Checco Zalone, sui Molisani può dire ciò che vuole…

455 0

Checco Zalone ormai può dire tutto quello che gli gira per la testa. E’ diventato noto grazie al berlusconismo dilagante (che è ormai una filosofia morale) ed è convinto che l’essere diventato famoso lo abiliti ad aprire la bocca e soffiarvi dentro.

Tra l’altro agisce come un irresponsabile che non si rende conto che, superata la soglia dell’imbecillità divertente, si passa a un livello nel quale ogni frase dovrebbe essere attentamente vagliata prima di essere pronunciata.

Zalone è come un ubriaco alla guida spericolata di un suv nella piazza del mercato. Gli piace divertirsi e non capisce che il suo divertimento dovrebbe finire dove cominciano i problemi quotidiani degli altri.

Pensare che quella frase con la quale paragona i Molisani a un popolo che della civiltà moderna non conosce neppure le automobili sia stata pensata all’ultimo momento è ingenuo. Un comico serio non è un buffone. Zalone è andato a una conferenza stampa preparata da lui, voluta da lui, gestita da lui.

Chissà quante volte aveva ripetuto quella battuta prima di presentarsi in pubblico.

E’ tipico dei neoricchi sentirsi padroni del mondo. Così non esita manco a offendere suo fratello e sua madre nell’intervista a margine dell’incontro con i giornalisti pur di far ridere.

Ma a parte la conferenza che a me sembra penosa soprattutto quando riferisce che il presidente della regione lo abbia ringraziato perché si è interessato del Molise, mi ha fatto imbestialire una notizia di questa estate.

Pare che il suo produttore abbia pagato il Ministero per i Beni Culturali per girare una scena nel teatro di Sepino.

Quando protestai pubblicamente per il fatto che le erbacce al teatro di Sepino erano rigogliose nel mese di giugno, mi fu detto che non potevano essere tagliate perché in quelle condizioni doveva apparire la scena per Zalone.

http://www.francovalente.it/2013/06/12/invece-di-protestare-per-una-cacciata-mai-avvenuta-perche-non-va-a-tagliare-lerba-a-sepino/

La scena, peraltro, non è stata mai girata perché questi film cambiano copione in corso d’opera.

Spero, comunque, sia solo una stronzata detta da un funzionario della Soprintendenza, perché se fosse vera, sarebbe ancora più grave della stronzata detta dal comico che rispetta tanto il fratello incapace, sua madre ignorante e il Molise troglodita…

dal blog di Franco Valente

www.francovalente.it

 

There are 1 comments

  1. Ho visto il film e come molisano non mi sono sentito affatto offeso, anzi, mi è venuta la voglia di viisItare i paesi immortalati da Zalone La nostra è una regione povera,poverissima, ma dignitosa. E’ vero alcuni paesi si stanno spopolando, bambini non e ne sono, le scuole si chiudono e gli anziani restano i soli abitanti.ma dignità, forza, assenza di sottomissione al consumismo ,mi sono sembrate le caratteristiche messe in evidenza dal film in contrapposizione al mondo fatuo e corrotto della ricchezza .Al Molise povero dove il denaro ha il suo vero valore e un dono importante può essere quello di una caramella SI CONTRAPPONE un mondo fatto di finto benessere che ha prodotto solo ignoranza e tracotanza.IL MOLISE è TROGLODITA DOVE HA PERMESSO PER DENARO ED IGNORANZA CHE I SUOI TERRITORI VENISSERO VIOLENTATI, INQUINATI, DISTRUTTI IN NOME DI UNA PSEUDO INDUSTRIALIZZAZIONE.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi