cosentino

DOMICILIARI COSENTINO: PERCHE’ PROPRIO VENAFRO?

965 33

Qualche settimana fa sui nostri quotidiani  e nei TG delle  tv locali rimbombava la notizia che Nicola Cosentino avrebbe dimorato presto a Venafro per scontare parte della sua pena agli arresti domiciliari. Una sentenza del Giudice del riesame Orazio Rossi (Tribunale di Santa Maria Capua Vetere presidente del collegio giudicante del processo denominato “Il Principe e la ballerina”) ha concesso gli arresti domiciliari al noto esponente del Pdl Campano da scontare proprio qui a Venafro. Dal 15 marzo Cosentino è in carcere con l’accusa di riciclaggio e corruzione con l’aggravante di aver agito per agevolare i Casalesi.

E secondo questi reati Cosentino potrebbe fruire della detenzione ai domiciliari. Ma secondo un’altra ordinanza di arresto (associazione di stampo camorristico) che ha colpito l’ex politico più potente del Pdl campano, la misura del carcere diventa obbligatoria in una struttura penitenziaria.

E quindi, per il momento, Cosentino resta in galera. Al di la della notizia che ha allarmato la sorniona e tranquilla popolazione venafrana una domanda sorge spontanea: Perché proprio Venafro?

Non è la prima volta che esponenti di clan camorristici vengono spediti nel Molise per soggiorno obbligato. A Venafro, oltre a Rosanna De Novellis, vedova di Carmine Iovine, fratello del boss Antonio Jovine, ucciso in un agguato di camorra nel 1993 e Enrichetta Avallone moglie del boss su citato, hanno risieduto in soggiorno obbligato altri tre soggetti legati al clan dei casalesi: Mario Di Bello, Paolo Bianco e Vincenzo Della Volpe.

Tutti arrestati nel 2008 dai carabinieri del comando provinciale di Caserta. In primo luogo bisognerebbe dare una spiegazione al termine ”domiciliari”. L’interrogativo potrà sembrare banale, ma in realtà il legislatore di questa definizione ha inteso dare un significato più ampio di quanto comunemente si possa pensare.

Il termine “domicilio” infatti  può ricomprendere, non solo l’abitazione dove il soggetto risiede abitualmente,ma anche quella riferita ad altra persona che lo stesso indichi come disponibile ad accoglierlo (in questo caso occorrerà una “dichiarazione di disponibilità” del soggetto ospitante ,da allegarsi alla richiesta da presentare all’Autorità procedente che  dovrà vagliare l’opportunità di tale domanda).

Quindi si presume che Cosentino abbia legami con la nostra città. Un parente, un amico, un’abitazione. Insomma qualcuno o qualcosa che possa “ospitarlo”.

In ogni caso, riferiscono indiscrezioni, Nicola Cosentino, sceglierebbe di dimorare in Molise, probabilmente a Venafro dove troverebbe appunto ospitalità presso alcuni suoi vecchi amici.

Abbastanza inquietante se ci si riflette un attimo! Cosentino è stato definito in più occasioni e da diversi testimoni il referente politico del clan de casalesi. Colui che ha guidato e agevolato i pericolosi camorristi campani. Cosa lega questo losco personaggio alla nostra città?

Certo è che Venafro è un luogo tranquillo, quasi privo del tutto di controllo e, inoltre, è molto vicino  alla Campania. Quale posto migliore per continuare a gestire determinati “affari”?  A controllare indisturbatamente e sotto copertura le proprie “attività” magari usufruendo dell’aiuto di qualche buon amico “locale”?

Potrebbero queste apparire domande retoriche, quasi da chiacchiere da bar, ma non è cosi. Venafro è già di per se un posto penalizzato sotto vari aspetti, economici, turistici, ambientali, edili.

La presenza di persone come Cosentino non farebbero altro che peggiorare la triste situazione che già viviamo e perché no, mettere in pericolo il futuro dei nostri ragazzi!
Per ora l’allarme sembra rientrato ma semmai il problema si ripresenterà ci appelliamo al buon senso della magistratura  ,augurandoci che non si scelga Venafro e che si interloquisca anche col sindaco, il quale saprà far valere le buone ragioni del popolo venafrano.

There are 33 comments

  1. Adriano Vaccone |

    Finalmente! Qualcuno che apre bocca per dire la verità! Per dire quello che pensano tutti senza timore! E che si firma con nome e cognome! Forse davvero qualcosa sta cambiando in quel di Venafro…

  2. scusate…. ma fatemi capire una cosa… cos’è successo a Venafro di cosi sconvolgente criminalmente quando hanno soggiornato questi signori\e della camorra ??? a chi hanno dato fastidio ? a chi hanno rubato ??? a chi hanno rotto i cogl..?????? stanno scontando una pena detentiva anche se domiciliare …embè ??? allora dobbiamo togliere anche il carcvere ad isernia..a larino…a campobasso etc ????? solo perchè ci sono 4 mura di recinzione e non 4 pareti ???…… E POI SIAMO SICURI CHE I CAMORRISTI VENGANO TUTTI DALLA CAMPANIA MENTRE NEL MOLISE SONO TUTTE VERGINELLE DI PRIMO PELO …TUTTE PERSONE INTYEGERRIME …TUTTI GRAN SIGNORI ?????…per favore…. di problemi ce ne sono altri e ben piu’ importanti !!

  3. Adriano Vaccone |

    vabbé Pitone, capisco l’obiezione, ma partiamo da quanto è conclamato, poi pensiamo anche a sputtanarfe chi si spaccia per verginella di primo pelo… non è la prima volta che Venafro viene presa come la discarica della Campania, messi ai domicialiari solo perché amministrativamente non è più provincia di Caserta… Li mandasssero ad Aosta, a Trieste, a Bolzano… iniziamo a combattere seriamente la malavita, anziché fare il bastian contrario (caratteristica tipica del venafrano medio…).

  4. Già immagino chi possa accoglierlo. Forse in suo amico di partito. Giusto per notizia ricordo che nel dopo estate del 90 nei pressi della stazione ferroviaria di Venafro fu assassinato con 5 colpi di pistola in soggiornato appartenente a clan camorristico.

  5. Caro Adriano Vaccone… io non ho fatto mai il bastian contrario in vita mia….anzi..ho appoggiato e sostenuto sempre tutto quello che portasse vantaggio o utilità a Venafro. E’ la tua ricetta per combattere la malavita questa ? mandarli in val d’aosta, terentino , bolzano etc ??? eh già..perchè nella Val trompia o a Cogne è umanamente impossibile gestire l’attività malavitosa per questioni logistiche. E poi ci sarebbe l’inquinamento criminale anche in queste splendide regioni visto che vi soggiorneranno. Ma ti rendi conto di quyllo che dici ????? …ma secondo te…e non so dove abiti..penso in Emilia Romagnaverso Bologna…. vicino casa o vicino non hai locali, discoteche, attività, punti scommesse etc etc gestite da clan camorristici, della ndrangheta etc etc ????quanti insospettabili ci sono nelle città o nei paesini ai domiciliari ??? non ho mai letto da alcuna parte prese di posizione contro questo tipo di pene previste dal codice penale…

  6. Adriano Vaccone |

    Non è che sono così stupido da pensare che esistano regioni o luoghi esenti dalla malavita.
    Dico solo che rendergli logisticamente difficile la vita potrebbe essere un deterrente per i loschi affari. Indubbiamente c’è il rischio che mandando un malavitoso a chilometri di distanza, anziché redimersi, potrebbe render marce le nuove mele che gli stanno accanto.
    Spero però che tu condivida le perplessità dei cittadini di Venafro nel venire a sapere che Cosentino è ai domiciliari a Venafro…
    Io vivo a nord, come dici tu, anzi, più a nord di quanto tu creda, e non per questo non mi guardo intorno a non vedo lo schifo che sta succedendo… per questo mi rammarico di leggere notizie come quella qui sopra riportata…

  7. ecco…con la buona pace di tutti Cosentino non verrà a Venafro. Tanto casino per niente !!!

  8. Monica Di Filippo |

    Sono stata in silenzio fino adesso osservando gli sviluppi della discussione. Credo però sia arrivato il momento di rispondere perché sinceramente non penso sia stato fatto alcun casino. Ci si sono poste delle domande su perché proprio qui, e penso sia lecito! Ora mi chiedo, è talmente assurdo opporsi ad una decisione come questa o perlomeno far sentire la propria voce? Dobbiamo sempre tacere e far passare inosservato tutto ciò che succede in questa benedetta città? Oggi è Cosentino domani sarà un altro problema! Intanto iniziamo!

  9. Iniziamo a far cosa ??? a cambiare le leggi ? ? opporsi alla giustizia ??? la legge dà la facoltà di scegliere la dimora fuori regione di residenza abituale…e allora per mera questione logistica scelgono venafro perchè è il paese piu vicino alla campania… ! vogliamo mettere al rogo la magistratura e le leggi ???? . per gli altri problemi..hai vogliqa a scrivere libri …ve ne sono ben piu importanti !

  10. Monica Di Filippo |

    Iniziamo a PARLARE! Per mera questione logistica? Questo lo pensi tu. Per ciò che riguarda i libri da scrivere sui problemi a Venafro mi pare che su questo portale già si faccia abbastanza. Ognuno sceglie di cosa parlare e si scrive, si evidenzia. Almeno qualcosa si fa…Nessuno vuole opporsi alla legge ma si può avere il sacrosanto diritto di dissentire e di esternare i propri dubbi e le proprie perplessità?

  11. Vorrei fare una domanda ad Adriano Vaccone. Supponiamo che ai “signori” in questione venisse dato il soggiorno ad Aosta e di conseguenza ad altrettanto “signori” del nord il soggiorno a Venafro, ci sarebbe tanta differenza? Io avrei da ridire contro i soliti noti che hanno ridotto questa nostra terra ad un’autentica discarica, che hanno fatto in modo che molte aziende perdendo appalti ed altro, hanno fatto sì che si perdessero posti di lavoro. Il problema dei soggiornati non sussiste perchè fino ad adesso, tutto si può dire ma non che hanno arrecato problemi alla collettività. Un saluto e buona estate.

  12. Non lo penso io..ma lo pensa il Tribunale e i Magistrati …e anche perchè si dimezzano i tempi e i costi per i trasferimenti. Riguardo all’esternazione dei dubbi e delle perplessità ognuno è libero di farlo…cosi come ognuno è libero di controbattere a dei procurati e falsi allarmismi !!!

  13. DrakunoW

    non lo chiamerei proprio falso allarmismo .ho sempre pensato che lo volevano portare a venafro solo per non farlo sentire solo, a venafro ci sono personaggi 100 volte piu’ pericolosi del signore in questione , il problema è che sono a piede libero.

  14. Adriano Vaccone |

    Io parlavo in una logica di distanza quale interferente con il nucleo operativo dei signori che citi.
    Io imparo dalla storia: Napoleone fu esiliato non di certo nel principato di Monaco (che non esistecva ancora!). Mazzini andò nel sud della Francia, mica in Scandinavia, per rimanere in contatto con l’Italia.
    Io non capisco che male c’è a pensarla come la penso io: sei esiliato? Non ti mando nel primo comune confinante con la regione dalla quale devi essere esiliato. Ti mando, entro i termini di legge, il più lontano possibile!
    Per fortuna, a finale, la notizia è stata smentita. Ma se siete così contenti, fate uno striscione di benvenuto…

  15. Monica Di Filippo |

    Falsi allarmismi?? Eccola qua l’Italia degli struzzi!!! Centrato il problema Drakunov ma qui è più comodo far finta di non capire, di non sentire, di non vedere e di non sapere!

  16. A dire il vero non sono esiliato. Posso aggiungere che mai come in questo periodo, non ritengo l’essere esiliato un personaggio peggiore di moltissimi illustri personaggi che esiliati non sono. Tu quale preferisci, l’esiliato che non rompe le scatole a nessuno o l’illustre politico che ricatta la gente e prende continuamente mazzette?

  17. Sig.ra Monica di Filippo…. forse lei gli allarmi veri non li ha mai sentiti nè toccati per mano…..e glielo dico con grande cognizione di causa….. per cui esterni le sue ( per me) inutili preoccupazioni…. non è certo un esiliato o due o tre che siano a cambiare radicalmente e criminalmente un territorio ! ci vuole ben altro !!

  18. Monica Di Filippo |

    E tu cosa ne sai? Sei mio amico? Sai di cosa mi occupo? No! Forse ne so più di qualcun’altro! Non sarà certo un esiliato a cambiare il territorio ma certamente non porta beneficio e questo te lo dico io con grandissima cognizione di causa!!

  19. Scusi non sapevo che lei si occupasse di camorra o mafia e non sapevo neanche che era una giornalista operante nello stesso campi di Saviano ! Io lo dico per una sempluce convinxione di causa perché ho lavorato per in paio di decenni in un territoriio dove la camorra vi rra davvero e si toccava con mano . Cosi come posso affermare che alcuni degli esiliati a venafro ( che non so se lei ben conosce!) hanno aperto attivitá, hanno lavorato sodo, hanno avuto famiglie rispettabilissime e hanno dato lavoro anche ad altre persone ! Per cui penso che un po di rispetto per qurste persone sia anche un pó lecito !! Detto questo sciolgo la diatriba rimanendo del mio pensiero spassionato ! Lei si tenga le sue considerazioni !

  20. Monica Di Filippo |

    Il mondo è bello perché è vario! E meno male che ognuno ha un proprio cervello e un proprio modo di vedere le cose! Non ho mai detto di essere una giornalista e quantomeno di occuparmi di mafia e di camorra ma qua stiamo parlando di Cosentino mi pare! Quello che faccio io non interesserebbe a nessuno quindi chiudiamo parentesi. Un esiliato è pur sempre un esiliato, e per quanto voglia cercare di condurre una vita dignitosa rimane comunque una persona che ha commesso un reato quindi il rispetto certamente,quello non si nega neanche agli animali, ma la compassione mai! Vede Pitone se io o lei commettessimo anche il più’ piccolo dei reati che ha commesso il soggetto in questione, non credo che godremmo di tutta la compassione che va proclamando lei! Comq siamo usciti fuori discorso e sinceramente penso che la discussione sia durata anche troppo. Io continuo ad affermare e sottolineare ciò che ho scritto finora, lei si tenga le sue da italiano medio!

  21. Non ho mai parlato di compassione se si rilegge bene i post….per fortuna sono ancora capace di esprimermi in un italiano comprensibile e sinceramente non trovo una frase che mi riporti alla compassione !!! Un esiliato è pur sempre un esiliato…anche se temporaneamente esiliato ed in attesa di un processo dal qual bisognerà stabilire la colpevolezza o l’innocenza ???! da domani proporrò alle autorità giudiziarie di imporre a tutti gli esiliati di Venafro o ai detenuti in attesa di giudizio di uscire con un cartello che li contraddistingua perchè sono un pericolo per i ragazzi della nostra città !!! cosi si rassicura la popolazione !…abbandono la discussione perchè da “italiano medio” non riesco a competere con “un italiano di alto livello culturale” !
    Cordialmente !!

  22. Gentile The Jester, Pitone sappiamo tutti chi è , lei invece è solo un anonimo che dietro una tastiera crede di poterle cantare a tutti, torni da dove è venuto e se crede nelle affermazioni fatte nel commento che le ho cancellato , provi a firmarsi…………… vediamo se fa tanto il saputello.

  23. Monica Di Filippo |

    Alto livello culturale io? Mai affermato! Sono solo un genitore che si preoccupa del futuro dei propri figli e avendone uno già adolescente la preoccupazione sale ancora di più. Di delinquenza ne abbiamo già tanta a Venafro e lo sappiamo tutti solo che per comodità si fa finta di nulla. I controlli sono pochi e la malavita agisce indisturbatamente. Perché aggiungere altro a tutto ciò che già è presente? Credo che lei conosca benissimo le accuse che pendono sulla testa di Cosentino e anche che nel 2008 venne pubblicamente accusato di aver avuto un ruolo di primo piano nell’ambito del riciclaggio abusivo di rifiuti tossici. Noi a Venafro ne abbiamo già parecchi di problemi di questo tipo mi conviene? Sbaglierò forse ma non credo che a un personaggio come questo bastino arresti domiciliari e attesa di giudizio per fermarlo. Questo è tutto. Poi perché si sia finiti sul personale non riesco ancora a capirlo. E’ cosi incomprensibile che ci si preoccupi di qualcosa che potrebbe accadere?

  24. Cosa vuoi che dica.. Hai cancellato il mio commento. Ti piace avere il coltello multimediale dalla parte del manico vero?? Che potenza.. Complimenti. Avrò modo di spiegarti di persona quanto sei mediocre.

  25. Buonasera Ciro. Saremmo tutti curiosi di capire cosa ha scritto il Sig. Jester… Non si può riproporre? Offensivo in che termini? E nei confronti di chi?

  26. caro fabio il signore jester sei tu 😀

    grazie per essere caduto nella mia trappola, sapevo che saresti tornato da buon troll, il troll non si smentisce mai.

    Ora per commentare hai usato :
    82.84.247.**
    Sotto anonimato invece hai usato:
    The Jester
    82.84.247.**

    non provocarmi ancora

  27. Carp Ciro .. Il sig. Fabio Iacono come dici ttu è il sig.jester , persona amica che segue abitualmente venafrano da anni su mio consiglio. Ho parlato con lui in fb e mi ha spiegato che un suo commento fatto su venafrano gli è stato cancellato. Siccome lo conosco da anni e ti gatsntisco che è persona tutt’altro che offensiva avendo fatto del eispetto delle regole una scelta di vita, voleva sapere sempkicemente in cosa è ststo censurato. Fidati .. Non è un troll … Anzi rimarrai stupito nel conoscerlo direttamente perchè è ina do quelle persone pane pane vino vino che piacciono tanto a noi !!! Tuo pitone !

  28. DrakunoW

    Ok ma verso una signora possono essere usati anche toni più pacati. Cmq basta ,cosentino n ve a vnafr perchè l’ho deciso io 😀 i mann in norvegia a spacca’ la legna.

  29. Se lo dici tu va buon !! Altro che magistratura o polizia !!!!! Approco al tio vokere !!!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi