Comunali, Sorbo si ri prenota

438 45

Pronto a candidarsi di nuovo alla carica di sindacoSi avvicina settembre e si avvicinano pure le elezioni comunali. A Venafro cominciano a tenersi le prime riunioni. Certo ancora è lontana la prossima primavera ma c’è chi gioca d’anticipo. Scoraggia di certo la situazione finanziaria del comune che viaggia con un debito accertato di oltre 4 milioni di euro.

Le due Commissarie Ocello e Ferri in difficoltà per far quadrare i conti in vista dell’approvazione del bilancio di previsione 2012. I tagli drastici del Governo centrale in fatto di trasferimenti statali, fanno il resto.

Ma chi sono i papabili candidati alla carica di sindaco per le prossime elezioni comunali? E’ questa la domanda che i cittadini si pongono. Tra i papabili in quota Pdl c’è certamente Vincenzo Cotugno, ex sindaco e che potrebbe mettere tutti d’accordo nel centrodestra.

Il Partito Democratico punta sul vice segretario Massimiliano Scarabeo che potrebbe lanciare qualche uomo di sua fiducia per la corsa alla poltrona più ambita del parlamentino venafrano.
Rimane in campo anche l’ex sindaco Nicandro Cotugno che però potrebbe appoggiare dall’esterno la lista di Vincenzo Cotugno, insieme al gruppo che fa capo a Enzino Bianchi.

Città Nuova, il gruppo di opposizione al sindaco uscente, di sicuro lancerà ancora una volta Antonio Sorbo, oggi in carica come consigliere provinciale in quota Sel.

E Il Quotidiano inizia a sondare il terreno partendo da Antonio Sorbo, ex capogruppo di opposizione di Città Nuova e uno degli artefici della caduta anticipata dell’ex sindaco Nicandro Cotugno e della sua risicata maggioranza.

Sorbo lei è disposto a candidarsi di nuovo a sindaco della città?
“Se a Venafro si andrà concretizzando un progetto di totale cambiamento, che veda protagonisti i giovani, le donne, il popolo di Venafro che vorrà riappropriarsi della propria città, io sono pronto a dare il mio contributo nel ruolo che mi si chiederà di ricoprire, dall’attachino dei manifesti elettorali al candidato. Questa è l’unica condizione. Non parteciperò a tavoli di partiti, a trattative con gruppi di potere, a quelle liturgie obsolete che a Venafro non hanno oggi alcun senso.
Venafro ha bisogno di una lista di salute pubblica che vada oltre gli schieramenti politici e che mandi in soffitta i gruppi di interesse che hanno sempre tirato le fila delle ultime amministrazioni che si sono succedute, gruppi di interesse che si stanno già organizzando e che si preparano a candidarsi direttamente per la gestione della cosa pubblica per spolpare quel poco che è rimasto intorno all’osso. Una vittoria dei soliti noti, anche se dovessero nascondersi dietro qualche faccia “nuova” ma sempre legata al sistema di potere che ha strangolato questa città, sarebbe una iattura non più rimediabile per Venafro.”

Lei quindi non esclude una sua candidatura a sindaco?
“No, non la escludo affatto.”
E, in caso di elezioni anticipate, cosa farà alle prossime regionali?
“Ci sto riflettendo. Io da qualche lustro combatto il sistema di potere rappresentato dagli uomini del centrodestra che hanno devastato questa regione e Venafro. Se mi renderò conto che serve anche il mio modesto contributo per mandarli a casa, non escludo una mia partecipazione alla competizione elettorale regionale”.

quotidianomolise

[starrating id=24 color=1 name=”” size=2 stars=5 max=10] 

There are 45 comments

  1. Ma ndò và z schtess alla casa ca fa meghl.E’ un politico come gli altri,nessuna fiducia.

  2. Bla Bla Bla Bla il solito proclama,e’ una fotocopia di quello proclamato da anni da tutti i politici di qualsiasi colore che si sono candidati e poi avvicendati alla guida amm.va del paese.
    A quando il cambiamento serio, oramai Venafro e’ ad un punto di non ritorno oltre ad essere un paese in cui sta prolifeando la violenza gratutita(imprenditore manesco,giovani violenti annebbiati dall’alcol che impazzano ,generazioni emergenti senza futuro etc).’ Una tranquilla cittadina che fu e che ora causa cattive amm.ni pare essere piu’ somigliante ad un periferico quartiere metropolitano senza speranze.

  3. Si è persa un po di fiducia anche verso di lui , è vero , ma vorrei vederlo come sindaco di venafro per togliermi il dubbio se davvero possa essere il cambiamento che tutti aspettiamo ( ed è quello a cui credo di piu’ ) o si riveli una delusione come gli altri .

  4. Se voleva essere creduto doveva fare le battaglie feroci in piazza per difendere l’Ospedale ,il Castello ecc.ecc.Fa le mozioni alla Provincia.Quelle le sanno fare tutti stando comodamente seduti in poltrona.

  5. Nel rispetto delle tue affermazioni anche condivisibili vorrei dire che sulla questione ospedale credo sia tutto inutile perchè la folla intesa come manifestazione pacifica di un dissenso nei confronti di una politica dissennata e delle mozioni da parte di esponenti della minoranza fanno ridere i signori del potere. Noi venafrani avremmo potuto provare a salvare il nostro nosocomio e quindi a salvaguardare il nostro diritto alla salute solo con un azione veramente forte facendo addirittura barricate ed occupandolo ma chi si sarebbe assunto le responsabilità di tali azioni? Chi avrebbe partecipato alla strenua difesa? Prima di essere venafrani siamo italiani e non sappiamo farci rispettare dai nosti politici. Ora appena si faranno le elezioni sono curioso di vedere il grande malcontento che si sente in giro a quali risultati porterà. Io credo che non cambierà nulla chi c’è stato ci sarà……….

  6. sindaco con cervello |

    Finalmente un sindaco con il cervello, sicuramente saprà lavorare per Venafro molto meglio di chi lo ha preceduto e non solo negli ultimi anni.

  7. Caro Ciro,penso che tutti i discorsi fatti,anche tra di noi in passato,non trovino oramai più posto a sedere. L’idea di rivoluzionare questa cittadina, di estirpare le radici di un qualinquismo imperante da anni(“sono tutti uguali”, “se gli capita l’occasione sono uguali agli altri”,ecc..),di cambiare senso di marciare alle idee,di uscire dal solito dettato voto-piacere e viceversa, questa idea deve,da quel che leggo e vedo e sento in giro, emigrare. Anzi direi fuggire. Siamo il popolo di X factor,della mediocre televisione,di facebook come rifugio peccatorum. abbiamo una forte difficoltà a tornare a parlarci de visu.Ad assumerci ,ognuno,le proprie responsabilità,da elettori prima di tutto(chi abbiamo votato fino ad oggi??).E siamo sempre buoni a criticare tutti quelli che in un modo o nell’altro ci hanno messo la faccia. Sempre. E rimesso. Tempo, e tanto altro ancora. Penso,dopo molti anni di politica assolutamente dietro le quinte,di volontariato(ospedaliero prima di tutto), che Venafro non abbia assolutamente più possibilità di risalire la china. Gli uomini e le donne di buona volontà(quelli che nel tempo si sono spesi in mille modi per risollevare questa città),prima o poi si arrenderanno. E forse è proprio ciò che vogliono coloro che scrivono le cose che mi precedono. Non ho nessuna venatura polemica nel mio scrivere. Credo piuttosto sia una semplice constatazione. Ad oggi,io personalmente,non posso dirmi ottimista. Penso che sia comunque necessario sempre dare una alternativa a quei pochi,sempre più pochi che non si sentono qualunquisti!!E che fondamentalmente sono liberi!Anche di criticare. ma con cognizione. Ho sempre detto che bisognerebbe dare un premio a chi fugge da questo paese,perchè ci vuole comunque un gran coraggio. Ma ho sempre pensato che un premio doppio andrebbe dato anche a chi rimane. Spesso isolato.
    Con stima

  8. Ma quando mai le mozioni le sanno fare tutti, e poi la piazza per cosa ,se è proprio la piazza che a Venafro non ha capito nulla dell’ospedale hanno dato retta a Bianchi che con la scusa di ortopedia , impossibile a mantenersi isolata ha portato alla distruzione di tutto. NESSUN POLITICO DI VENAFRO HA AVUTO CERVELLO, NESSUNO. HANNO FATTO COMANDARE CHI BEN SAPEVA COME DISTRUGGERE L’OSPEDALE DI vENAFRO.PUNTANDO SU RICHIESTE IRREALIZZABILI , SENZA CAPIRE COSA CHIEDERE PER FAR MANTENERE L’OSPEDALE APERTO.,

  9. Tutti a casa. Sott i frisch.
    Ma pò esse ca nn ce stann n pok r giuvn ke l pall!

  10. All’orizzonte non vedo gente con le palle sotto che possa ricoprire il ruolo di sindaco… qui la gente deve svegliarsi… deve rendersi conto che c’è la possibilità che facciano un’ulteriore lista fatta da “purcaria” come fu Venafro sarà.
    Se Antonio Sorbo non da le dovute garanzie e se contemporaneamente c’è chi ha la volontà per davvero di scendere in politica lo faccia andando contro tutto e tutti.
    ultimamente sento chiacchiere di presunte candidature di persone che intendono presentarsi sotto la bandiera di Grillo… finora si sa poco o nulla di tutto ciò, tanto potranno essere chiacchiere tanto potranno essere voci reali… aprile 2013 inesorabilmente si avvicina… Sorbo, Bianchi, V. Cotugno, Bianchi, Petrecca e chi più ne ha più ne metta (che fa pur rima) venafrani guardatevi intorno e vi renderete conto di chi potrebbe volere il bene della città e di chi invece continuerà a portarla nell’oblio più oscuro, ormai non c’è più da studiare o da capire questo o quel personaggio politico, certe cose le sappiamo già un minuto dopo che sapremo la compostosizione le liste. il male di Venafro è voluto principalmente dai cittadini che a causa del loro egoismo hanno voluto farsi rappresentare da questi politicanti da strapazzo, però piegati perennemente a 90°.Una sola cosa chiedo ad Antonio Sorbo…se dovesse presentarsi candidato sindaco pretenda icnontri pubblici o in tv con i candidati sindaci…

  11. Perché Sorbo che è sempre attento alle violenze sui giovani non ha detto una parola nel suo Altromolise sull’aggressione di Antimo?

  12. DrakunoW

    su al comune il prossimo anno ci saranno gli stessi (con qualche piccola variazione)che ci sonom stati da anni e anni a venire.

    Antonio non lo faranno mai sindaco perchè darebbe autorizzazione ad aprire lidl e rompe le scatole da na parte, farebbe uscire subito un po’ di marcio, dai non uccidiamo l’unico che da anni sta a dire ” venafrani non raccogliete la saponetta, venafrani non raccogliete quella saponetta che so dolori”, mo la saponetta l’avete raccolta e che volete?
    Sicuramente un comune gestito da sorbo sarebbe un comune gestito in maniera sana, siccome le cose sane a venafro non esistono non esisterà mai un comune gestito da sorbo.

  13. DrakunoW

    I giornali non parlano perchè i giornalisti hanno paura di essere malmenati dal losco personaggio che ha picchiato antimo.Lui picchia tutti poi fa i comunicati e dice ” io sono santo , io vi amo , preghiamo”

  14. Antonio ha fatto molta opposizione, ma senza risultati. Cosa ha fatto di concreto per venafro, oltre a scrivere qualche parola comodo dalla sua scrivania? Ha fatto più il movimento giovanile in un anno che Sorbo in anni e anni di attività (forse meglio dire di passività).
    Ad Antonio piace parlare e scrivere tanto, ma quando si tratta di rimboccassi le maniche per fare qualcosa a Venafro prende la residenza a Campobasso.

  15. Sorbo credo sia la persona piu’ adatta. Non ci si improvvisa politicanti per caso in una citta’ di provincia come la nostra. Antonio ha le carte in regola piu’ di qualunque altro e credo che anche a lui vada data una chance…per lo meno per vedere qualcosa di diverso, un approccio leggermente piu’ aperto ed una predisposizione naturale al dialogo. da uomo di sinistra mi ricorda quasi il primo governo D’Alema, che aveva suscitato in me la gioia e la curiosita’ di poter vedere un uomo, che allora valutavo di sinistra , al governo.Fu pura disillusione. Signori, non ci sono remore: Antonio Sorbo se non ora quando! (riprendendo uno slogan che amo). Senza troppi sofismi. Se fara’ male ci volteremo e lo giudicheremo, ma non propinateci un altro Cotugno o Bianchi. Proviamoci!

  16. Sante parole… i venafrani lo sanno ma a loro va bene che ci siano siatuazioni losche perchè parte dei venafrani fanno parte di queste situazioni losche ed ecco signori qual’è il futuro di Venafro… tumori a go-go, mancanza dell’ospedale, servizi minimi ridotti all’osso. chi dobbiamo ringraziare? i politici loschi che non hanno alzato nessun dito, poichè in combutta con tutta la linea politica che ha voluto che Venafro sprofonodasse inesorabilmente oppure con i cittadini che han fatto si che a causa del loro squallido egoismo Venafro avesse al comando sta banda r’ sciarmat?

  17. Mi dispiace non sono d’accordo con te circa il doppio premio da dare a chi sceglie di rimanere al paesello,chi sceglie di rimanere in una Venafro ridotta cosi’ evidentemente e’ uno che si e’ apaticamente adattato al sistema senza alcuna ambizione se non quella di girovagare per i bar e farsi “ammirare” consumando le suole delle scarpe strusciandole lungo il corso,al contrario chi ha avuto il coraggio di girare le spalle al paesello ha trovato la sua strada e la concretizzandore la propria aspirazione e che quando torna a Venafro, non vede l’ora di ripartire poiche’ nota che la situazione ,in generale,e’ sempre peggiorata rispetto alla visita precedente.Il coraggio lo riconosco solo a quegli imprenditori forestieri che scegliendo Venafro come terra per i loro investimenti da piccoli sono diventati Impresari di tutto rispetto

  18. Penso di poter condividere una buona parte dell’analisi che mi precede. Anche perchè il mio ragionamento,condensato in poche righe,ha un difetto di partenza. Io ho sempre sostenuto che a differenza delle altre realtà,anche della nostra regione(Termoli,Agnone,la stessa Isernia,ma anche Jelsi,per dire)noi abbiamo un grandissimo difetto:ci siamo chiusi a riccio,non abbiamo capacità attrattive dal punto di vista turistico(ma ne abbiamo le enormi possibilità con tutto il patrimonio artistico e culturale presente). E questo ci limita. Il mancato confronto e il necessario scmbio con “altri”(altri rispetto ai nostri abituali concittadini) che magari avviene per pochi nei rispettivi ambiti lavorativi,è una carenza fondamentale. Dal mio punto di vista questo aspetto vincola il modo di essere di molti dei venafrani:passivi,critici a prescindere,buoni a sedere davanti un bar per dire le cose che altri dovrebbero fare. E a ben vedere,la generazione che sta emergendo(salvo alcune ottime eccezioni che conosco personamente e che si impegnano-ma sono una minoranza)non mi pare garantisca completamente un rivoluzionario cambio della guardia. Concordo con il fatto che chi va via ha già di per sè una qualità in più:il coraggio. Il coraggio di lasciare alcune certezze per scommettere sull’unico talento che realmente si ha:se stessi!!Ecco,in questo, penso che sia chi va via siia chi resta abbiano un aspetto in comune:dover scommettere su se stessi. ma spesso chi resta non lo fa. E rimane intrappolato nell’omologazione. Io rimango(forse non ancora per molto-pur avendo noltissime certezze:una casa mia,un buon lavoro,ottimi amici e tutto il resto). Ma rimanere quì,essendo sempre rimasti immobili è un discorso. Rimanere dopo averci provato in mille modi,è un altro. Una distinzione necessaria. Ecco a chi mi riferivo quando parlavo di dover dare un premio doppio a chi resta. A coloro,uomini e donne di buona volontà,che hanno provato a cambiare,senza riuscirci in profonditàE che magari si sono esposti,perdendo anche amici per strada,e facendosi molti nemici,comunque. . E non necessariamente o esclusivamente attraverso la via politica. Venafro sta arretrando perchè i venafrani così vogliono:hanno perso il loro senso di appartenenza,il loro orgoglio di essere VENAFRANI,Hanno smarrito la difesa del proprio territorio,ospedale,scuole e tutto il resto compreso. COloro che sono andati via,ben fanno a ripartire immediatemente,ma penso che un enorme senso di stima debbano avere tutti quelli-lo ripeto,quelli che ci provano-che restano. Almeno a loro un attestato va dato:saper sopravvivere in un palude,senza farsi soffocare.

  19. La sigla “venafro sarà” non dice nulla sulle intenzioni di chi la provuove. A posteriori potrebbe leggersi “Venafro sarà ‘na purcaria?” Se l’avessero detto chiaramente prima delle votazioni nemmeno il l’avrei votata. ma l’alternativa qual’era?
    E quì torniamo al Movimento 5 Stelle di cui alcuni vorrebbero candidarvisi.
    Sono andato sul sito Movimento 5 Stelle di Isernia e provincia, primo approccio da fare per chi fosse realmente intenbzionato sarebbe quello di uscriversi e partecipare. Non ho trovato nessun nome di venafro. Forse non ho guardato con la dovuta attenzione e riproverò!!! Magari quelkli che tu dici vorrebero candidarsi sotto quella bandiera saranno i soliti “affaristri” che minacciano o lòa tenbgono di riservca nel caso venissero trombati? Ebbene, affaristi dell’ultima ora, poter usufruire dello stemma M5S non è così facile, per fortuna. E, pqe qunto ne so, non c’è posto per i politici di8 lunga esperioenza, al massimo potrà essere cosentito l’ingresso a chi è stato consigliere comunale una sola volta. Quondi per chi volesse aiutare e cerare una formazione di base di cittadini per dare concretezza ad un Movimento 5 Stelle anchge a Venafro, dovrà avere “le palle” di iscriversi, sapendo che i politici ricattatori attuali sono feroci e chhi sio iscrive là verrà messo sotto tiro. Però per chi avrà il coraggio di farlo e di aiutare a costruire unb sistema nuovo……molti cittadini voteranno i rapèpresentanti riconosciuto sotto l’egida del M5S…speriamo che prendano la maggioranza assoluta, al Comune alla regione ed al parlamento, così da cambiare questo sistema di “cricche di affariosti” in un sistema giusto ed equo. nessuno può prendere stipendi superiori a 5.000 euro al mese se non viene prima garantito il reddito minimo a tutti. reddito minimo significva libertà di votare scegliendo il MEGLIO e quindi far spoarire rapidamente tutti gli “affaristi senza scrupoli” che ingrassano attorno a questo sitema politico …rovinma indiscussa DEI CITTADINI..

  20. Se questo signore è alquanto “manesco”,indipendentemente se provocato o meno, dovrebbe essere un obbligo morare farne il nome e proporne la foto solo per un livello di attenzine. Magari ad incontrarlo per strada si può cambiare marciapiede…..non vorrei che camminare sullo stesso amrciapiede potrebbe essere considerato dallo stesso, prima o poi, una provocazione che richiede l’uso delle mani.

  21. DrakunoW

    Antonio, lo riconosci subito , ha una faccia falliforme e ride sempre, non puoi sbagliare…… è lui

  22. sciarmat !?!? sei sicuro che è il termine appropriato?
    ho capito le iniziali … Di gentile Di gentile….hai voluto essere doppiamente gentile?

  23. Per fare qualcosa di utile per venafro, sel senso di tutti i venafrani e non solo della “cricca” di riferimento, non serve scrivere. Bisogna capire le problematiche, studiare le modalità per rendere trasparenti ed eque le azioni creando una oggettiva valutazione della cittadinanza, ed essere tutelati convintamente dalla cittadinanza. E soprattutto levare il potere decisionale a chi lo ha gestito fino ad oggi, politici e funzionari, sarebvbero uniti da uno stesso filo logico “tutelare la “cricca” di riferimento. Ed una voilta iniziato non potranno più staccarvesene.

  24. Scegliendo un nome si sceglie “un dittatore”?

    Devono essere rese note le logiche da attuare attraverso le quali sarà resa effettivamente trasparente e senza favoritismi l’azione amministrativa.
    Troppa discrezionalità consentita di fatto dalle leggi.
    per i piromani è prevista unba pena da 4 a 10 anni? Similmente deve essere sabilita per glòi amministratori ed i funzionari quando favoriscono attraverso la none satta applicazione della normativa.
    Sono le norme a fare i Sindaci giusti. Le norme le fa il parlamento…i parlamentari … non derfiniamoli ma i media ci hanno fatto capire bene quanto meritino il titolo di “onorevole” che la legge attribuisce loro.

  25. Ti posso assicurare solo una cosa, grazie a lui molte manovre losche non sono state fatte. Se non ci fosse stato lui avremmo ben altri problemi, assai più grandi.

  26. Io invece vado ben oltre consapevole che certe cose sono, purtroppo, impossibili da vedersi… se ognuno dei due avesse la volontà di non stare in perenne conflitto magari potrebbero anche schierarsi insieme, ma si sa Venafro è il luogo della continua critica e vedere insieme personaggi che potrebbero contribuire, ognuno sotto le proprie competenze, a dare forza all’amministrazione comunale e fare cose che possano realmente dare sviluppo senza tornaconti personali è una chimera.

  27. Si è vero quando ho scritto la parte finale di quel messaggio non ho voluto infierire… del resto una compagine di governo comunale che si sfalda – così come è accaduto per Venafro sarà – che ha fatto parlare i giornali nazionali dopo la sua presentazione… che ha avuto in se elementi o “sovraelementi” che appena hanno potuto hanno lasciato una “zizza” che aveva quasi terminato il “latte” per attaccarsi a quella di qualcuno che avrebbe garantito il triplo sapendo benissimo che il loro operato alla lunga avrebbe nociuto all’amministrazione e di conseguenza alla gestione della città… beh definirli sciarmat è decisamente inappropiato come termine… lascio libera interpretazione agli utenti di venafrano.org su quale possa essere il miglior termine da attribuire all’evoluzione su descritta.

  28. Per sorpasso |

    Caro sorpasso…quante parole…per esprimere un concetto….. cioè quello di dire che SORBO sia la soluzione…. Lui che ha difeso l’ospedale…lui che ha difeso il territorio…lui che ha difeso le scuole… Dimentichi una cosa sola …che fino ad ora, come te, lo ha fatto solo a chiacchiere…tante parole..

    Questo è l’unico motivo per il quale sarei tenato seriamente di votare Antonio Sorbo..per vedere finalemnte se oltre alle troppe chiacchiere …riesca ad essere capace di fare una cosa, e dico una cosa, concreta..

    Perdonatemi lo sfogo, non sono di venafro, e spesso sento parlare di venafranità—- non ho ben capito cosa significhi—-ma credo non sia sinonimo di concretezza.

  29. Condivido,è uno dei miei tanti difetti. La mia maestra delle elementari,Rosaria Alterio,lo scrisse anche in una pagella: prolisso. Chiedo scusa per questo. Almeno mi sono preso una critica per la lunghezza del concetto e non per il suo contenuto.,E al giorno d’oggi è già tanto. Comunque le chiacchiere,come qualcuno le qualifica,sono servite in questi anni. Molta gente è stata informata su questioni importanti(sanità compresa,e sul destino dell’ospedale mi pare che non si possa dire “non siamo stati avvisati”) e alcune cose sono state fatte,pur nei limiti del marginale potere che hanno tutte le minoranze(non mi pare che comandi chi sta all’opposizione,sarebbe una dilatazione eccessiva del concetto di democrazia). Non spetta a me farne l’elenco! Penso,e concludo,che la prossima sarà l’ultima buona occasione per cambiare le carte in tavola:l’ultima buona occasione per Venafro di rialzare la testa. Un ultima considerazione. Quando parlo di “venafranità”,riduco al nostro localismo quel sentimento più elevato di appartenenza che chiamiamo “italianità”. Bisognerebbe sentirsi orgogliosi di essere nati in un territorio e bisognerebbe difenderlo. Mi aspetto,nel voto delle prossime comunali un segnale dai miei concittadini:difendere Venafro da chi l’ha saccheggiata. Almeno in questo sentiamoci venafrani veri.

  30. Puoi essere cosi’ cortese da dirmi che cosa c’e’ ancora da saccheggiare a Venafro?Forse c’e’ rimasto un po’ di futuro per le nuove generazioni,ma con i politici che proponete ,questi alieneranno anche anche questo.

  31. per l'amministratore del sito |

    dopo aver letto attentamente le molte …e sempre di più….dell’amico “sorpasso” proporrei di lanciare in mome di una venafranità protesa all’italianietà,un’idea bizzarra: SORBINUD…. l’ultima occasione per i venafrani di riscatto e rinascita….
    Ma sarà proprio così?
    CHE SIA QUESTO sito a raccogliere le impressioni della popolazione web su SORBINUD..il salvatore di Venafro che al posto della spada usa le parole….. che non da ai poveri ma parla male (offende) chi non la pensa come lui….e soprattutto pensa di essere l’unico colto…intelligente…..ed istruito…..sfoggiando la falsa umiltà del modesto insegnante… perchè l’umiltà è l’unica dote di cui è sprovvisto SORBINUD………. IL PRIMO SUPER EROE CANDIDATO A SINDACO di VENAFRO

  32. DrakunoW

    Se siamo combinati così di certo la colpa non è di Sorbo, poco ma sicuro………… ma ognuno è libero di pensarla come vuole.

  33. Senza risultati??? |

    Non mi pare! Se abbiamo ancora due istituti comprensivi con relativa presidenza in loco, lo dobbiamo in primis a lui che, se ricordate bene, alla conferenza dei sindaci fece fuoco e fiamme per non far toccare le scuole a Venafro, visto che a rappresentarci non c’era nessuno a differenza di tutti gli altri comuni molisani. Inoltre è di oggi la notizia che è stato firmato il protocollo d’intesa per il monitoraggio ambientale che non è poca cosa visto che NESSUNO, politicamente parlando, fino adesso ha mai preso a cuore il problema inquinamento nell’area venafrana e dintorni. Io una chance gliela darei, perlomeno per verificare se altri suoi verbali proclami riesca a farli diventare realtà.

