tra Iorio e Frattura sferrato a suon di comunicati stampa e messaggi via Facebook.

Cos’è accaduto? Iorio ha accusato (o meglio il suo comitato elettorale) Frattura di avere una serie di interessi confliggenti con la buona amministrazione, quella che dovrebbe essere imparziale e distante da ogni tipo di intrallazzo. Gli interessi di Frattura, quelli che confliggerebbero con l’interesse pubblico, sono secondo Iorio nel campo del campo del cemento e delle costruzioni. Attività imprenditoriali rispetto alle quali un Frattura presidente di Regione non sarebbe terzo nel momento di assumere decisioni in materia. Frattura, da parte sua, ha replicato per le rime a Iorio, ricordando a quest’ultimo gli interessi familiari che avrebbe curato nel corso del tempo. Insomma, la solita roba, dall’una e dall’altra parte, trita e ritrita, capace di far venire sonno anche ad un rinoceronte a cui hanno segato il corno.

Tuttavia, tra le righe, il diavolo c’ha messo la coda e Massimo Romano, scambiandola per quella del toro, è andato a tirarla. E l’ha tirata talmente forte da fare una dichiarazione al plutonio destinata a scatenare (c’è da prevederlo) polemiche a scoppio e a detonazione. “Da Frattura un linguaggio di tipo mafioso”. Ha detto proprio così (e glielo abbiamo fatto ripetere a scanso di equivoci), riferendosi alle dichiarazioni fatte dal candidato presidente del centrosinistra in replica a Iorio. Riferendosi alla questione del conflitto di interessi, Frattura così si è espresso nei confronti del governatore (testuale): “Non credo che su questo fronte tu sia senza macchia. Se ne hai bisogno, potrei ricordarti anche qualche episodio preciso in tal senso”. Questi episodi, che Frattura paventa, hanno fatto scattare il blitz di Romano: “Faccia come abbiamo fatto sempre noi. Se sa, parli e documenti concretamente le sue accuse. Altrimenti quello usato è un linguaggio di tipo meridionalista, un linguaggio di tipo mafioso, una minaccia”. Parole pesanti destinate a lasciare il segno. A questo punto, come si suol dire, Frattura parli o taccia per sempre. Quanto a Iorio, Romano è benevolo. “Lui che parla di conflitto di interessi? Una presa in giro”.

fonte:
http://www.ilgiornaledelmolise.it/?p=11963

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi