Elezioni Comunali, caccia ai nomi

509 14

La politica a Venafro in fibrillazione. Proprio così. Si avvicinano le elezioni amministrative e da più parti si cerca disperatamente di mettere insieme una squadra vincente e soprattutto presentabile al cospetto del popolo venafrano, deluso e non poco per quanto accaduto al comune nell’ultimo anno con le dimissioni di 11 consiglieri e l’inevitabile commissariamento dell’Ente oggi gestito dal Commissario Straordinario Giusy Ferri.Intanto arrivano le prime defezioni dall’ex maggioranza che sosteneva Nicandro Cotugno. L’ex Assessore ai lavori pubblici Claudio Petrecca e l’ex vice sindaco Chiara Capobianco si tirano fuori dalla mischia.

Scelte personali e senza nessun riferimento a persone o partiti. Secondo indiscrezioni non sarebbero gli unici ex assessori a fermarsi al prossimo giro.

E dall’entourage dell’ex primo cittadino giungono novità di rilievo. A quanto pare Nicandro Cotugno sarebbe intenzionato a tentare di nuovo la scalata verso Palazzo Cimorelli. Proprio così (dal portale : rabbrividiamo)

Con una propria lista, svincolata del tutto dal Pdl che lo avrebbe scaricato dopo la bocciatura rimediata dallo stesso Cotugno alle scorse elezioni regionali. Chi sta costruendo mattone dopo mattone la sua campagna elettorale è l’ex Senatore An Eugenio Riccio che ha scritto una manifesto rivolto a tutti i venafrani per il suo impegno in prima persona alle prossime elezioni comunali.

Riccio sta lavorando a una lista che dovrebbe pescare nella società civile, associazionismo cattolico e movimenti civici. Ma secondo fonti attendibili fino a questo momento poco sarebbero stati i riscontri registrati dall’Onorevole Riccio.

Nel centrodestra il dibattito è apertissimo intorno alla rosa dei papabili candidati alla carica di sindaco della città di Venafro. In vantaggio appare Vincenzo Cotugno, già primo cittadino. Il suo nome potrebbe mettere tutti d’accordo in casa Pdl per una lista civica di ampio respiro. Si sa che tutto dipenderà dalle decisioni che prenderanno i due big indiscussi del centrodestra molisano, l’Eurodeputato Aldo Patriciello e il Governatore Michele Iorio.

Ma nell’area politica vicina a Patriciello, i contendenti alla carica di primo cittadino aumenterebbero di numero giorno dopo giorno. A quanto pare anche Enzino Bianchi, già sindaco di Venafro, avrebbe manifestato la volontà di candidarsi per la poltrona più ambito del parlamentino civico venafrano.

Salgono le quotazioni in questo contesto del consigliere provinciale Adc Alfredo Ricci, giovane e stimato avvocato in città che potrebbe essere la vera alternativa a Vincenzo Cotugno. Si attendono anche le indicazioni del neo coordinatore provinciale dell’Udeur Gianluca Giammatteo che in questi giorni starebbe incontrando persone e movimenti cittadini per tentare di costruire qualcosa di veramente nuovo, proponendo una lista di giovani e personalità di spiccata moralità.

Nel centrosinistra tutto ruota intorno al vice segretario del PD  che alle scorse elezioni regionali ha dimostrato la dote elettorale che possiede in tutta la provincia di Isernia e, in modo particolare, a Venafro.

Città Nuova starebbe provando di trovare una alternativa ad Antonio Sorbo e indiscrezioni riferiscono di possibili accordi con Scarabeo, per una sorta di lista unitaria riconducibile all’area dei moderati.

In agitazione anche il mondo cattolico che cerca di declinare in loco quanto ordinato di fare a livello nazionale dalle gerarchie ecclesiastiche che hanno nel Ministro per la cooperazione Riccardi il punto di riferimento.

Work in progress per tutti insomma, e la corsa contro il tempo per trovare gente disposta a candidarsi è già partita.

Ora tutti attendono la data ufficiale per le amministrative del 2013.

There are 14 comments

  1. Iorio e Patriciello stavolta non decideranno il sindaco di Venafro! |

    Venafro ha già dimostrato alle scorse regionali di non temere più i due politici, che sono usciti molto ridimensionati dalla competizione. Il nome di Michele Iorio è addirittura impronunciabile a Venafro e chiunque se ne faccia portavoce sarà bastonato nelle urne dal popolo stremato e disilluso. Patriciello rappresenta il passato e si muove con troppi interessi intorno e questo la gente di Venafro lo sà troppo bene! Al popolo e alla città servono solo persone serie e con meno interessi possibili alle spalle.
    La gente è troppo disillusa e sarà dura andare a chiedere i voti dopo aver chiuso l’opedale senza batter ciglio, aver fatto fallire il nucleo industriale senza alzare un dito, aver perso dirigenze scolastiche senza battere un pugno, non aver fatto un’ opera pubblica utile alla città all’infuori di qualche aiuola, ma soprattutto dopo aver fatto sprofondare la città nel periodo peggiore della sua storia senza mai prendere un banalissimo provvedimento e con un tasso di disoccupazione e cassaintegrazione alle stelle, circa 800 operai dell’era Venafrana, a cui si aggiungono commercianti alla fame e le imprese edili fallite e precari di ogni ordine e grado della pubblica amministrazione e di piccole aziende private, che il 1 Gennaio rimarranno a casa!
    E’ finità per loro e per tutti coloro che ci hanno condotto diritti diritti nel baratro!
    Stavolta la gente non perdona!

  2. Nicandro Cotugno che si propone di nuovo a sindaco… se queste chiacchiere corrispondono a verità l’unica considerazione da fare è: ALLA VERGOGNA NON C’E’ MAI FINE!

  3. caccia ai nomi?!?!.... |

    voglio proprio vedere se riuscirete a …cacciarli!!!!!!!!!!!!! invece di “continuare” a pronarvi dopo avere illuso sulla vs effettiva volontà a partecipare al cambiamento…quello vero!!!

  4. Vorrei sapere se posso beneficiare dell’indulto qualora dovessi lasciarmi andare ad un possibile atteggiamento bellico nei confronti di chi avrà la sfrontatezza di chiedermi il voto. grazie.

  5. la mancanza di lavoro aiuta i potenti |

    la chiusura di tante fabbriche , la crisi di altre , i tanti disoccupati in cerca di lavoro………….a chi giova questa situazione ?
    ci sono tante famiglie davvero in difficolta’ e che stentano ad andare avanti….a far mangiare i figli , a vestirli , a pagare le bollette , mi auguro che il pronarvi non sia diretto anche a loro , altrimenti aiutali tu…..e vedrai che magari parteciperanno al cambiamento.

  6. vero che c’è tanta gente in difficoltà e che le promesse di un lavoro potrebbero far confluire voti in certe liste che da sempre “lavorano” in tal senso. Ma è ugualmente vero che i venafrani non hanno l’anello al naso (con tutto il rispetto per le tribù indigene) e sanno benissimo che nel nostro territorio non c’è più nulla in cui si può sperare… edilizia, terziario e servizi sono tutti settori che se stanno lentamente andando a farsi benedire di conseguenza se anche il politico o i suoi sudditi leccapalle che si proporranno proponendo un lavoro voglio proprio capire che lavoro promettono… non c’è nulla come ca… fanno a dare lavoro se loro stessi sono in grande difficoltà???
    I VENAFRANI S’ANNA FOTT A METT RENT ALLA CAPA CHE MO’ S’ADDA VUTA’ P’ CHI LOTTA PER IL BENE DELLA CITTA’ E CHE NON HA SECONDI E IN ALCUNI CASI ADDIRITTURA TERZI FINI.
    Se dovessero vincere gli inconcludenti politici che hanno fatto ciò che volevano nelle ultime legislazioni vorrà dire che i venafrani sono un popolo senza dignità dopo lo schifo vissuto con l’ultima ammistrazione comunale.

  7. Questi sarebbero i nomi di chi dovrebbe guidare la nostra città nel 2013?
    andiamo bene!!!! Sarà un 2013 da ricordare!!!!!!!!!

  8. Ho votato Tonino sempre, e quando qln mi ha chiesto il voto, io, ho detto NO! a tutti, senza problemi!
    Gli ho già detto che se vuole fare certe alleanze, non solo non gli darò il mio unico ma pesante voto, ( perchè come ha detto anche Roberto Benigni, ogni singolo minuscolo voto, è importante per la DEMOCRAZIA!) ma farò in modo che…sai uno parla e potrebbe influenzare!
    Non voterò certo neanche M5S, perchè credo che in Italia di persone che pensano di “strillare” senza parlare e soprattutto pensano che tutto ciò che dicono è giusto a prescindere, buttando fuori chi non la pensa come loro, non ne abbiamo più bisogno, e la storia ci ha insegnato dove ci ha portato chi credeva di essere “superiore”.
    Il mio voto è quindi a disposizione, convincete, con concretezza e non con le solite promesse, o le chiacchiere sulle varie palazzine liberty o cose del genere.

  9. io sono sempre e sarò sempre pro Nicandro Cotugno. e anche un bell’uomo!
    ….e continuerò a votarlo.
    Rossella M.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi