A Isernia c’e’ qualcuno che sta manifestando per la difesa della provincia di Isernia, voi cosa ne pensate?

390 8

a voi i commenti………

There are 8 comments

  1. Completamente d’accordo con Marco. Meglio il vampiraggio che questa politica degenere e corrotta. Aggiungo: se non migliora la società non possiamo pretendere granché dalla politica; rifondiamole cominciando dalla famiglia e diamo l’educazione ai nostri figli e un calcio in culo alla classe politica ed a tutta la processione di fannulloni che li accompagna.
    Buona giornata.

  2. Cittadino venafrano |

    Per noi venafrani la scomparsa della provincia di Isernia sarebbe una grande vittoria. Se pensate a tutto il male che è stato fatto alla nostra città nel tempo, dai politici isernini, membri della provincia e di altri enti provinciali. Venafro non ha goduto di alcun privilegio dall’istituzione di questa provincia. Tutto ciò, in parte è stato causato dall’inadeguatezza della classe dirigente venafrana, che non è stata in grado di opporsi mai a provvedimenti avversi a questa città, ed in parte dalla cattiveria mostrata dagli isernini nell’amministrare la cosa pubblica. La morte del nucleo industriale, l’inquinamento ambientale, la ormai prossima chiusura dell’ospedale e ancora gli altri servizi che hanno abbandonato la città, stanno causando una stato di crisi sociale e economica gravissima ed irreversibile. In questo scenario, la provincia di isernia, quale contributo ha fornito alla nostra città?
    Un solo contributo: hanno tappato le bocche dei cittadini onesti a colpi di clientelismo sfrenato.
    Accontentare quei pochi, per avere un ritorno elettorale e assicurarsi la poltrona.
    Adesso, che vadano a lavorare (si fa per dire) a Campobasso.
    I circa 1000 posti nel pubblico impiego che migrerebbero a Campobasso, finalmente porterebbero un pò di giustizia alla nostra città.
    La città di Isernia capirebbe quanto sia dura privarsi dei servizi, e non importa che tale problema possa riguardere anche dei venafrani, in quanto, costoro sarebbero i venafrani sistemati negli enti provinciali per via clientelare

  3. anche io sono d’accordo , se la nostra classe politica è questa , non solo la provincia di isernia devono togliere ma anche la regione molise, visto e considerato che non sono riusciti a gestire una regione con una popolazione di 300.000 abitanti !

  4. Adrfiano Vàccone |

    Non credo ci sia bisogno di discuterne: chi sta protestando ha sicuramente qualche interesse per farlo. Io non mi sono mai sentito “tutelato” ad avere la provincia di isernia. La gestione dell’acqua demandata al comune. Le scuole??? Che dire che ho studiato in uno stabile della stessa proprietà della preside? A questo mi ha tutelato? Le strade? Quando andavamo zona Filignano sai quante bestemmie! Dai ben, lasciamo perdere. Ci sarà chi ha degli allacci con qualche politico provinciale che sa cosa andrà a perdere. Ma io di mio non sarò né felice né scontento quando toglieranno le provincie…

  5. Che purtroppo in Italia non si possono fare due stati.
    Quello degli onesti dove nessuno può incassare oltre 5.000 euro al mese, o arricchirsi a dismisura, a mneno che non brevetti qualcosa di eccezionale ed allora non possiamo dire nulla.
    Ed un paese dove i ladroni che, a mio avviso, ruberebbero fior di centinaia di migliaia di euro mensili, lo dovrebbero fare tra di loro. Allora ci sarebbe da ridere!!!
    Purtroppo i lADRONI proliferano sulla MASSA DEGLI ONESTI.
    Tranne le eccezioni che sicuramente ci sono: basta che l’interessato scriva quì che altrove che è onesto (cioè che non ah redditi nascosti chissà dove che non prende bustarelle che etc etc)…ed io gli credo…chiunque esso sia

  6. Ma se i politici locali non sanno fare il bne del proprio comune figuriamoci della Regione.
    Tutti a casaaaaaaaa

  7. …. e uno!!!! disse quello che “cecò” un occhio alla moglie……
    speriamo che al più presto (per le nostre tasche) ci riuniscano all’Abruzzo!!!!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

X

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi