Nunziata Lunga, il no di Anas e Regione

0
1

VENAFRO. Fino a ieri solo notizie ufficiose. Ma nuove indiscrezioni trapelate confermano che il progetto della Bretella Nunziata Lunga sarebbe definitivamente stato accantonato. A bocciare l’idea della realizzazione dell’imponente infrastruttura sarebbero state proprio la Regione Molise e l’Anas che, nel corso dell’ultima conferenza di servizi, avrebbero ribadito l’impossibilità per il tracciato di attraversare l’area del Parco dell’Olivo. Ed avrebbero tacciato l’opera di inutilità, per la sua sovrapposizione con l’ormai certa e prossima autostrada Termoli – San Vittore. È sul sito Molise24 che l’indiscrezione trova i suoi margini di fondamento. Perché vengono pubblicati stralci dei pareri dei due enti in questione in ordine alla messa in opera della Variante. La Regione si esprime proprio sull’aspetto paesaggistico- ambientale della vicenda ed evidenzia come la Bretella, nel tratto in prossimità del cimitero comunale, andrebbe ad intaccare il territorio del Parco dell’Olivo in cui “ è vietata la monomissione e l’alterazione dello stesso territorio mediante movimento di terreno, scavi, apertura di nuove cave o strade ad eccezione di quelle autorizzate ai sensi della normativa vigente per la prevenzione dagli incendi “. Ma è l’ente Strade a fornire il parere più negativo. L’ingegner Michele Minnenna spiega che “il collegamento tra la SS 6 dir e la nuova variante di Venafro rappresenta, nel momento in cui verrà realizzata l’autostrada San Vittore-Campobasso, una ridondanza di percorso. Infatti, il traffico proveniente da San Vittore non sarebbe più interessato all’uso della Statale bensì dell’autostrada, quindi il valore di tale bretella è solo di natura temporanea”. Ed ecco che sulla questione si sono espressi anche gli ambientalisti. Questi ultimi, alla notizia dell’approvazione del progetto dell’Autostrada, convergono sull’idea che la costruzione della Bretella diventerebbe inutile. Anzi, rappresenterebbe addirittura una spreco di risorse economiche ed ambientali.
fonte : www.ilnuovomolise.it