  34. Ho provato ma non ho potuto individuarlo ……ci sono molti ad avere facce che a me sembrano falli formi. Dimmi se faa anche il politico …nel caso che non lo faccia potrò ridurre la rosa degli incontrati. Mi puoi dare una indicazione sell’altezza e sui capelli? e se porta occhiali da vista o da sole. grazie

  35. Architetto paesaggista ambientale |

    Uno che ha definito l’inutile,dannosa,devastante e costosa Bretella di Ceppagna come opera indispensabile per la città di Venafro,adesso che dovrebbero partire i lavori per l’Autostrada,per me personalmente non può rivestire alcun incarico,neanche da consigliere comunale.

  36. attenti all'inciucio |

    Caro Sorbo si dice in giro che ti sei alleato con Scarabeo, se è vero hai fatto la fine di tanti quaquaraquà che parlano di politica rovinando Venafro. Se è vero che lo fai perchè “finalmente” puoi vincere allora forse è meglio continuare a perdere con dignità che vincere con disonore. Se è vero farai la fine di tanti meschini, peccato potevi essere l’ultimo baluardo della moralità, ma in politica non esiste la moralità. Votiamo Matteo Renzi come prossimo sindaco, almeno lui ha le palle di fanculare anche i membri del suo partito, imparate pseudo-politiciotti con le stigmate (i buchi servono per far cascare i soldi nelle loro casse)

  37. Egregio architetto paesaggista ambientale…non so cosa tu possa avere di pesaggista ed ambientale anche se sarai architetto “di cricca?”. hai appena definito la bretella di ceppagna inutile, devastante e costosa…senza spiegarne le motivazioni, i raffronti , i benefici e gli svantaggi per l’ambiente e per il paesaggio .. nè della bretelal e nemmeno dell’autostrada. Per quest’uòltima dici che dovrebbero partire i lavori…di quali lavori parleresti …dei lavori di pagamento dei conbsiglieri di amministarzione della società cerata ad hoc (società inutile bastava continuasse l’ANAS senza aggravio di spese inutili) o lavori di pagamento di non sis a bene quali spese? E diq uesti lavori che dovrebbero iniziare ci spieghi quale tratto funzionale realizzeranno per prima? Tratto funzionale sarebbe un tratto che venga costruito e messo in funzione e non untratto che viene iniziato e poi si blocac senza essere messo in funzione. Quando un architetto si impegna ad esprimere giudizi dovrebbe firmarsi con nome e cognome.
    Coem ha già fatto altro professionista su questo sito che quando ha espresso opinioni le ha motivate abbastanza precisamente. “Sei forse un “criccaiolo” anche tu? Se ti riferiscia Sorbo, ricordo che nei suoi articoli ha definito necessaria la bretella per ridurre il problema dell’inquinamento dell’aria nel centro abitato…….e tu la definisci inutile. Invece esalti l’utilità dell’autostrada che, così a ridosso dell’abitato, immetterà nel centro abitato ulteriori doisi di inquinanti rendendo più garve la situazione..insieme alla inattivitòà Regione/Arpa che non hannoa ncora proivveeduto a fare il piano di riduzione dell’inquinamento che avrebberoi dovuto adottare già da molti anni.

  38. Giusto ..anche se la dizione esatta sarebbe “attenbti agli inciucci” ….. Votate Movimento 5 Stelle se a Venafro ci saranno persone con i requisiti stabiliti da Grillo che vorranno esporsi in prima persona attivandosi sia per la formazione che per una attività partecipata ….. mettendo le premesse necessarie per Venafro, per la Regione e per la nazione…che siano trasparenti, corretti giuste ed evitino glia rricchimenti di cgi si occupa della cosa pubblica e di chi riceve incarichi pubblici. Niente più caste, cricche o affaristi “subdoli?”, solo gente comprovatamente ed obbligatoriamente onesta per l’interesse collettivo…questo sconosciuto..

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi