Venafrano.org

LA PRESIDENTE DI CLEMENTE RIMETTE LE DELEGHE DI CONSIGLIERE ( AMBIENTE, FAMIGLIA, PARI OPPORTUNITÀ)…LANCIA UN APPELLO ISTITUZIONALE A TUTTI ” ABBASSIAMO I TONI.. RIMETTIAMO AL CENTRO I PROBLEMI DELLA GENTE”

VENAFRO. Bufera nella maggioranza. Dopo il consigliere Pasquale Barile anche la
presidente del Consiglio comunale Stefania Di Clemente rimette le sue deleghe o
meglio gli incarichi ricevuti. E lo fa con una lettera scritta ed indirizzata al sindaco
Antonio Sorbo protocollata la mattina del 22 gennaio. Le deleghe rimesse sono
all’Ambiente (senza servizi esternalizzati come la raccolta dei rifiuti), le Pari
Opportunità e la Famiglia. Sul perché di questa sua scelta Di Clemente risponde:” No
comment”. Proprio ieri ha lanciato un appello a tutti gli esponenti di maggioranza ed opposizione,
chiedendo il rispetto per le Istituzioni che ciascuno è chiamato a rappresentare. E consegna una
sorta di documento-sfogo:” Da giorni assistiamo a sterili scontri e polemiche, fuori da ogni
controllo. E’ necessario che la politica locale faccia lo sforzo di rimettere al centro del dibattito
temi fondamentali per la crescita della città. Mi appello al senso di rispetto delle Istituzioni e degli
interlocutori ed all’uso di toni più pacati, anche quando questi ultimi esprimono liberamente idee e
concetti che potrebbero essere non condivisi. La disaffezione alla politica e la diffidenza che molti
cittadini manifestano sempre più frequentemente è determinata anche dalla spiacevole
sensazione che qualcuno interpreti le istituzioni come una proprietà privata e si possa comportare
a proprio piacimento, ammesso che anche a casa propria si possa mancare di rispetto al
prossimo. Mettiamo da parte i personalismi e collaboriamo per il bene della Cosa Pubblica,
spendendo tutte le nostre energie ad affrontare i problemi seri che stanno a cuore a tutta la
collettività venafrana. Non dimentichiamo mai il ruolo assunto al momento del nostro insediamento
come amministratori, giurando fedeltà al nostro popolo ed alla Costituzione italiana, ricordando
che l’attenzione alla persona è condizione indispensabile per una buona e corretta azione politica
ad ogni livello. Solo un clima di rispetto ed equilibrio- continua a sostenere la presidente Di
Clemente- può essere di esempio a tutta la città che questo ci chiede“.. Poi Di Clemente sostiene
“… il primato dell’etica come elemento di guida e di ispirazione per ogni eletto, tanto più
indispensabile in questo difficile momento in cui la Città sconta preoccupazioni, si pone
interrogativi, chiede cambiamenti utili per ogni ceto sociale e soprattutto per i più indifesi. Il
radicale malcontento e la sfiducia nella politica si può riuscire a superare solo affermando il valore
della democrazia e della partecipazione, nel perseguimento di una giustizia sociale che è
garanzia di libertà“. Poi l’appello finale:” Lavoriamo in un clima sereno, rispettando ciascuno il
proprio ruolo, anche attraverso quella giusta e necessaria opposizione che dà vigore ed efficacia
all’azione amministrativa, senza però dimenticare che ciascuno di noi merita di non essere offeso
o denigrato”
fonte: molise24.it

Related Articles

Check Also
Close
Back to top button