DAL PORTALE

Mensa sana in cooperativa sana!

Non è un momento facile per l’amministrazione Sorbo, ai risultati ottenuti in questi giorni si affiancano non poche problematiche in merito alla mensa scolastica.
Non molti giorni fa i genitori, seguito avviso che vietava di introdurre alcuni alimenti all’interno dell’istituto scolastico, avviliti da una situazione difficile, richiedevano l’uscita anticipata dei propri figli dall’istituto.
Senza alcuna apparente motivazione tale richiesta non veniva accettata, situazione paradossale che poteva far prefigurare il reato di sottrazione di minore e/o sequestro di persona.
Molto probabilmente i genitori presenteranno denuncia presso il comando dei carabinieri di Venafro.
I problemi che oggi si affrontano e che gli alunni subiscono, vengono da molto lontano e sono aggravati soprattutto da una situazione economica disastrosa.
Non è notizia di questi giorni, infatti, la non agibilità di alcuni istituti,della mancanza dei requisiti fondamentali per la sicurezza degli alunni.
Negli scorsi anni l’istituto Testa è stato più volte sottoposto a critiche, innumerevoli volte veniva fatta presente al direttore scolastico la chiusura dell’uscita di emergenza con una catena, la pavimentazione non idonea nei pressi delle scale di emergenza che alla prima pioggia era soggetta ad allagamento.
Situazioni però mai emerse perché all’epoca poco importanti, o almeno non di rilevanza per chi oggi si trova all’opposizione, le stesse persone che per anni hanno amministrato male Venafro.
Del risanamento dei plessi scolastici l’amministrazione ne ha già preso atto e in questi ultimi periodi ha lavorato per questo ricevendo non pochi fondi.
Dalle notizie emerse, il giorno seguente alla protesta dei genitori risulta esserci stata una riunione presso l’aula comunale, si sarebbe paventata la possibilità di un affidamento diretto provvisorio, fino al mese di Gennaio praticamente.
La ditta incaricata a rigor di logica potrebbe essere la stessa che sta svolgendo il servizio presso Pozzilli, azienda che riscuote ad oggi apprezzamento da parte delle mamme e con non poca esperienza nella somministrazione di alimenti, dato che gestisce circa 15 mense.
Non resta che capire con che tempi e con quali costi.
I tempi non sembrano biblici, infatti, sembrerebbe che il tutto possa partire già lunedì 7 Ottobre, per i costi invece è tutto da vedere, su questo purtroppo non si hanno notizie.
Siamo comunque fiduciosi nella risoluzione di questo atavico problema.

Related Articles

Back to top button