Il Pdl pensa a Petrecca come nuovo leader della città

0
3

Non si guarda solo all’immediato. I giorni per Nicandro Cotugno sarebbero contati. Martedì la riunione della maggioranza e dei pattisti, ma già domani potrebbe arrivare il colpo di grazia per il governo cittadino. Il ciclo di Cotugno sembra chiuso. Lo hanno fatto capire i vertici del PDL. Così dicono i ben informati. E si sta cercando di trovare un candidato forte per il dopo Cotugno. Proprio così. E’ chi è il papabile successore dell’attuale sindaco? E’ presto detto.
L’assessore ai lavori pubblici Claudio Petrecca. Un nome che sarebbe gradito anche al Governatore Michele Iorio.
Bisognerà solo convincere l’altro leader incontrastato del Pdl molisano, l’Eurodeputato Aldo Patriciello che ha un peso contrattuale decisivo per le prossime elezioni comunali. Questo è poco ma sicuro.
Claudio Petrecca appare un pool position in ambito Pdl, ma si fanno anche i nomi, insistentemente di Enzino Bianchi e Vincenzo Cotugno.Quest’ultimo, secondo indiscrezioni, avrebbe manifestato l’interesse a gareggiare per la fascia tricolore e poter raggiungere l’obiettivo di portare a termine un mandato sindacale.
Mentre comincia a circolare anche il nome di Alfredo Ricci, pattista e che è ben visto negli ambienti vicini al Pdl. Ritornando a Nicandro Cotugno di certo appare difficile una sua ricandidatura.
Fonti attendibili riferiscono che il sindaco rimarrà fuori dai giochi. Per lui sarebbe pronta la nomina in un ente subregionale e un incarico di prestigio nel partito di Alfano.
Una cosa è certa: il Pdl appare deciso a dare alla città di Venafro, la quarta città del Molise un sindaco all’altezza della situazione. Una persona scelta con cura per puntare decisamente all’Europa.
Questo il quadro che comincia a venir fuori tra le tante anime del centrodestra, dalla sponda venafrana. Passando al fronte opposto, occorre dire che la posizione più forte è quella dell’ex consigliere regionale Massimiliano Scarabeo, con tutto il suo peso elettorale venuto fuori alle scorse elezioni regionali.
Scarabeo, punta di diamante del Partito Democratico, starebbe già lavorando per una lista di ampio respiro con la proposta di facce nuove e di rappresentanti di primo piano della società civile. A fianco di Scarabeo, ci sarà, di certo, l’ex Assessore comunale Adriano Iannacone.
E ci sarebbero anche contatti per avvicinare Scarabeo e Antonio Sorbo. Si muove anche il consigliere Massimiliano Di Vito, forte della sua adesione al partito del presidente Gianfranco Fini. Di Vito punta su una lista civica, composta da giovani e liberi professionisti del posto.
“Nella mia lista non ci sarà posto, di certo, per tutti coloro che hanno amministrato negli ultimi anni con il sindaco Cotugno”. Massimiliano Di Vito dunque ha le idee chiare. Le prossime elezioni lo vedranno di sicuro grande protagonista.