DAL PORTALE

La protesta contro i politici sfocia negli insulti: "Imbecilli, pezzi di m…" – FOTO

Tutto è durato un’ora, ma è stata un’ora di protesta dura. Durissima. La manifestazione degli indignati davanti al Consiglio regionale ha radunato alcune centinaia di persone (circa 300 secondo la polizia, almeno il doppio invece per gli organizzatori) arrabbiate nei confronti della classe politica che non si è ridotta gli stipendi. Sono volati pomodori e anche tanti insulti. Non solo dai manifestanti (“Ladri, assassini, teste di c…”) ma anche dagli organizzatori che al micfrofono hanno urlato: “Sono una massa di imbecilli”.
Non sono mancati però anche inviti alla calma: “Non passiamo dalla ragione al torto – ha detto uno dei promotori – e poi c’è la Digos che fa le dfoto, state attenti”.
Pero’ alcuni manifestanti hanno insistito per la linea dura:
“Dobbiamo sfondare i cancelli”. Per il resto tanti strisconi, bandiere e slogan per la mancata riduzione degli stipendi: “Perché non avete mantenuto le promesse?”. E, provocatoriamente, con una cariola si invitava i presenti a lasciare “una offerta” per i politici.
Per tutto il tempo della manifestazione, mentre dei politici non si è vista nemmeno l’ombra (in strada l’unico consigiere presente era il grillino Antonio Federico), al microfono si sono susseguiti gli interventi di gente comune e nessun politico. Quindi ha parlato uno degli organizzatori, Giuseppe Mattucci. “Sono tutti collusi – ha accusato tra gli applausi – e noi non possiamo più tacere. Questi signori non hanno il coraggio di apffrontare i loro elettori, ma ormai hanno gettato la maschera, destra e sinistra stanno insieme. Ci hjanno preso in giro”.
Infine la promessa: “Questo è solo l’inizio della protesta”, e una accusa pure al vescovo: “Anche la Curia è collusa, Bregantini lo avremmo voluto qui oggi insieme a noi ma evidentemente ci sono degli interessi…”.
Poco dopo le undici scatta il rompete le righe (“Tanto questi non hanno le p… per venire fuori”) e la gente se ne va lanciando gli ultimi strali: “Pensano solo ai c…loro, si nascondono come ladri”. Intanto il Consiglio inizia. In aula si parla di altro. (el)
fonte:http://primapaginamolise.it/detail.php?news_ID=51810&goback_link=index.php

Related Articles

One Comment

Back to top button