25 Aprile 2014/ Festa della liberazione d’Italia, perché si celebra?

Si festeggia il 25 aprile
201 4 il sessantanovesimo anniversario della liberazione d’Italia, un giorno che simboleggia la fine della
seconda guerra mondiale nel Paese e quindi anche dell’occupazione nazista e del ventennio fascista. La
festa della liberazione rappresenta anche l’inizio di un nuov o percorso che porterà l’Italia
al referendum del 2 giugno 1 946 e alla nascita della Repubblica Italiana. Il 25 aprile del 1 945 vennero
in particolare liberate Milano e Torino: alle 8 del mattino di quel giorno, infatti, l’esecutiv o del Comitato
di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia annunciò l’insurrezione e la condanna a morte per i gerarchi
fascisti. Tra questi anche Benito Mussolini, che venne fucilato tre giorni dopo. La Festa venne istituita
inizialmente per il 1 946, ma divenne ufficialmente festa nazionale dal 1 949 attraverso la legge n. 260
(“Disposizioni in materia di ricorrenze festive”). Ogni anno, nella giornata del 25 aprile, non mancano
puntualmente le polemiche: due anni fa ad esempio, fecero discutere i manifesti inneggianti alla
Repubblica di Salò esposti nelle strade di Roma, alcuni attaccati anche sugli spazi pubblicitari del
Comune. La citazione riportata (“25 aprile 1 945-25 aprile 201 2. Gli eroi son tutti giov ani e belli. Ai
ragazzi di Salò”) prov ocò la reazione del cantautore Francesco Guccini, il quale si disse “tirato verso una
direzione che mai avrei v oluto. Non solo la mia canzone La locomotiva non è stata compresa, direi che è
stata davvero maltrattata”. Lo stesso anno, fu il segretario nazionale de La Destra, Francesco Storace, a
scrivere su Facebook: “Bersani ha colto l’occasione del 25 aprile per scrivere una lettera agli iscritti del
suo partito. Si è dimenticato di farlo in un’altra occasione, il 1 0 febbraio, quando l’Italia era chiamata a
celebrare i caduti delle Foibe. Preferì andarsene in Tunisia, in quei giorni, e nessuno lo richiamò ai suoi
doveri. Nemmeno l’associazione partigiani”. Poi, intervenuto a “Un Giorno da Pecora”, Storace spiegò
come avrebbe trascorso la giornata del 25 aprile: “Ne approfitterò per riposare, visto che è una giornata
in cui non si lav ora. Starò con la famiglia e dormirò a lungo”. I conduttori quindi gli chiesero: “Non
festeggerà la liberazione?”. “Non c’è nulla da festeggiare”, rispose Storace.

Tags
Mostra altro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Close

Hai qualche plugin installato che blocca il sistema pubblicitario del sito

Per visualizzare il sito disabilitalo, grazie
X