Consorzio di Bonifica, Iorio anticipa i tempi

0
4

Ora la palla passa a Palazzo Moffa che dovrà nominare i tre membriIn anticipo sui tempi, il presidente della Giunta regionale, Michele Iorio, ha stabilito il termine entro il quale dovrà riunirsi il neo eletto consiglio del Consorzio di Bonifica. Entro il 28 aprile il consigliere anziano, Michele D’Agostino, dovrà convocare la prima assemblea che procederà all’elezione degli organi statutari. Le elezioni all’Ente si erano tenute lo scorso 11 marzo, nove giorni più tardi la proclamazione degli eletti aveva concluso l’intera fase elettorale. Il 23 marzo il fax ufficiale che dal Consorzio giungeva al Consiglio regionale per gli adempimenti di rito. Trenta giorni di tempo per fissare il tempo entro il quale tenere la prima riunione dell’assemblea, ad appannaggio del presidente della Giunta regionale, e la nomina dei tre membri, spettanti al Consiglio regionale. Il presidente Iorio, in anticipo, come detto, rispetto ai termini previsti dallo Statuto, ha, con proprio decreto, stabilito la data entro la quale gli eletti dovranno riunirsi. Adesso la palla passa al Consiglio regionale che avrà tempo fino al 22 aprile per eleggere i suoi tre membri. Da Statuto entro il 27esimo giorno, quindi fino al 19 aprile, il parlamentino di Palazzo Moffa potrà esprimere i tre nominativi. In assenza di tale adempimento, nei tre giorni seguenti, fino al 22 aprile quindi, le nomine saranno ad appannaggio esclusivo del presidente Pietracupa. I tre membri eletti dalla Regione si aggiungeranno ai dodici eletti dagli aventi diritto. Nella prima seduta si procederà alla nomina del presidente del Consorzio, dopo quasi due anni di commissariamento, del vicepresidente e dei membri dell’esecutivo. La votazione avverrà in maniera separata. Per le prime due cariche occorre la maggioranza assoluta, quindi otto preferenze. Per l’elezione dei membri dell’esecutivo, invece, ciascun consigliere delegato potrà esprimere due preferenze. A fine aprile quindi, rispettando la volontà di accelerare il prima possibile l’iter burocratico, il Consorzio di Bonifica tornerà ad essere un ente a guida democratica. Intanto il Consorzio, su sollecitazione della Coldiretti, ha provveduto, in queste ore, ad assumere quattro operai stagionali per la manutenzione degli impianti irrigui. Il loro futuro, in termini di eventuale proroga contrattuale, sarà poi affidato agli organi ordinari dell’Ente, subito dopo la prima assemblea