DAL PORTALE

ESERCIZI DI MEMORIA

SCUOLA MATERNA MONTESSORI VENAFRO

Era il 31 ottobre 2002 e in Molise la terra tremò a lungo, per una scossa di terremoto di magnitudo 6.0, alle 11:32, rimasero sotto le macerie 27 bambini e la loro maestra.
Fu quel triste avvenimento a focalizzare l’attenzione di tutti sulla sicurezza nelle nostre scuole e fu da allora che la Scuola Materna Montessori, in Via Acquedotto a Venafro, allora appena ristrutturata, rimase privata di quella folla di bimbi che col loro vociare e le loro divise colorate, per anni e generazioni, avevano giocato e appreso tra quelle pareti e animato quel giardino di margherite fiorite .
Da allora quel posto è rimasto preda di nuove generazioni di vandali moderni che in quegli stessi locali hanno sfogato, negli anni, tutta la loro rabbia e il loro disagio, nelle scritte e nei vetri frantumati.
I nostri figli trasferiti in container o prefabbricati.
Dopo 18 anni è triste guardare allo spettacolo di degrado e abbandono in cui la scuola ancora versa, fa male al cuore, soprattutto a quelli che come me, in quella struttura hanno trascorso momenti felici della loro infanzia e poi ci hanno anche accompagnato i loro bimbi.
Forse fa più male, osservare come, in tutti questi anni, sia stata davvero scarsa l’attenzione che è stata rivolta a questa struttura in abbandono.
Nessuna idea di rilancio o di recupero per rivitalizzare quel giardino, magari attraverso la realizzazione di attività ludico-sportive, laboratori ludico-didattici, centri sociali e/o eventi aggregativi, in un’ottica di inclusione, o di far rivivere quelle grandi ed assolate aule, magari per realizzare mostre artistiche, caffè filosofici, pièces teatrali, sale di proiezione o altro, per far brillare uno spazio in degrado, restituendolo ai cittadini, per una migliore qualità della vita del nostro centro storico cittadino.
Chissà cosa avrebbe pensato di tanta incuria e inciviltà, la grande Maria Montessori, figura di straordinaria umanità, sensibile verso le ingiustizie delle classi più povere e disagiate, scienziata e intellettuale dalla vita pienissima, madre di un pensiero pedagogico senza tempo e di una avventura internazionale diventata eredità per generazioni di insegnanti ed educatori di tutto il mondo.


Ringraziamo il lettore B. per il contributo dato ai Venafrani

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button