Carsic, la sola retta non regge il costo

473 3

I dirigenti dell’istituto: vantiamo crediti dalle regioni Campania e LazioGiornata tesissima ieri pomeriggio davanti ai cancelli dell’Istituto Carsic di Venafro. Confronto tra una rappresentanza dei lavoratori i i vertici della casa di cura per persone disabili.

La protesta non è affatto rientrata anche perché la proprietà ha per così dire rappresentato la realtà con il linguaggio della verità.

A parlare al Quotidiano è l’avvocato Esposito, Amministratore unico dell’Istituto Carsic.” Ho rappresentato ai lavoratori lo stato dell’arte della nostra situazione. Non possiamo reggere gli attuali livelli occupazionali se non verrà adeguata la retta.

Lo stiamo chiediamo a chi di dovere da tempo, e le risposte che giungono sono solo promesse. O hanno già tagliato, dalla mattina alla sera, 25 posti letto. Rdotto quindi il badget, come possiamo andare avanti con questi tagli? Le rette sono ferme al 2005.

Vantiamo crediti dalle regioni Campania e Lazio, perché qui il Molise ha il 50 %dei malati e quindi l’accreditamento su questo tetto.” Avvocato Esposito, ma ai lavoratori cosa avete detto? Quali assicurazioni vi sentite di dare in questo momento? “Con loro siamo stati chiari.

Una decina di giorni per vedere di portare a casa qualche risultato soprattutto quello dell’adeguamento delle rette. Da lunedì cominceremo a prendere i dovuti contatti in tal senso. Devono capire anche la nostra situazione così come noi comprendiamo le loro difficoltà.” Questo dunque il quadro della situazione presso l’Istituto Carsic di Venafro che dà lavoro a 140 dipendenti, questo vuol dire che è rimasta l’unica azienda in città in grado di dare ancora lavoro.

Guasto dovrebbe spingere i politici locali a spingere presso regione e Asrem perché si affronti seriamente il problema a cominciare dall’adeguamento delle rette che dovrebbero passare dalle attuali 109 euro a 125 a ricoverato. Aumentare il badget annuale ripristinando i 25 posti letto cancellati a Venafro per “regalarli” a una struttura di Isernia. Solo così potranno essere salvaguardati tutti i livelli occupazionali. In caso contrario, se le cose cioè dovessero rimanere così, si apri rebbero scenari inquietanti, con il rischio reale di mandare a casa diversi dipendenti.

Il Carsic è governata da imprenditori, da privati che quindi guardano ai costi e ai bilanci. I vertici dell’Istituto si sono messi a lavoro per sollecitare Regione e Asrem a dare delle risposte sulle due questioni portate già ai tavoli delle trattative: adeguamento rette e ripristino dei 25 posti letto cancellati senza motivazioni plausibili.

Intanto i lavoratori sono sul lastrico.

In questi mesi hanno percepito solo la tredicesima: avanzano gli stipendi di novembre e dicembre, mentre il prossimo 20 gennaio scade un’altra mensilità.

Una cosa è certa: ora Tommaso D’Angelo non è più solo nella sua protesta. Davanti ai cancelli della clinica lungo Corso Garibaldi ieri si sono ritrovati in tanti, che hanno esternato tutta la loro rabbia con scritte e cartelloni di protesta.

Fonte quotidianomolize

There are 3 comments

  1. e gesù i re magi a noi i tre pagliacci |

    Oggi sono venuti su al carsic anche i tre pagliacci, che uno di questi invece di pensare ai problemi del carsic, si dedichi a risolvere i suoi problemi penali e soprattutto a pagare la gente che ha pittato nel raggio di 300 km .La vostra solidarietà non ci serve, anche perchè tutti e tre non valete assolutamente nulla, pagate i debiti ,pagliacci

  2. intanto quei tre pagliacci cm li hai chiamati tu sono venuti,forse anche a prenerci per il culo ma sono venuti!!!!l’altra parte politica dove si trova invece?

  3. Secondo me, se non portate il problema alla camera del lavoro obbligando il datore di lavoro e tutti gli organi competenti a sedersi ad un tavolo e prendere delle decisioni, pedete solo tempo. Fate alzare il culo dalle poltrone i delegati sindacali regionali e i politici del settore. Uno apprezza molto la solidarietà ma se rimane confinata ad una semplice presenza davanti i cancelli dell’istituto, non rimane nint’altro che una farsa… Overo é solo fumo negli occhi! Daltronde fra qualche mese si vota e la peopaganda é importante…

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi